il dpcm del 3 novembre

Dalla bicicletta al jogging, quali sport sono consentiti regione per regione

Nelle zone rosse sì alla corsa ma passeggiate solo sotto casa, nelle arancioni passeggiate consentite all’interno del comune di residenza, nelle gialle aperti i centri sportivi all’aperto ma consentiti solo sport individuali e non di contatto

di Mariolina Sesto

(Riccardo Scanferla Photographer)

2' di lettura

Dopo la palestra e il nuoto, stop anche al tennis, ma solo nelle regioni “rosse”, mentre in quelle “gialle” si potrà continuare a praticare sport non di contatto negli impianti all'aperto ma con divieto di usare lo spogliatoio. Sono alcune delle novita' per lo sport introdotte dal nuovo Dpcm del 3 novembre, che lascia intatto il via libera ai campionati di interesse nazionale riconosciuti da Coni e federazioni e dunque anche - sottolineano dal ministero dello Sport e dalla Figc - i campionati Dilettanti, nonostante il divieto di spostamento fuori Regione per le zone più a rischio.

Il Dpcm all'art. 1.9 lettera f, consente «l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all'aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l'uso di spogliatoi interni a detti circoli».

Loading...

Regioni rosse: jogging ok, passeggiate solo sotto casa
Per le zone rosse, sono sospese tutte le attivita' sportive, anche individuali, in centri sportivi all'aperto, mentre il nuovo Dpcm consente di «svolgere individualmente attività motoria», ovvero come chiarito in passato “passeggiate in prossimità della propria abitazione», purché a distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherine. Si può inoltre praticare “attività sportiva esclusivamente all'aperto” e da soli. È quindi consentito fare jogging e andare in bicicletta.

Regioni arancioni: passeggiate all’interno del proprio comune

Anche qui sospese tutte le attività sportive. anche individuali, in centri sportivi all’aperto (quelli al chiuso non possono aprire). Rispetto alle zone rosse, in quelle arancioni è consentita l’attività motoria e quella sportiva all’aperto «purché svolta all’interno del proprio comune». Questo vuol dire che oltre che per la corsa, ci si può allontanare da casa anche per fare delle passeggiate.

Regioni gialle: sì all’attività individuale in centri sportivi all’aperto

In questi territori è possibile praticare sport a livello individuale e non di contatto anche nei centri sportivi all’aperto. Come nelle altre due fasce territoriali, si può fare jogging liberamente, anche fuori dal proprio comune e andare a fare una passeggiata ovunque si voglia prima delle 22 quando scatta il coprifuoco e non è più consentito uscire di casa se non con autocertificazione per necessità e urgenze comprovate.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti