I PRECEDENTI

Dai navigator agli assistenti civici, quando lo Stato fa recruiting

Che sia per accompagnare chi percepisce il reddito di cittadinanza nel percorso per ottenere un impiego o che sia per aiutare i Comuni a far rispettare le regole del distanziamento tra le persone nei luoghi della movida, in funzione anti contagio Covid-19, non è infrequente la tendenza a selezionare figure ad hoc per garantire la realizzazione di scelte di politica economica o di tutela sociale

di An.C.

Distanziamento sociale, arriva il bando per 60mila assistenti civici

Che sia per accompagnare chi percepisce il reddito di cittadinanza nel percorso per ottenere un impiego o che sia per aiutare i Comuni a far rispettare le regole del distanziamento tra le persone nei luoghi della movida, in funzione anti contagio Covid-19, non è infrequente la tendenza a selezionare figure ad hoc per garantire la realizzazione di scelte di politica economica o di tutela sociale


2' di lettura

Una sorta di “campagna acquisti” da parte dello Stato alla ricerca di figure ad hoc con la missione di garantire la realizzazione di quelle stesse misure che il governo ha deciso di promuovere. Ieri i navigator, ovvero la scelta di affiancare a chi avrebbe percepito il reddito di cittadinanza una figura ad hoc, con la missione di aiutarlo a trovare un impiego. Oggi, in piena fase due di gestione dell’emergenza Covid 19, gli assistenti civici, i 60mila volontari che avranno i compito di aiutare i comuni nel far rispettare il distanziamento sociale, l’uso delle mascherine e il divieto di assembramento nei luoghi della movida, nei parchi cittadini o nelle spiagge.

Ieri - il reddito di cittadinanza è stato introdotto da un decreto legge del 2019 (il n.4), erano i tempi del Conte uno a trazione M5s-Lega, oggi ad aver avanzato la proposta degli assistenti civici è stato il ministro per gli Affari regionali (appoggiato dal presidente dell’Anci Antonio Decaro) Francesco Boccia, componente dell’esecutivo Conte due, a trazione Cinque Stelle, Pd, Italia Viva e Leu. In entrambi i casi l’immagine di uno Stato che “fa recruiting”, ovvero cerca all’esterno qualcuno che possa monitorare, sviluppare e accompagnare una sua scelta. Nel primo caso di politica economica; nel secondo finalizzata a garantire la sicurezza dei cittadini, riducendo al minimo il rischio di una ripresa dei contagi.

Loading...

Quasi 3mila navigator
Con i navigator, parliamo di 2.980 persone (si veda Il Sole 24 Ore del 26 maggio) con il compito di supportare gli operatori dei Centri per l’impiego nella realizzazione di un percorso che coinvolga i 966mila beneficiari del reddito di cittadinanza considerati occupabili (e quindi tenuti a sottoscrivere il patto per il lavoro), dalla prima convocazione fino all'accettazione di un’offerta di lavoro congrua. I navigator hanno un contratto di collaborazione che scadrà ad aprile dell’anno prossimo. Percepiscono circa 28mila euro lordi all’anno.

60mila assistenti civici
Nel secondo caso, quello degli assistenti civici, parliamo di volontari che saranno reclutati con un bando della Protezione civile, anche percettori di ammortizzatori sociali e reddito di cittadinanza. Si tratta di 60mila persone che presteranno il loro supporto a titolo gratuito sino a un massimo di tre giorni a settimana, e per non più di 16 ore settimanali, sulla base delle indicazioni fornite da ciascun Comune nel quale operano e nel rispetto della circolare Inail del marzo scorzo che prevede un impegno settimanale richiesto pari a un numero di ore compatibile con altre attività, compreso tra un minimo di 8 e un massimo di 16. Saranno “coperti” dall’Inail in caso di infortuni e avranno una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi in caso di eventi che lo richiedano.

Per approfondire:
Da lavoratori nei campi a steward nelle spiagge, i nuovi impieghi per i beneficiari del reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza, Regioni in trincea contro i «navigator»

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti