ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFestival dell’Economia

Dai test sull’invecchiamento del vino a Elon Musk: così i privati conquistano lo spazio

Nel panel, moderato dal vicedirettore Roberto Bernabò, gli operatori si confrontano su come sia cambiata la space economy e su come l’accesso allo spazio sia diventato molto più democratico

di Celestina Dominelli

3' di lettura

Se qualcuno ha pensato di sfruttare lo spazio per testare l’invecchiamento del vino, il messaggio è chiaro. La corsa dei privati non solo è partita, come insegnano anche le imprese di Elon Musk con la sua Space X o di Richard Branson con Virgin Galactic, ma lo spazio si sta aprendo via via a nuove applicazioni, a cominciare dall’utilizzo in agricoltura dei dati raccolti attraverso i satelliti. Che, come spiega Roberto Battiston, ex presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, «si sono fatti sempre più piccoli, come una scatola di scarpe, e hanno ormai costi bassissimi».

Battiston: oggi tantissimi satelliti attorno alla Terra

Perché l’economia dello spazio, al centro, al Festival dell’Economia di Trento, del panel moderato dal vicedirettore del Sole 24 Ore, Roberto Bernabò, sta cambiando pelle e ha ormai ampliato i suoi confini. Così, come racconta Battiston, siamo passati da un mondo «in cui la Terra non veniva fotografata perché di satelliti ne servivano troppi e avevano costi ai più inaccessibili a una situazione totalmente ribaltata». E quelli attuali non solo sono tantissimi, ma possono, per esempio, fotografare il nostro pianeta alla stessa ora.

Loading...

Dave: l’infrastruttura spaziale è diventata più accessibile

E il motivo è semplice, come spiega Anilkumar Dave, uno dei maggiori esperti del settore e apprezzatissimo senior advisor per space economy e open innovation. «Lo spazio è effettivamente più vicino a noi di quanto pensiamo. L’infrastruttura spaziale è diventata più accessibile, più facile da sviluppare e da mettere in orbita. Tanto che - ammette - forse sarebbe più corretto oggi parlare di open space economy vista la maggiore facilità di accedere ai dati della Terra di quanto non fosse un tempo».

La Regina: abbiamo democratizzato l’accesso allo spazio

Talmente facile che le declinazioni sono ormai le più svariate. Lo racconta Veronica La Regina, ceo-Eu di Nanoracks Europe, la prima società a siglare, nel 2009, uno space act agreement con la Nasa, l’Agenzia spaziale americana, per installare una facility destinata a ospitare carichi paganti sulla Stazione spaziale internazionale. «Dopo 10 anni di attività - spiega la manager - abbiamo portato in orbita oltre 34 nazioni democratizzando l’accesso allo spazio e fornendo questo accesso a condizioni non proibitive». 

In orbita anche i test sull’invecchiamento del vino

Ora il prossimo step è la stazione spaziale commerciale, ma anche le interlocuzioni già avviate con tante imprese non solo quelle posizionate nello spazio che hanno bisogno, spiega La Regina, di testare nuovi materiali e nuovi farmaci. Vino compreso. «Abbiamo portato in orbita delle bottiglie di vino per un’azienda che voleva studiare il fenomeno dell’invecchiamento confrontando il processo con quello testato su altre bottiglie rimaste sulla Terra. Ma lavoriamo molto anche con le università».

Dettori: l’Europa può competere con gli Usa

Insomma, il perimetro della space economy è sempre più largo. E, anche se gli Stati Uniti sembrano aver assunto una leadership difficile da scalfire, l’Europa, e anche l’Italia, hanno tutte le carte in regola per competere con gli Usa. Ne è convinto Gianluca Dettori, presidente di Primo Ventures Sgr, che ha lanciato ad agosto 2020 Primo Space Fund, un fondo da 80 milioni di specializzato in investimenti nella new space economy italiana.

«Quando siamo partiti nel nostro Paese c’erano molti scettici, ma sappiate che in Italia abbiamo la capacità di costruire tutti i pezzi di un oggetto spaziale. Abbiamo una legacy, una storia nella geopolitica che non è irrilevante. Credo che come Europa saremo in grado di competere e si creerà un mercato diverso dagli Usa. La partita è ancora tutta da giocare, lo spazio è immenso».

Speciale Festival dell’Economia di Trento 2022

La cronaca giorno per giorno

Un superdossier con le notizie, e cronache degli eventi del festival e del Fuori Festival, e quelli sull’Economia del territorio.
Ecco i live giorno per giorno: 2 giugno
- 3 giugno - 4 giugno- 5 giugno

Il programma del Festival

Ecco il programma giorno per giorno, con tutti i panel del cartellone principale e quelli delle diverse sezioni, direttamente dal sito della manifestazione. Il programma

I video on demand di tutti gli eventi

Un ricco palinsesto di incontri, eventi, talk e keynote a cui hanno preso parte opinion leader di rilevanza nazionale ed internazionale e personalità di spicco tra scienziati e ricercatori, rappresentanti della società civile e delle istituzioni, economisti, imprenditori e manager.
Registrati per rivedere i video on demand di tutti gli eventi del Festival dell'Economia di Trento 2022

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti