Etica e ambiente

Da Piquadro l’indice green su ogni zaino riciclato

Da due anni la società redige un bilancio di sostenibilità

di Marika Gervasio

default onloading pic
Uno zaino della Green Collection Pq-Bios Piquadro

Da due anni la società redige un bilancio di sostenibilità


2' di lettura

«Essere un’impresa sostenibile è un concetto molto ampio che va dal monitoraggio dell’impatto ambientale delle proprie attività all’impegno sociale che significa rispetto della salute di lavoratori e consumatori e dei diritti dell’uomo; poi c’è tutta l’attività legata al progetto di un prodotto. Per esempio l’anno scorso siamo diventati stakeholder della start-up Vintag, un marketplace e una mobile App di social shopping dedicata al vintage, per la rivendita di prodotti usati The Bridge. E il nostro impegno etico e verso l’ambiente è attestato dal Bilancio di sostenibilità che redigiamo già da due anni».

Ne è convinto Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato del gruppo Piquadro - da lui fondato nel 1987 in provincia di Bologna - che opera nel settore degli accessori in pelle attraverso i marchi Piquadro, The Bridge e Lancel con una rete distributiva in oltre 50 Paesi nel mondo e 180 punti vendita che includono 100 boutique a insegna Piquadro (63 in Italia e 37 all’estero), 13 negozi The Bridge (12 in Italia e 1 all’estero) e 67 a insegna Lancel (57 in Francia e 10 all’estero) con un fatturato consolidato 2018-19 di 147,5 milioni di euro e un utile netto di circa 34,5 milioni. E per il 2019-20 si prevede di superare quota 160 milioni anche grazie all’accelerazione del percorso di crescita internazionale dopo l’acquisizione della maison Lancel.

«Il nostro export pesa per oltre il 50% sui ricavi - aggiunge Palmieri -. Francia, Spagna, Russia e Germania sono i nostri mercati principali, ma volgiamo accelerare sull’Asia».

La sostenibilità di Piquadro è protagonista a Pitti Immagine Uomo l’azienda presenta la Green Collection Pq-Bios, la sua prima collezione di zaini e accessori in materiali riciclati. Tutto nasce dall’Econyl, un filo di nylon rigenerato - ovvero ricavato dalla trasformazione dei rifiuti come reti da pesca, scarti di tessuto, moquette usate e plastica industriale provenienti dalle discariche e dagli oceani di tutto il mondo - che viene trasformato in un filato pronto per essere usato nella produzione industriale. Le fodere interne e le fettucce sono tutte 100% RPet, plastica riciclata certificata Global Recycled standard. Infine ogni prodotto è provvisto di un cartellino che riporta il Pq-Recycled Index, un indice ideato da Piquadro per attestare il rapporto tra il peso del materiale riciclato utilizzato in quel prodotto e il peso totale del materiale impiegato per realizzarlo.

Anche il packaging e il merchandising di prodotto sono realizzati in materiali riciclabili: dalla carta certificata Fsc (Forest Stewardship Council) agli inchiostri ecologici a base di soia fino al cotone riciclato per la corda dei manici dei sacchetti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...