orologi&sport

Da Richard Mille un cronografo per il c. t. Roberto Mancini

Per i minuti (e i secondi) preziosi di un allenatore, ecco un’evoluzione del primo modello realizzato insieme al coach. Il prezzo: 201.300 euro

di Paco Guarnaccia


default onloading pic

2' di lettura

Con la presentazione del modello RM 11-04 Cronografo Flyback Automatico Roberto Mancini, la casa orologiera Richard Mille continua la sua collaborazione con il commissario tecnico della nazionale italiana di calcio che debutterà ai prossimi Europei il 12 giugno 2020 a Roma contro la Turchia.

Questo nuovo orologio è un’evoluzione, attualizzata, del primo modello realizzato insieme al coach nel 2013 (l’RM 11-01 Roberto Mancini), pensato per chi, allenatore, dirigente o tifoso - sicuramente una persona con una buona disponibilità economica visto il costo di 201.300 euro -, vive le partite di calcio a 360°. Sul quadrante sono presenti le indicazioni che, azionando il cronografo flyback premendo i pulsanti sul lato della cassa, mostrano i tempi regolamentari di 45 minuti di un match, i minuti di recupero e, persino, gli eventuali tempi supplementari.

Inoltre, tra le funzioni, si trovano un datario e il calendario annuale. Il tutto è animato da un movimento meccanico a carica automatica, il calibro RMAC3, con platina e ponti in titanio grado 5, una lega ultra resistente utilizzata nell’industria aerospaziale. Lo stesso materiale è usato insieme a inserti in oro e ceramica per il rotore a geometria variabile.

Rispetto alla versione del 2013, la cassa dalla forma tonneau di 49,94 x 44.50 mm è in Carbon TPT, un materiale composto da 600 strati di carbonio impregnati da una particolare resina. Per quanto riguarda i colori, L’RM 11-04 richiama quelli della bandiera italiana sul quadrante scheletrato e sui pulsanti cronografici, mentre l’azzurro della maglia della nazionale si trova sulla corona, nel datario e sul cinturino in caucciù.

«Come allenatori, sta a noi guidare perfettamente i nostri giocatori. Ecco perché il tempo deve essere controllato e gestito. È uno dei parametri che può significare la vittoria come la sconfitta. Gli ultimi secondi possono essere decisivi poiché danno ancora la possibilità di cambiare il risultato di una partita», spiega Mancini.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...