ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùModa uomo a Parigi / 5

Da Loewe Jonathan Anderson stupisce con l’erba che cresce dagli abiti e dalle scarpe

Inequivocabile messaggio di sostenibilità ambientale per lo stilista britannico, che a Milano ha appena sfilato con il suo brand - Hermès porta in passerella l’eleganza più rilassata

di Angelo Flaccavento

3' di lettura

Spazi bianchi, monumentali e pieni di possibilità: giunta alla quinta giornata, la tornata di sfilate parigine rilascia finalmente le dichiarazioni stilistiche di peso e di spessore, ma lo fa senza trucchi e inganni scenici. Parlano i vestiti, e solo quelli, presentati dentro scatole neutre. Da Loewe, Jonathan Anderson riflette con verve immaginifica sul rapporto tra naturale e digitale, ma anche tra reale e virtuale, e trova una soluzione tangibile e presente. «Sono tutti alla ricerca di come fare qualcosa nel metaverso – dice –, ma sarebbe forse più interessante lavorare su come creare una diversa materialità». A Parigi Anderson porta in passerella le creazioni della maison del gruppo Lvmh, ma è passato anche da Milano, dove ha sfilato il marchio che porta il suo nome.
La collezione per Loewe definisce una nuova realtà, nella quale il naturale e l'artificiale si completano e compenetrano. Il messaggio è affidato ad una serie di pezzi inauditi che sono probabilmente, al momento, solo idee, suggestioni, stimoli passibili di ulteriori sviluppi. Su un gruppo di indumenti - cappotti, felpe e pantaloni, cosi come sulle sneaker (foto in alto) - crescono lunghi fili d'erba - vera - che sono il frutto di un processo sperimentale sviluppato con Paula Ulargui Escalona; su altri si moltiplicano schermi digitali che riproducono stock images di paesaggi e situazioni naturali, incluso un bacio appassionato. Tutto ciò a cornice di una collezione di archetipi standardizzati e poi gonfiati, o striminziti, dal bomber ai pantaloni da running. Il look ricorda molto i tech guys che, nella Silicon Valley, hanno fatto e fanno le rivoluzioni che ci travolgono tutti stravolgendo il modo globale di vivere, vedere e pensare. Rivoluzioni che iniziano, però, come visioni quasi psichedeliche. La collezione ha proprio questo effetto, di espansione della mente; integra concetto e prodotto con lo stesso spirito sincretico con cui si integrano naturale e artificiale. Il risultato è puro progresso.

Anche Craig Green presenta in uno spazio bianco, e lo spirito è ugualmente progressivo, di una psichedelia lucida, tagliente, costruttiva. Il viaggio, mentale e materiale, parte dal bianco per terminare in una esplosione di colori, e dal mondo dell'infanzia per arrivare all'età adulta e infine tornare indietro. Le radici del lavoro di Green, che è un visionario dallo spirito pragmatico, affondano nel workwear e questo rende le sue elucubrazioni, anche le più difficili da seguire, concrete e tangibili. A questo giro il detour tra archetipi e iconografie include mondo equestre, avventura, sculture fluttuanti, stampe gigantizzate e persino l'abito formale con la cravatta, ed è particolarmente complesso, ma quel che ne viene fuori è un magnifico puzzle di tessere che non combaciano, e che in questo glitch liberano il potenziale innovativo.

Loading...

La logica del collage incontra una spiccata sensibilità cromatica da Kolor, il bel progetto di Junichi Abe, che torna a sfilare dopo alcune stagioni di silenzio. La prova è tesa, energetica, personale.

Da Hermès, Veronique Nichanian ha preso ormai da alcune stagioni a rinfrescare e ringiovanire l'enunciato, evitando però forzature giovanilistiche. Questa stagione abbondano gli shorts, da mane a sera, come i colori, su forme leggere e volumi aerei. Per il resto è l'usuale e benvenuta nonchalance, con la sapienza di fattura e il lusso di materia di cui solo Hermés è capace.

Il rodeo di Casablanca, completo di cavalli veri che poco o nulla aggiungono alla narrazione, ha un che di costumistico e kitsch, mentre le olimpiadi multiculturali di Marine Serre sono il miscuglio di activewear, look da sciuretta, denim e citazioni anni Novanta - Versace, in questo caso - cui il marchio ci ha abituato da tempo. Il prodotto abbonda, ma lo slancio, al momento, è fiaccato, sicché il risultato è poco personale.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti