Libri

Dal 9 all’11 ottobre 2020 torna Libropolis a Pietrasanta

Quarta edizione del festival dell'editoria e del giornalismo

di Enrico Bronzo

default onloading pic
(scatto - stock.adobe.com)

Quarta edizione del festival dell'editoria e del giornalismo


2' di lettura

Il ricco ottobre di eventi dI Pietrasanta in Versilia è caratterizzato da tre anni dall'effervescente e quest'anno ancora più grande kermesseLibropolis, il festival dell'editoria e del giornalismo in agenda dal 9 all'11 ottobre 2020 nel complesso del Chiostro di S. Agostino il cui allestimento, quest'anno, sarà curato da Poltrona Frau e Davide Groppi.

Libropolis nel 2020 torna per segnare “I confini del futuro”. Sarà una quarta edizione “visionaria” per il Festival dell'editoria e del giornalismo. Saranno tre giorni all'insegna dei libri e degli incontri con alcuni opinionisti del dibattito sociopolitico e culturale del nostro Paese. L'obiettivo di Libropolis, sin dalla prima edizione, è creare il più grande appuntamento di cultura politica in Italia. È organizzato dall'associazione Libropolis, presieduta da Alessandro Mosti, in collaborazione con la rivista periodica online “L'intellettuale dissidente” e Gog Edizioni.

Il festival è a ingresso gratuito. Ci saranno, tra gli altri, il grecista Luciano Canfora, gli storici Franco Cardini e Giordano Bruno Guerri, l'allenatore Julio Velasco, i giornalisti Camillo Langone, Giancarlo Dotto, Patricia Thomas, Luca Giannelli, Davide Brullo, Gianluca Mazzini e Francesco De Core, gli scrittori Stenio Solinas, Giampiero Mughini, Alfio Squillaci e Filippo La Porta, il filosofo Paolo Ercolani, il cantante Giovanni Lindo Ferretti, i saggisti Raffaele Alberto Ventura, Lorenzo Castellani, Cinzia Sciuto e Alessandro Aresu, gli economisti Thomas Fazi e Gabriele Guzzi, i professori universitari Andrea Zhok e Carlo Galli, il fotoreporter Gabriele Micalizzi, la poetessa Silvia Bre.

I temi

Tanti, come sempre, i temi al centro dei dibattiti di Libropolis: si parlerà del rapporto fra democrazia e tecnocrazia, democrazia e capitalismo della sorveglianza, sovranità e global governance, geopolitica e soft power, delle sfide poste dalle nuove forme di religiosità, di elezioni americane, di poesia e rivoluzione, di architettura e design e tanto altro.

«Libropolis è uno dei pochi festival che si svolgerà quest'anno, un'occasione unica, dunque - afferma Lorenzo Vitelli, direttore artistico del Festival - per raccontare il mondo così come lo vedono giornalisti, scrittori, editori, all'alba di questo decennio inaugurato da una serie di sconvolgimenti epocali».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti