dichiarazionE DEI REDDITI

Dai farmaci ai mutui, ecco tutte le informazioni che troverete nella precompilata

di Francesca Milano

default onloading pic
(karelnoppe - Fotolia)


2' di lettura

Si apre la stagione della dichiarazione precompilata: ieri è arrivata la notizia della mini proroga per l’invio dei dati su opere di recupero edilizio e risparmio energetico sulle parti comuni effettuati dagli amministratori condominiali, che potranno trasmettere le informaziobi entro il 7 marzo (anziché il 28 febbraio).
Ma gli amministratori non sono gli unici soggetti chiamati a nuovi adempimenti: ecco in sintesi tutti i dati che saranno contenuti nella dichiarazione precompilata, grazie alla collaborazione di professionisti, imprese ed enti tenuti all’invio.

Spese farmaceutiche, parafarmaceutiche e veterinarie
Per la prima volta nella dichiarazione precompilata saranno presenti anche le spese sostenute per l’acquisto di medicinali: lo scorso anno questi dati non erano stati inseriti dall’Agenzia per un ritardo tecnico nelle comunicazioni.
Sempre attraverso la tessera sanitaria sarà possibile ritrovarsi precaricati gli importi spesi per i farmaci a uso veterinario e per le prestazioni dei medici veterinari. Da quest’anno saranno precompilate anche le spese sostenute presso le parafarmacie.

Prestazioni di psicologi, infermieri, ostetriche/i, tecnici sanitari di radiologia medica e ottici
Arrivano nella precompilata anche le spese sostenute per assistenza psicologica, infermieristica e ostetrica oltre a quelle relative alle prestazioni di tecnici sanitari e di radiologia. Sono detraibili e da quest’anno anche precompilate le spese sostenute dall’ottico per occhiali da vista e lenti a contatto.

Spese sanitarie
Nella precompilata ci saranno già le spese sanitarie, quali quelle trasmesse dai medici e odontoiatri, strutture accreditate al Ssn e strutture autorizzate all’esercizio di attività sanitarie e sociosanitarie. La precompilata considera anche i rimborsi di spese sanitarie comunicate da enti o casse con finalità assistenziali.

Spese universitarie
Le spese per contributi, tasse d’iscrizione e tasse regionali comunicate dalle università pubbliche e private sono riportate integralmente nella dichiarazione precompilata al netto dei relativi rimborsi. Le spese universitarie sostenute presso università non statali saranno ricondotte nei limiti previsti dal decreto del Miur. Nella precompilata trovano posto anche i rimborsi relativi alle spese universitarie erogati agli studenti.
Previdenza e assistenza

Per il secondo anno la dichiarazione conterrà già le informazioni relative ai contributi versati alle forme di previdenza complementare. Per il terzo anno, la dichiarazione conterrà già le informazioni relative ai contributi previdenziali e assistenziali. È possibile detrarre anche una quota dei contributi pagati per il lavoro domestico: il dato è già contenuto nella precompilata.

Mutui e assicurazioni
Gli interessi passivi sui mutui (scontabili fino ad un massimo di 4mila euro) sono già inclusi nella precompilata. Per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni è riconosciuta una detrazione del 19%. Tale detrazione è già inserita nella precompilata.
Spese funebri
Nella precompilata ci saranno solo le spese per attività di pompe funebri. Le eventuali ulteriori spese (come quelle sostenute per la lavorazione di marmi e delle lapidi) andranno integrate ma entro il limite di spesa detraibile di 1.550 euro per evento funebre.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti