PROTESTE IN FRANCIA

Dai Gilets gialli un no definitivo a Di Maio

di Riccardo Sorrentino


default onloading pic
Éric Drouet. (Ap)

1' di lettura

All’inizio sembrava disponibile. Il sostegno offerto dal leader dei Cinque stelle Luigi di Maio ai Gilets Jaunes aveva incontrato - a parte il «no» di Jacline Mouraud, ormai lontana dal movimento - una buona accoglienza da parte di Éric Drouet, iniziatore - con Priscillia Ludoski - delle manifestazioni e incontestato animatore delle proteste. Un incontro è «assolutamente fattibile», aveva spiegato all’Ansa. «Sono sempre contento delle diverse espressioni di sostegno ai Gilets Jaunes. È un sostegno importante per noi».

Oggi, inversione di marcia. Sulla pagina facebook La France en colère !!! , da lui gestita, Drouet respinge ogni aiuto e ogni collegamento con i Cinque stelle. «Signor Luigi di Maio - scrive frettolosamente - i gilets jaunes hanno cominciato come movimento apolitico fin dall’inizio, altrimenti non sarebbero oggi quello che sono! Rifiuteremo qualunque aiuto politico, poco importa da dove provenga! Rifiutiamo dunque il vostro aiuto. Abbiamo cominciato da soli, finiremo da soli. I gilets jaunes». La presa di posizione è stata ben accolta dai partecipanti al gruppo.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...