Il furto dell’Iva

LE FRODI CAROSELLO SULL’IVA NEI PAESI UE

Da Vienna a Londra, ecco cosa rivela l’inchiesta «Grand Theft Europe»

di Angelo Mincuzzi e Giulio Rubino


Come funzionano le frodi carosello

11' di lettura

Come si arriva all'astronomica cifra di 50 miliardi di euro all'anno sottratti alle casse dei 28 paesi dell'Unione europea attraverso le frodi carosello sull'Iva? Ecco cosa succede nei paesi al centro dell'inchiesta internazionale “Grand Theft Europe”, un progetto che ha coinvolto 63 giornalisti di 35 media dei paesi membri della Ue più Svizzera e Norvegia (per l’Italia ha partecipato Il Sole 24 Ore), coordinati dal centro giornalistico non profit tedesco Correctiv. Aumentano le frodi legate ai certificati verdi e all’energia in generale. E sullo sfondo, in alcuni paesi, c’è il rischio che i proventi delle truffe carosello vengano impiegati per finanziarie il terrorismo islamico.

Austria, lo strano caso delle frodi CO2

L'Austria è stata coinvolta in una delle più grandi frodi carosello della storia. Quando sono cominciate le truffe con i certificati di emissione di CO2 per ottenere prelievi fiscali illegali, alcuni truffatori hanno utilizzato certificati forniti da una società vicino a Vienna, che è riuscita per anni a mantenere un basso profilo. Nel 2009 la società aveva solo quattro dipendenti. Ma secondo una bozza del profilo aziendale, puntava a un fatturato di più di 2 miliardi di euro quell'anno. Poi, nell'aprile 2010, i loro uffici sono stati perquisiti dalla polizia, che ha confiscato migliaia di pagine di documenti: informazioni preziose sui clienti dell'azienda, tra i quali anche un sospetto truffatore svizzero il cui soprannome è “il banchiere” e che è stato arrestato alla fine del 2015 all'aeroporto di Vienna.

Belgio, persi 405 milioni di 10 anni

Negli ultimi dieci anni il Belgio ha perso 405 milioni di euro a causa delle frodi carosello sull'Iva. Indagini recenti hanno scoperto che i caroselli coinvolgono ogni attività, dalle auto agli impianti idraulici, fino alle strutture per servizi igienici, ma anche nuovi settori come le “garanzie di origine dell'elettricità”. Quasi 20 anni fa il Belgio ha perso più di un miliardo di euro per i caroselli Iva, ma grazie a un sistema di controlli molto più efficiente l'entità delle frodi è stata ridotta a meno di 45 milioni di euro lo scorso anno. I truffatori belgi continuano tuttavia a organizzare truffe carosello in altri paesi, come la Germania, dai loro quartier generali a Bruxelles.

Bulgaria, i collegamenti con l’Isis

Dallo Stato islamico, attraverso la mafia italiana, ai crimini dei colletti bianchi e al riciclaggio di denaro sporco. L'inchiesta svela come un 37enne bulgaro si è unito a una rete danese di frodi Iva collegata all'Isis, spiega perché un italiano coinvolto in schemi carosello ha deciso di avviare un'attività in Bulgaria e quale ruolo ha giocato la Bulgaria nel caso di frode sull'Iva che ha coinvolto Deutsche Bank.

Croazia, 70 milioni bruciati

Secondo i dati della Commissione europea, la Croazia ha perso soltanto 70 milioni di euro in tasse nel 2016 a causa delle frodi carosello sull'Iva, quasi la metà rispetto all'anno precedente. Il paese ha un organismo designato per combattere le frodi fiscali, in particolare i caroselli Iva ma anche i casi che hanno riguardato i funzionari dell'ufficio delle imposte coinvolti in frodi. Come accade anche in Slovenia, in Croazia i truffatori spesso organizzano a frodi Iva attraverso la vendita di carburante e coinvolgendo aziende italiane e slovacche.

Cipro, il governo punta sulla reverse charge

Nei primi giorni del 2010, reti criminali costituivano società e aprivano conti bancari a Cipro per avviare frodi carosello sull'Iva attraverso i certificati verdi. Recentemente le autorità cipriote hanno riconosciuto l'esistenza del problema e hanno compiuto diversi sforzi per combattere gli schemi illeciti. Le autorità bancarie cipriote hanno messo in atto una nuova regolamentazione per combattere il riciclaggio di denaro sporco e migliaia di conti bancari sono stati chiusi a partire dal 2014. Il governo, inoltre, prevede di introdurre la reverse charge sulle apparecchiature elettroniche e sul commercio di telefoni cellulari, settori estremamente vulnerabili alle frodi carosello.

Repubblica Ceca, frodi sulla metà dell’import di benzina

Le frodi Iva transfrontaliere sono la più grande forma di evasione fiscale nella Repubblica Ceca, secondo le autorità fiscali del paese. Oltre la metà delle importazioni di carburante sono state colpite da frodi Iva nel periodo 2012-2013. Tra i casi investigati c'è quello che ruota attorno a Shahram Abdullah Zadeh , cittadino ceco nato in Iran, che avrebbe creato uno schema responsabile dell'evasione fiscale di 100 milioni di euro nell'importazione di carburanti nel 2012-2013. Un altro caso che ha comportato una truffa di 40 milioni di euro nei certificati CO2 ha coinvolto la società energetica E.On. Anche l'ufficio delle imposte della Repubblica Ceca è stato paradossalmente interessato da una truffa quando nel 2015 ha comprato a buon mercato telefoni cellulari immessi sul mercato al termine di una frode carosello. Il governo vorrebbe generalizzare il meccanismo della reverse charge per tutte le materie prime e per le transazioni superiori ai 17.500 euro.

Danimarca, società fantasma senza sede

Milioni di euro sono spariti attraverso una complicata rete di transazioni in Norvegia, Polonia, Germania e Slovenia che hanno riguardato anche la società danese Castor Energy, oggi liquidata. Il caso Castor Energy ha legami con una possibile frode negli Stati Uniti che coinvolge un’inchiesta dell'Fbi su una rete di cittadini danesi residenti negli Stati Uniti e a Dubai. Sono state individuate nove società che realizzavano frodi Iva e che erano domiciliate in luoghi dove non esisteva nessun edificio. In uno dei siti c'era solo un contatore della luce.

Estonia, ridotto il gap dell’Iva

L'Estonia è riuscita a ridurre il gap tra Iva dichiarata e Iva effettivamente versata a 140 milioni di euro nel 2018 rispetto ai 202 milioni nel 2014 ed è tra i paesi della Ue che combattono più attivamente le frodi carosello. Tuttavia, i truffatori sono ancora lì. Gli schemi, infatti, sono diventati più complessi e coinvolgono più paesi. Un caso investigato è quello di una frode attuata da cittadini estoni in Svezia e in Finlandia e che riguardava metalli preziosi. I soldi venivano poi riciclati in Estonia.

Come funzionano le frodi carosello

Finlandia, la tempestività è tutto

L'amministrazione finanziaria finlandese stima una perdita annuale di gettito dovuta alle frodi carosello sull'Iva di soli 30 milioni di euro. Una stima molto bassa se la si confronta con le entrate fiscali dovute all'Iva, che nel 2017 sono state di 14,8 miliardi di euro. Il motivo, secondo le autorità fiscali, è dovuto alla tempestività delle analisi e della collaborazione con i paesi nordici e baltici, ma anche con Eurofisc. Sono stati analizzati cinque casi in cui l'autorità fiscale ha dovuto segnalare i fatti alle autorità inquirenti. Quattro di questi casi sono stati investigati dalla dogana e sono ora presso l'ufficio dei pubblici ministeri. Uno di questi casi coinvolge Polonia, Lettonia, Estonia, Finlandia e Svezia. La perdita fiscale è di 2 milioni di euro. Gli altri tre casi investigati dalla dogana riguardano Estonia e Finlandia e la perdita è di 1,5 milioni di euro.

Francia, creata la “task force Iva”

Tra il 2008 e il 2009, la Francia ha sperimentato la più grande frode della storia, quella sui crediti CO2. Si stima che l'ammontare della truffa sia stato di circa 1,6 miliardi di euro. Nel 2014 è stata implementata una nuova strategia per scoprire il più presto possibile le frodi Iva. L'obiettivo è di coordinare il lavoro tra amministrazione, ministero del bilancio e della giustizia. Lo stesso anno sono state create la “Task Force Iva”, una struttura operativa interministeriale che opera con Tracfin (il servizio di intelligence del ministero del Bilancio) e un'unità di “data mining” all'interno dell'amministrazione fiscale. Vengono usati nuovi metodi statistici per identificare “società false” e “rompere” il meccanismo delle frodi carosello. Nel settembre 2018, il ministero del Bilancio ha annunciato la creazione di un “osservatorio della frode fiscale” (Observatoire de la fraude fiscale ). Ma l'Osservatorio non è ancora operativo.

Germania, il racconto di un insider

L’inchiesta vede al centro il racconto di un insider che per anni ha fatto parte di un giro di frodi carosello e che rivela i meccanismi utilizzati e le sue strutture. Parla anche il magistrato Marcus Paintinger, che ha coordinato decine di inchieste sulle frodi all'Iva.

Grecia, le pressioni della Troika

Ci sono alcune tracce greche nella frode fiscale del carbonio europeo, sebbene il mercato del CO2 greco sia molto piccolo rispetto agli altri stati membri della Ue. Le aziende che hanno preso parte al mercato dei certificati verdi negli anni 2008-2012 non superano le 100. Tranne alcune grandi centrali elettriche, la maggior parte delle aziende produceva materiali per costruzioni. A causa della crisi economica in Grecia, l'industria delle costruzioni si è ridotta drammaticamente, le aziende hanno tagliato la produzione e hanno venduto i loro crediti di carbonio principalmente nel Nord Europa.
Il governo di Atene è stato pressato dalla Troika affinché restituisse l'Iva dovuta alle società private. In due anni l'Iva dovuta alle imprese è stata ridotta da 3 miliardi di euro a 700 milioni. Ciò significa che oltre 2 miliardi di euro sono stati restituiti al settore privato senza molto controllo e questa procedura ha alimentato le frodi carosello. Nel 2018 il ministero delle Finanze ha individuato 86 casi di questo tipo che sono costati allo stato greco 20,2 milioni di euro. Nel 2017 erano stati individuati 81 casi di carosello che sono costati allo stato greco 23 milioni di euro. Mentre altre 80 società sospettate di frode sono sotto inchiesta.

Ungheria, il paese con l’aliquota più elevata

L'Ungheria ha l'aliquota Iva più elevata della Ue (27%) e offre, dunque, un guadagno potenziale più alto per le frodi carosello. Il governo ha introdotto varie misure per combattere le frodi Iva, come ad esempio un sistema di controllo del commercio “Ekaer” e il sistema di segnalazione delle fatture online, la riduzione dell'Iva o l'introduzione del meccanismo di inversione contabile per alcuni prodotti. Ma il paese continua a essere vulnerabile alle frodi carosello.

Irlanda, occhi puntati sulle banche

Alcune società sotto inchiesta per aver organizzato frodi fiscali in Europa hanno utilizzato banche irlandesi e società “scudo” per realizzare centinaia di transazioni per un valore di centinaia di migliaia di euro. Alcuni documenti mostrano l'utilizzo di Ulster Bank e Bank of Ireland nelle transazioni. I documenti mostrano anche che la Bank of Ireland era parte contraente di accordi che coinvolgevano piattaforme finanziarie sospettate dalle forze di polizia europee di aver svolto il ruolo di hub per transazioni di frodi fiscali.

Lettonia, delusi dall’inversione contabile

Dal 1999 la Lettonia si è basata sul meccanismo dell'inversione contabile in molti settori dell'economia. Lo stato baltico ha cambiato più volte la regolamentazione su questo argomento, includendo sempre più settori nel reverse charge. Dopo 20 anni le autorità fiscali lettoni riconoscono che il meccanismo non ha fornito miglioramenti a lungo termine dell'economia.

Lituania, indagini su 50 casi

L'anno scorso le autorità fiscali lituane hanno rilevato Iva non dichiarata per 35,4 milioni di euro, ma ammettono che le frodi carosello sono una “brutta bestia” e che non è possibile determinare quanto costino esattamente ai contribuenti lituani. La Financial Crime Investigation Agency lituana sta indagando su 50 casi (con 50 milioni di euro di danni) connessi a frodi Iva.

Lussemburgo, la rete delle shell companies

I truffatori giocano al gatto e al topo con le autorità fiscali: dopo la frode commerciale del carbonio si sono spostati sul settore energetico. Sfruttando le leggi poco stringenti del Lussemburgo e utilizzando numerose shell companies, reti di truffatori hanno derubato diversi paesi della Ue di parecchi milioni di euro.

Malta, lo stato cuscinetto

Malta viene utilizzata da truffatori come “cuscinetto” per oscurare le transazioni illecite e successivamente riciclarne i proventi. Le statistiche maltesi non registrano accuratamente le società che non dichiarano l'Iva né il danno che viene causato agli altri paesi. Le società maltesi coinvolte in queste truffe spesso usano prestanome e poi “scompaiono”: nel registro delle società vengono indicate come “Inattive - Non hanno inviato la documentazione”. Nelle frodi c'è anche una responsabilità oggettiva dei “corporate service providers” maltesi (cioé le strutture che creano e registrano le società) perché non monitorano le imprese e non informano le autorità quando hanno sospetti di riciclaggio.

Olanda, le ragioni delle frodi

Come è possibile che questa rapina sia andata avanti per oltre un quarto di secolo anche in Olanda? Gli esperti affermano che la posta in gioco è troppo alta (solo i Paesi Bassi hanno superato quota 53 miliardi di euro di entrate Iva nel 2018) e i governi europei non vogliono perdere il controllo di tutto questo. La ragione di ciò risiede nella mancanza di fiducia tra gli stati membri della Ue. Il ragionamento è questo: meglio controllare un sistema imperfetto, piuttosto che cedere la sovranità nazionale.

Polonia, frode sull’energia

Sebbene le autorità polacche abbiano fatto molto per combattere i sistemi di frode carosello, c'è ancora una grande quantità di incomprensioni alla base problema. Un importante caso di frode carosello investigato riguarda il commercio di energia. Lo schema è stato creato da cittadini danesi e gestito per quasi un anno con la partecipazione inconsapevole di una delle più grandi aziende statali polacche.

Portogallo, palcoscenico per i tedeschi

Il Portogallo è stato un palcoscenico per il la truffa dei certificati CO2 tedeschi . Secondo fonti della polizia, le attuali aree di frode all'Iva sono collegate alle mafie italiane ed est europee. Il fatto che le frodi siano fiorenti è dovuto soprattutto alla mancanza di cooperazione tra le diverse autorità nazionali, alla difficoltà di dimostrare questo tipo di crimine e alle pene molto basse che rendono le frodi redditizie.

Romania, fondi al terrorismo

La Romania è uno paesi utilizzati nel tortuoso percorso delle frodi carosello e a volte i proventi del crimine vengono utilizzati per il finanziamento del terrorismo come mostrano un caso anonimo e le interviste a funzionari statali di alto livello. Inoltre, un esperto spiega cosa prevede la legislazione in Romania.

Slovacchia, la società senza uffici

Clean Energy Trading, un'azienda con un fatturato superiore a 1 miliardo di euro e - sulla carta - un gigante dell'economia slovacca ottiene agevolazioni fiscali per 140 milioni di euro anno dopo anno. Ma questa società in realtà non ha né dipendenti né un ufficio e svolge il ruolo di società cuscinetto nelle frodi carosello che riguardano i certificati verdi.

Slovenia, truffe su auto e carburante

La Slovenia perde circa 290 milioni di euro di imposte all'anno, ma nessuno sa quale quota del divario fiscale è dovuto ai caroselli Iva. L'anno scorso il lavoro degli ispettori delle tasse ha consentito di recuperare 5,3 milioni di euro di Iva. Le frodi carosello che coinvolgono la Slovenia riguardano prevalentemente le importazioni di automobili e il carburante.

Spagna, la cellula islamica di Melilla nel mirino

La cellula terroristica di Melilla ha utilizzato una rete in Danimarca per frodare almeno otto milioni di euro tramite più di 40 società. Il denaro è stato utilizzato per finanziare viaggi di combattenti per unirsi all'Isis. Mohamed El Mahdaoui , un danese marocchino, è l'uomo chiave in Spagna. È stato arrestato nel 2017 ed è in attesa di giudizio. Sebbene apparentemente senza lavoro, era in grado di mantenere uno standard di vita elevato. La cellula Melilla ha attuato anche frodi sulle assicurazioni delle auto (più di 50mila euro) e rapine per finanziare le sue attività.

Svezia, crescono le truffe sui certificati verdi

Svezia e Danimarca hanno perso almeno 10 milioni di euro di Iva a causa delle frodi e si sospetta che i soldi siano andati al finanziamento del terrorismo. Questo specifico tipo di frode sembra ora in declino. Invece le autorità fiscali svedesi vedono aumentare le attività sospette in nuovi mercati, ad esempio quello dei certificati verdi.

Svizzera, il buco nero dell’Europa

La Svizzera è il buco nero dove scompare il denaro rubato in Europa. Non essendo membro della Ue il paese ha un ruolo speciale nel quadro generale delle frodi carosello. Con le sue aliquote Iva più basse, non è molto interessante per i caroselli diretti all'interno della Confederazione. Tuttavia, ancora una volta, l'hotspot bancario svizzero si conferma come il luogo dove vengono aperti conti “particolari”, dove vengono nascoste le tracce delle frodi, e dove il denaro scompare per venire poi riciclato.

Regno Unito, il ruolo delle banche

I truffatori hanno rubato centinaia di milioni di sterline di denaro pubblico tramite le frodi Iva in soli due mesi. Un decennio dopo, il fisco continua a rincorrere il denaro attraverso i tribunali, in casi che non sarebbero stati possibili se le grandi banche non avessero chiuso un occhio.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti