Londra

Da Phillips risultati in crescita e gli italiani vendono all’estero

Aste diurne e serali per 36,3 milioni di sterline. A Londra le opere della collezione Righi raggiungono 3,4 milioni di sterline, mentre a Parigi da Sotheby’s quelle della collezione Esposito 787.752 euro

di Maria Adelaide Marchesoni

4' di lettura

Effetto vaccini? Forse ma i recenti risultati delle aste di Phillips di arte del XX secolo e contemporanea e opere della collezione di Enea Righi (Londra 15-16 aprile) hanno ancora una volta confermato che il segmento delle aste rimane da circa un anno quello più “effervescente” con risultati che, di volta in volta, non deludono nonostante le continue avversità della crisi pandemica. Il trend positivo è confermato anche dall'analisi periodica di ArtTactic che segnala che il valore delle aste è aumentato del 50% a livello globale nel primo trimestre del 2021, in quanto le case d'asta hanno continuato a incrementare le offerte online. Christie's, Sotheby's e Phillips hanno realizzato un totale di 1,26 miliardi di dollari generati da 142 aste nei primi tre mesi del 2021, rispetto agli 835,5 milioni di dollari con 69 vendite dello scorso anno.

L'arte del 900 e contemporanea da Phillips riparte con slancio

L'arte del 900 e contemporanea da Phillips riparte con slancio

Photogallery7 foto

Visualizza

La vendita serale

Nel complesso il totale delle vendite serali e diurne di Phillips che si sono svolte a Londra tra il 15 e il 16 aprile compresa la collezione Enea Righi hanno generato 36,3 milioni di sterline. In dettaglio la vendita serale di arte del XX secolo e contemporanea - trasmessa in live-streaming da Londra, New York e Hong Kong - ha raccolto 24,8 milioni di sterline, con un aumento del 17% rispetto alla vendita equivalente del febbraio 2020, che si era tenuta in presenza. Il risultato è stato in linea con le stime pre-vendita comprese tra 16,7-23,5 milioni di sterline.Il top lot della vendita serale 20th Century & Contemporary Art, che comprendeva 35 lotti, «La féconde journée» di Jean Dubuffet dalla serie «Théâtres de mémoire», è stato venduto a più del doppio rispetto alla stima massima (prezzo vendita 4,37 milioni di £, stima 1,5-2 milioni di £). Successo per un dipinto del canadese Matthew Wong «Two women», 2017 venduto per 954.200 sterline, il doppio rispetto alla stima massima (350-450.000 £). Gli highlight moderni includevano la scultura in bronzo «Nu debout II» di Alberto Giacometti, venduta per 1,8 milioni di sterline. Uno dei primi lotti - un dipinto di Tamara de Lempicka che raffigura la testa di una donna addormentata su un fondo d'oro scintillante del 1930 circa - è stato ritirato dal venditore svizzero poco prima della vendita. Ci si aspettava che la tela raggiungesse un valore di 1,5 milioni di sterline. Nell'asta, a conferma della strategia di Phillips di includere anche giovani artisti internazionali, sono state vendute tra gli altri il dipinto «Untitled», 2018 della ventisettenne britannica Joy Labinjo per 69.300 £, (stima 20-30.000 £) ed è stato stabilito un record mondiale per l’ingelse Tunji Adeniyi-Jones, (1962) 151.200 £, dalla stima tra 30-40.000 £, il precedente è stato nel 2020 (163.800 $) e un prezzo eccezionale per Lina Iris Viktor, che ha fatto il suo debutto nell'asta serale («Constellations III», 2016, venduto per 195.300 £, stima 30-50.000 £), il cui lavoro è stato recentemente celebrato in una personale al museo Fotografiska di Stoccolma.

Loading...

Collezione Enea Righi

Il totale della vendita diurna 20th Century & Contemporary Art Day Sale pari a 11,5 milioni di £ è stato il secondo ammontare più alto per una London Day Sale nella storia della casa d'aste. Quattro record mondiali d'asta sono stati stabiliti per artisti come Alex Gardner, Eddy Kamuanga Ilunga, Niniko Morbedadze e Rose Wylie, e ulteriori risultati eccezionali sono stati raggiunti per «The Soccer Team» di Claire Tabouret e «Bird with Grenade» di Banksy. L'asta diurna comprendeva 26 lotti (3 invenduti e uno ritirato) della collezione privata di Enea Righi che complessivamente hanno realizzato circa 3,4 milioni di £ (stime 2,53-3,675 milioni di £) ed è stata caratterizzata da prezzi elevati per le opere di Alighiero Boetti ed Etel Adnan che hanno visto superare di gran lunga le stime. Le aste confermano il potere del livestreaming e il ceo di Phillips, Edward Dolman, ha sottolineato che «le vendite in livestream rimarranno anche se non vedo l'ora di rivedere le persone in sala» un desiderio condiviso da tanti operatori.

Collezione Ernesto Esposito

Un altro collezionista italiano sceglie una piazza al di fuori dei confini per l'incanto. A Parigi da Sotheby's, dal 2 dal 2 al 12 aprile nell'asta «Chez Ernesto Esposito à Rome From Jean Prouvé to Alighiero Boetti», è stata battuta la collezione di Ernesto Esposito, designer di scarpe di lusso. La collezione rendeva omaggio al design del XX secolo dagli anni '50 fino agli anni '80 da Jean Prouvé alle opere d'arte del gruppo milanese Memphis, con artisti come Ettore Sottsass, Nathalie du Pasquier e Michele De Lucchi. Nel complesso la vendita con 57 lotti ha generato un ammontare complessivo pari a 787.752 euro. Top lot «Libreria pensile Antony» del 1954 realizzata da Charlotte Perriand e Jean Prouvè (prezzo 119.700 euro, stima 50-70.000 euro) seguito dall'opera su carta «Copertine di marzo», 1983 di Alighiero Boetti aggiudicata nella parte bassa delle stime pre-asta (88.200 euro, stima 70-100.000 euro).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti