ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPubblica amministrazione

Dal digitale alla salute pioggia di verifiche sui pilastri del Pnrr

Dal Mef le nuove istruzioni per il monitoraggio dei sei temi chiave del Piano

di Gianni Trovati

Pnrr, Corte Conti: "Poche domande imprese donna al Sud"

3' di lettura

Un po’ di tempo c’è, ma il lavoro è enorme. Nella già ricchissima griglia di impegni che scandiscono le attività di monitoraggio degli interventi del Pnrr arrivano le verifiche sui sei «pilastri» (pillar) del Piano. O, meglio, più che arrivare prendono forma nelle 64 pagine di istruzioni che la Ragioneria generale dello Stato ha allegato alla circolare 34/2022 per fissare le regole sul tema. Regole che coinvolgono le amministrazioni centrali «titolari» degli interventi ma anche regioni ed enti locali «attuatori». Ma partiamo dall’inizio.

I sei pilastri per gli interventi nazionali

Accanto ai 520 fra obiettivi e risultati del Pnrr (e ai 308 del Piano nazionale complementare) che sono messi periodicamente sotto esame per dare il via libera alle rate semestrali, il regolamento della Recovery and Resilience Facility, cioè il meccanismo comunitario che eroga i fondi, ha indicato sei «pilastri» per gli interventi nazionali. Si tratta dei marco-obiettivi a cui deve mirare l’investimento dei 750 miliardi (191,5 per l’Italia) messi a disposizione dall’Unione, e riguardano «transizione verde, trasformazione digitale, crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, coesione sociale e territoriale, salute e resilienza economica, sociale e istituzionale e politiche per le nuove generazioni, l’infanzia e i giovani».

Loading...

Filoni sottoposti a verifica

Per evitare che queste rimangano parole nobili confinate sulla carta dei Piani nazionali, con la filosofia classica del Pnrr che innovando radicalmente la prassi italiana fa della rendicontazione finale il momento culminante dell’azione amministrativa, anche questi sei filoni sono soggetti a verifica, dopo essere stati tradotti un anno fa in 14 declinazioni operative dal Regolamento delegato Ue 2021/2106 del 28 settembre. «Transizione verde» e «crescita intelligente», per esempio, si uniscono negli indicatori su «Risparmi sul consumo annuo di energia primaria», «Capacità operativa supplementare installata per l’energia rinnovabile» e «Infrastrutture per i combustibili alternativi», mentre la «Trasformazione digitale» e la «Coesione sociale e territoriale» si alleano nell’indicatore che misura le «Abitazioni aggiuntive con accesso a Internet fornito attraverso reti ad altissima capacità», e così via.

Le verifiche a cui sono ora chiamate le pubbliche amministrazioni italiane coinvolte nel Pnrr si concentrano su questi indicatori, che il tavolo di monitoraggio ha associato a ogni misura o sub-misura del Piano. Nel caso dei filoni dedicati ad asili nido, scuole dell’infanzia ed edilizia scolastica, per esempio, bisognerà fra le altre cose misurare l’indicatore 13 relativo alla «Capacità delle classi nelle strutture per la cura dell’infanzia e nelle strutture scolastiche nuove o modernizzate», che associa i pilastri su «Coesione sociale e territoriale» e «Politiche per le nuove generazioni».

Il ruolo dei soggetti attuatori

Il lavoro è certosino, perché i soggetti attuatori dovranno calcolare gli indicatori per ogni singolo progetto individuato da un Codice unico (Cup). Le amministrazioni «titolari» degli interventi esamineranno e aggregheranno i dati per costruire l’indicatore complessivo legato alla misura, e il tutto sarà verificato dall’Unità di missione Ng-Eu al ministero dell’Economia. Questa operazione piramidale, condotta attraverso il sistema Regis, dovrà avvenire due volte l’anno: entro il 20 gennaio andranno caricati i dati relativi al secondo semestre dell’anno prima, ed entro il 20 luglio quelli della prima metà dell’anno in corso. Le due scadenze riguardano le amministrazioni centrali «titolari» degli interventi, per cui il calcolo e il caricamento dei dati da parte dei soggetti «attuatori» dovrà cominciare ben prima.

GLI INDICATORI COMUNI OGGETTO DI VERIFICA
1
Risparmi sul consumo annuo di energia primaria;
2 Capacità operativa supplementare installata per l’energia rinnovabile;
3 Infrastrutture per i combustibili alternativi (punti di ricarica/ rifornimento);
4 Popolazione che beneficia di misure di protezione contro inondazioni, incendi boschivi e altre catastrofi naturali connesse al clima;
5 Abitazioni aggiuntive con accesso a Internet fornito attraverso reti ad altissima capacità;
6 Imprese beneficiarie di un sostegno per sviluppare o adottare prodotti, servizi e processi applicativi digitali;
7 Utenti di servizi, prodotti e processi digitali pubblici nuovi e aggiornati;
8 Ricercatori che lavorano in centri di ricerca beneficiari di un sostegno;
9 Imprese beneficiarie di un sostegno (tra cui piccole imprese, comprese le microimprese, medie e grandi imprese);
10 Partecipanti in un percorso di istruzione o di formazione;
11 Numero di persone che hanno un lavoro o che cercano un lavoro;
12 Capacità delle strutture di assistenza sanitaria nuove o modernizzate;
13 Capacità delle classi nelle strutture per la cura dell’infanzia e nelle strutture scolastiche nuove o modernizzate;
14 Giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni che ricevono sostegno

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti