iniziative editoriali

Dal 23 novembre in edicola le nuove pagine Food, tra business e eccellenze del made in Italy

Tutti i numeri e i trend dell’agroalimentare in due pagine settimanali sul Sole 24 Ore e un sito rinnovato per un settore trainante del sistema produttivo

di Giovanni Uggeri


default onloading pic
Da sabato 23 novembre sarà online il nuovo sito di Food del Sole24 Ore

2' di lettura

Su come e quanto mangiare non mancano le informazioni, i consigli, le ricette. Meno si sa dell’economia del cibo, cioè dei numeri, delle imprese, dei coltivatori e delle eccellenze che rappresentano invece un’asse portante del successo del made in Italy. Far conoscere meglio questo mondo è l’obiettivo principale del rinnovato canale Food, online da sabato 23 novembre, e delle nuove pagine settimanali che usciranno su questo giornale dallo stesso giorno.

In Italia l’agroalimentare è tra i primi settori manifatturieri del Paese per numero di imprese e per fatturato: 140 miliardi di euro nel 2018. Il solo valore della produzione agricola ha raggiunto 56,9 miliardi di euro, il più alto dal 2013, la migliore performance nella Ue dopo la Francia a 77,2 miliardi.

Un mercato fatto di micro e piccole imprese
Prevalgono le micro e piccole imprese che sono circa il 98% del totale. Anche se le prime 50 imprese del settore per grandezza raggiungono tutte insieme circa 30 miliardi di fatturato (il 22% dell’intero settore). Nel 2018, secondo i dati Istat, l’export dell’industria alimentare e delle bevande è stato di poco più di 34,4 miliardi di euro. Tra i volani dell’alimentare italiano ci sono le circa 200mila imprese e le oltre 800 denominazioni Dop, Igp, Stg e così via (sulle circa 3mila nel mondo).La spesa delle famiglie per prodotti alimentari e bevande calcolata dall’Istat è stata pari a 160 miliardi nell’ultimo anno ed è in continua crescita.

I temi dell’alimentazione, della cucina, della cura dei piatti, del mangiar sano e delle diete sono ormai diventati oggetto di conversazione quotidiana e di informazione e approfondimento da parte di tutti i media. Obiettivo del progetto “Food” è anche quello di raccontare storie di eccellenza del made in Italy con focus e case history sui nuovi modelli di sviluppo aziendale, innovazione, ricerca e sviluppo, economia circolare e sostenibilità, tracciabilità e blockchain.

E si indagherà anche su come cambiano i consumi, i sistemi di vendita, la distribuzione.

Sostenibilità, sicurezza e innovazione
Il cibo e il vino, nei Paesi economicamente e socialmente più sviluppati, non sono più percepiti solo come generi di prima necessità, ma sono beni di consumo complessi e multidimensionali, che all’alimentazione associano aspetti edonistici e culturali, elementi di connotazione sociale e occasioni di conoscenza.

Tutto ciò rende la domanda di prodotti alimentari meno sensibile al prezzo e più elastica rispetto al reddito, generando nuove opportunità per l’agroalimentare di un Paese come l’Italia, che vanta molti prodotti in grado di soddisfare questo nuovo approccio al cibo. La capacità di allargare oltre i confini nazionali il made in Italy agroalimentare è stata e sarà l’arma vincente per la crescita di molte imprese del settore.

Infine, un ulteriore tema chiave di sviluppo è la sostenibilità. Il paradigma dell’economia circolare offre numerose opportunità dal recupero dei sottoprodotti della trasformazione alimentare per creare materie prime in altre lavorazioni (tessile, altri alimenti, carta) all’innovazione del packaging per sostituire completamente o almeno ridurre l’uso di materiali con maggiore impatto ambientale. Innovare sarà dunque l’imperativo del settore e Food lo racconterà giorno dopo giorno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...