ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGuerra e politica

Da Putin a Zelensky: cosa ha detto Berlusconi nei video della discordia

L’amicizia tra Berlusconi e Putin, che molti credevano si fosse incrinata dopo l’invasione dell’Ucraina, sembra invece più viva che mai

di Andrea Gagliardi

Berlusconi: «Putin voleva sostituire Zelensky con un governo di persone perbene»

3' di lettura

Oltre 20 anni di feeling. E un rapporto che da quel primo incontro al G8 di Genova nell’ormai lontano 2001 non sembra essersi mai interrotto. Malgrado qualche delusione, come il telefono rimasto muto quando Berlusconi provò a chiamare Putin dopo l’invasione russa in Ucraina. Ma i veri amici non si dimenticano, e si ritrovano, come ha raccontato il Cavaliere, annunciando due giorni fa in un audio pubblicato da Lapresse ai suoi deputati di aver “riallacciato” con Putin che lo avrebbe definito «il primo tra i suoi 5 veri amici», inviandogli 20 bottiglie di vodka per il suo compleanno.

Con tanto di letterina “dolcissima”, subito corrisposta con un’altrettanto “dolce” missiva e qualche cassa di Lambrusco. Tra lo stupore della politica internazionale. La linea dell’Europa sull’Ucraina è chiara, non si discute e unisce tutte le istituzioni comunitarie.

Loading...

Berlusconi: Zelensky? Non dico quello che penso

Ieri infatti è andato in scena il seguito. Nel pomeriggio, LaPresse ha diffuso un nuovo audio (la seconda parte dell’audio diffuso il giorno prima), in cui il leader di Forza Italia ha usato parole sprezzanti per il presidente ucraino Zelensky. «Io non vedo come possano mettersi a un tavolo di mediazione Putin e Zelensky. Perché non c’è nessun modo possibile. Zelensky, secondo me... lasciamo perdere, non posso dirlo...».

La ricostruzione di Berlusconi

La ricostruzione del conflitto da parte del Cavaliere è “revisionista” e coincide con la versione di Mosca. Eccola, nelle parole del diretto interessato. «Nel 2014 a Minsk, in Bielorussia, si firma un accordo tra l’Ucraina e le due neocostituite repubbliche del Donbass per un accordo di pace senza che nessuno attaccasse l’altro. L’Ucraina butta al diavolo questo trattato un anno dopo e comincia ad attaccare le frontiere delle due repubbliche. Le due repubbliche subiscono vittime tra i militari che arrivano, mi si dice, a 5-6-7mila morti».

L’accusa: Zelensky ha triplicato attacchi a Donbass

L’accusa a Zelensky è di aver triplicato gli attacchi alle due repubbliche». E allora, disperate, le due repubbliche (...) mandano una delegazione a Mosca (...) e finalmente riescono a parlare con Putin. Dicono: «Vladimir non sappiamo che fare, difendici tu». «Lui - aggiunge - è contrario a qualsiasi iniziativa, resiste, subisce una pressione forte da tutta la Russia. E allora si decide a inventare una operazione speciale: le truppe dovevano entrare in Ucraina, in una settimana raggiungere Kiev, deporre il governo in carica, Zelensky, e mettere un governo già scelto dalla minoranza ucraina di persone per bene e di buon senso, un’altra settimana per tornare indietro». Ma l’esercito entrato in Ucraina « si è trovato di fronte a una situazione imprevista e imprevedibile di resistenza da parte degli ucraini, che hanno cominciato dal terzo giorno a ricevere soldi e armi dall’Occidente. E la guerra, invece di essere una operazione di due settimane, è diventata una guerra di duecento e rotti anni». E ancora: oggi, purtroppo, nel mondo occidentale, non ci sono leader, non ci sono in Europa e negli Stati Uniti d’America.

Il tentativo di dietrofront

Le parole di Silvio Berlusconi su Vladimir Putin, ancora prima del nuovo audio sui commenti dell’ex premier su Volodymyr Zelensky, in una manciata d’ore sono diventate un caso internazionale. Di qui il tentativo imbarazzato di dietrofront: «La mia posizione personale e quella di Forza Italia non si discostano da quella del Governo Italiano, dell'Unione Europea, dell'Alleanza Atlantica né sulla crisi Ucraina, né sugli altri grandi temi della politica internazionale. Lo abbiamo dimostrato in decine di dichiarazioni ufficiali, di atti parlamentari, di voti alle Camere». E ancora: «In 28 anni di vita politica la scelta atlantica, l'europeismo, il riferimento costante all'Occidente come sistema di valori e di alleanze fra Paesi liberi e democratici sono stati alla base del mio impegno di leader politico e di uomo di governo». Infine, dopo aver parlato di «dossieraggio indegno» ha precisato: «Niente pace se diritti Ucraina non tutelati». Troppo tardi, forse.

Il legame tra Berlusconi e Putin

Il legame tra Berlusconi e Putin del resto è antico. Regali, compleanni trascorsi insieme, tante vacanze, in una spola tra la Costa Smeralda e la dacia di Sochi che ha visto per anni i due stringere il loro legame. Anche nei momenti più difficili nella vita di Berlusconi, Putin c’è sempre stato. Come quando arrivò a Milano per incontrare Silvio che, obbligato ai servizi sociali, dovette ottenere un permesso dal tribunale di sorveglianza per lasciare Arcore e trascorrere una serata insieme. Fino alle tre di notte, tra tagliolini, tartufi e ricordi immortalati da tante foto: in Russia insieme col colbacco, a palazzo Grazioli con l’immancabile barboncino Dudù pochi giorni prima dell’invasione della Crimea, dove il Cavaliere fu poi il primo leader occidentale ad atterrare, nel settembre del 2015, dopo l’annessione russa. Un’amicizia speciale insomma, che molti credevano si fosse incrinata ma che invece - parola di Berlusconi - è più viva che mai.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti