fiction

Da Stranger Things al Trono di Spade: ecco le dieci serie tv del decennio

Un ripasso per ricordare quali sono le serie tv che hanno in qualche modo innovato un genere soggetto a costante innovazione. Da anni

di Luca Tremolada

default onloading pic

Un ripasso per ricordare quali sono le serie tv che hanno in qualche modo innovato un genere soggetto a costante innovazione. Da anni


3' di lettura

La selezione è personale, non c’è nulla di scientifico. Quindi molti capolavori sono rimasti fuori della top ten. Scegliere è un mestiere difficile e fallace.

1) Il Trono di Spade (2011-2019)
L’adattamento della saga letteraria di George R.R. Martin ha portato sul piccolo schermo il lato violento e politico del fantasy. Produzione stellare, cast che è entrato nella leggenda e un budget che le serie tv non hanno mai conosciuto. Ad oggi è il Guerre Stellari delle serie Tv.

Il Trono di Spade

2) Westworld (2016-)
Il parco divertimenti in stile western per androidi è partito fortissimo e poi si è un po’ perso avviluppandosi su se stesso. La scittura è eccellente e l’immaginario evocato potente. A volte con certi dialoghi tocca tornare indietro per capire cosa hanno detto.

Westworld

3) The Walking Dead (2010-) 
Gli zombie così non li aveva mai visti nessuno. Stanno sullo sfondo perché i veri mostri sono i sopravvissuti . Paradossalmente è la serie do morti viventi per eccellenza. Siamo alla decima stagione. Non si rassegna a morire.

The Walking Dead

4) Stranger Things (2016-)
Un prodotto per nostalgici degli anni Ottanta. Dentro ci sono i Goonies, Ghostbuster e il paranormale, ma quello bello. Ben recitato e con qualche scena che rimarrà nella storia delle serie tv.

Stranger Things

5) Vikings (2013-)
Drammone storico sui vichinghi incentrato sulla figura del leggendario re-guerriero Ragnar Lothbrok. Belle le ambientazioni e i personaggi. Si entra nella mitologia norrena tra colpi di ascia e rituali raccapriccianti. Siamo alla sesta stagione, Ragnar è morto ma ci sono i figli. Odino, il dio della guerra, sarebbe fiero di loro.

Vikings

6) House of Card (2013-2018)
È finita un po’ in sordina anche in seguito allo scandalo che ha travolto Kevin Spacey, vero mattatore della serie nei panni dello spietato politico Francis Underwood. Il potere, la politica, il sesso: un ritratto così feroce non si erano mai visto sul piccolo schermo. House of Card, tra l’altro, è stata la serie che ha fatto conoscere al mondo Netfix.

House of Card

7) Homeland (2011.-)
Ci sono serie che dici: bellissima la prima stagione, poi.... Ecco Homeland è tra quelle. Carrie Mathison, l’agente della Cia con disturbi di comportamento resterà nella storia. Ancora di più la figura di Nicholas Brody il sergente della Marina che torna dopo essere stato catturato dai terroristi islamici. Insieme fanno scintille. Peccato duri poco. La coppia, non la serie.

Homeland

8) American Horror Story (2011-)
La serialità dell’horror esiste e funziona. L’idea geniale è quella di riprendere gli stilemi del film di paura e tradurli con il ritmo di una clip musicale. Si comincia con la casa stregata dai fantasmi e si arriva ai classici stile Venerdì 13 degli anni Ottanta. È un horror pop non sempre inspirato ma di grande impatto.

American Horror Story

9) Gomorra (2014-)
Resta la serie più amata. Tratta dal romanzo di Roberto Saviano che ha lavorato all'adattamento, ha dimostrato che anche noi italiani siamo in grado di gareggiare con gli studios di Hollywood. La sensazione è che si stia un po’ spegnendo ma l’ambientazione e i personaggi sono sempre perfetti.

Gomorra

10)  The Marvelous Mrs. Maisel (2017-)
O per chi la preferisce tradotta in italiano “La fantastica signora Maisel”. Andrebbe ascoltata in lingua originale. Quando pensi a una serie perfetta, in tutto pensi a lei. Siamo nella New York di fine anni Cinquanta. La serie è arrivata alla terza stagione e ha già vinto tre Golden Globe e cinque Emmy.

The Marvelous Mrs. Maisel

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...