ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùModa e design

Da Paneco i pannelli «green» fatti con gli scarti dei vestiti

Pannelli eco-sostenibili, che consentono di risparmiare parte dei 13 milioni di tonnellate di rifiuti legati all’industria mondiale dell’abbigliamento

di Giovanna Mancini

2' di lettura

Da alcuni anni la contaminazione tra il mondo della moda e quello dell’arredamento è sempre più forte: lo dimostra il crescente numero di grandi marchi del fashion che avviano divisioni dedicate alla casa e viceversa l’interesse da parte delle aziende del mobile di acquisire licenze per produrre questi brand. Ma la relazione tra i due mondi prende forma anche in aspetti più sottili e, per così dire, a monte della filiera produttiva.

È il caso di Paneco, brand giapponese che propone e realizza un nuovo modello di produzione orientato al riciclo, attraverso l’upcycling delle fibre di scarto dell’abbigliamento e la progettazione di un’economia circolare.

Loading...

Un modo per riutilizzare parte di 13 milioni di tonnellate di rifiuti legati all’industria mondiale dell’abbigliamento. La maggior parte degli abiti dismessi viene smaltita e incenerita, con emissione di enormi quantità di gas serra.

Dopo tre anni di analisi e ricerche, l’azienda guidata dal ceo Kazuhiro Hara, ha dato vita a un prodotto multifunzionale a supporto di designer, architetti e aziende alla ricerca di materiali ecosostenibili, innovativi e ad alte prestazioni e a loro volta riciclabili a fine vita. Paneco può essere applicato in diverse tipologie costruttive, dai rivestimenti ai prodotti di design e arredo (tavoli, pouf, sedute, lampade, armadi) o per nuove soluzioni da utilizzare per decorazioni interne, espositori e mobili in vari spazi come negozi, strutture commerciali, eventi e uffici.

Il 91,5% di ogni pannello è composto da capi di abbigliamento recuperati: per realizzarne uno delle dimensioni di 930 x 930 x 5.5 mm, occorrono ad esempio 20 camicie.

«Presente sul mercato da più di anno, la nostra azienda ha una capacità produttiva mensile di circa mille fogli di altissima qualità e finitura – spiega Kazuhiro Hara –. Il nostro obiettivo è quello di passare a una produzione di grande scala senza compromessi in termini di qualità, per ridurre sempre più i rifiuti della moda e contribuire alla salvaguardia del nostro Pianeta».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti