ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCamera e Senato

Dal Covid ai rapporti Lega-Russia: in Parlamento è corsa alle commissioni di inchiesta

Sono già oltre una ventina le proposte di legge depositate dalle forze politiche alla Camera e al Senato con la richiesta di indagare a livello parlamentare su vari temi e fatti anche di cronaca

di Marco Rogari

In parlamento è scattata la corsa alle nuove commissioni di inchiesta (foto Ansa)

3' di lettura

Una corsa alla nascita di nuove commissioni d’inchiesta. È quella che è scattata in Parlamento e che vede protagoniste quasi tutte le forze politiche con oltre venti proposte di legge già presentate. L’ultima in ordine cronologico l’ha depositata al Senato per il Pd Dario Parrini con l’obiettivo di indagare sulle trattative intercorse tra esponenti del partito Lega-Salvini Premier e persone di nazionalità russa. C’è poi il pressing per la nascita di una commissione d’inchiesta sul Covid esercitato da Fdi e Lega ma anche dal Terzo polo. Ma tra i temi su cui deputati e senatori chiedono di accendere i riflettori ci sono anche la diffusione di fake news e l’uso politico della giustizia.

Maggioranza e terzo polo, pressing sul Covid

Il tema più caldo resta quello del Covid. Fdi, Lega e Azione-Iv spingono per la costituzione di una commissione d’inchiesta, ma non si è ancora trovata una “sintesi” sulla sua denominazione. La proposta di legge, presentata il 18 ottobre alla Camera dal capogruppo del Carroccio, Riccardo Molinari, prevede l’istituzione una commissione che indaghi «sull’operato del Governo e sulle misure da esso adottate per prevenire e affrontare l'emergenza epidemiologica del covid». In quella depositata il 24 ottobre scorso dall’attuale sottosegretario alle Infrastrutture, Galeazzo Bignami (FdI), si propone di indagare sulla «gestione dell’emergenza sanitaria causata dalla diffusione epidemica del virus Sars-Cov-2» e «sul mancato aggiornamento del piano pandemico nazionale». Secondo Davide Faraone (Azione-Iv), il lavoro della commissione dovrebbe focalizzarsi «sulla gestione dell'emergenza pandemica, sulle misure adottate per la prevenzione e il contrasto della diffusione del virus nonché sulle conseguenze rilevanti per l’organizzazione del Servizio sanitario nazionale».

Loading...

Nel mirino del Pd i rapporti Lega-Russia

Anche il Pd si mostra attivo nella richiesta di “indagini parlamentari”. E nel mirino dei Dem finiscono anche i rapporti tra Matteo Salvini e Mosca. L’8 ottobre è stata presentato a Palazzo Madama da Dario Parrini un disegno di legge per l’istituzione di una «Commissione parlamentare di inchiesta sulle trattative intercorse tra esponenti del partito Lega-Salvini Premier e persone di nazionalità russa, fra cui esponenti di una società pubblica, al fine di ottenere finanziamenti anche per lo svolgimento della campagna elettorale per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, svoltasi il 26 maggio 2019».

Fake news e capitalismo digitale

Il Terzo polo insiste nel fare luce sulla “gestione” delle fake news. In particolare, Maria Elena Boschi ha proposto di indagare sulla diffusione seriale e massiva di contenuti illeciti e di informazioni false attraverso la rete internet, le reti sociali telematiche e le altre piattaforme digitali. E, mentre Forza Italia con Pietro Pittalis sollecita una Commissione sull’innovazione digitale, Francesco Boccia per il Pd propone di creare un organismo parlamentare di indirizzo e controllo sul capitalismo digitale.

I Marò, il delitto di via Poma e la morte di David Rossi

La scorsa legislatura a presiedere alla Camera la commissione d’inchiesta sulla morte di David Rossi, l’ex manager della comunicazione di Monte Paschi di Siena, era stato Pierantonio Zanettin (FI). Che ora la ripropone al Senato in parallelo a quella sul sistema bancario e assicurativo. Il Pd starebbe valutando di proporre un’indagine parlamentare sul delitto di Simonetta Cesaroni in via Poma a Roma. FdI invece ha già depositato le richieste per chiarire i fatti accaduti presso la comunità il Forteto (firmatari i deputati Giovanni Donzelli e Giacomo La Pietra) e «la condotta delle autorità nazionali nella vicenda relativa ai fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone» (primo firmatario Edmondo Cirielli, attuale viceministro degli Esteri).

FI chiede di indagare sull’uso politico della giustizia

FI non abbandona la sua battaglia contro l’uso politico della giustizia e con Pietro Pittalis (FI) sollecita l’istituzione di una apposita Commissione d’inchiesta, mentre la Lega con Silvana Andreina Comaroli chiede di fare luce su appalti pubblici e fenomeni di collusione. Da parte sua il Pd alla Camera torna alla carica con Chiara Braga per una commissione d’inchiesta sulle ecomafie e la questione rifiuti. Più o meno sullo stesso terreno l’azzurro Pietro Pittalis sostiene la nascita di una commissione d’inchiesta sulla messa in sicurezza, la bonifica, e il ripristino ambientale dei siti inquinati di interesse nazionale. Il M5S attraverso una proposta di legge di Stefania Ascari (M5s) punta invece a scavare sugli allontanamenti di minori dalle famiglie e sugli affidamenti a comunità.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti