POST CONTESTATI

Dal documento top secret al pane e Nutella, i tweet di Salvini che hanno scatenato la bufera sui social

di Andrea Carli


default onloading pic
Quel «mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella, il vostro???» pubblicato a poche ore dal terremoto in Sicilia è solo l’ultima di una serie di foto pubblicate da ministro dell’Interno (nella foto Afp) sui social che hanno destato polemiche e perplessità

3' di lettura

La scelta del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini di pubblicare sul suo profilo twitter alle ore dieci e mezza della mattina di Santo Stefano una foto mentre mangia con gusto una fetta di pane e Nutella, ma soprattutto di farlo a poche ore dal terremoto in Sicilia e dall’agguato a Pesaro contro il fratello del pentito di 'ndrangheta e collaboratore di giustizia Biagio Girolamo Bruzzese, non solo incappa nella levata di scudi dell’opposizione, con il candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti che non esita a catalogare il post del leader leghista come selfie demenziale. Ma le critiche piovono anche dai follower. Da «Un fratello di un collaboratore di giustizia è stato giustiziato dalla 'ndrangheta e Catania è in ginocchio a causa del terremoto. Ha ancora voglia di festeggiare Ministro?», a «Ministro, che fa concorrenza a Chiara Ferragni? Le segnalo che a Catania c’è stato il terremoto e il fratello di un pentito sotto protezione è stato ucciso... se le avanza tempo», le staffilate non si fanno attendere.

Ma quel «mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella, il vostro???» è solo l’ultima di una serie di foto pubblicate da Salvini sui social che hanno destato polemiche e perplessità.

Il post sul profilo Twitter di Matteo Salvini, che pubblica un selfie mentre fa colazione: è il 26 dicembre

Il tweet sui tortellini che fa infuriare gli emiliani
Sabato 22 dicembre. «Oggi a pranzo mi tratto bene: tortellini freschi emiliani e ragù con la salsiccia, con un boccale di birra. Sperando che qualche giornalista o qualche professorone di sinistra non si offendano», scrive il vicepremier su twitter, a corredo di una foto che ritrae una scodella di tortellini al sugo. In pochi minuti piovono le critiche dei difensori del tortellino. Questo piatto, attaccano, va servito nel brodo del bollito. Punto. Qualsiasi soluzione alternativa è da respingere in toto. Insomma, l’accostamento del tortellino al ragù di salciccia è semplicemente blasfemo.

Il procuratore Spataro: la ricerca degli arrestati è ancora in corso
Martedì 4 dicembre. In un tweet mattutino Salvini diffonde la notizia dell’arresto «di 15 mafiosi nigeriani» a Torino. A stretto giro Armando Spataro, procuratore capo nel capoluogo piemontese, esce con un comunicato stampa in cui sottolinea che la ricerca degli indagati da arrestare «è ancora in corso». Chiarisce che «la polizia giudiziaria non ha fermato “15 mafiosi nigeriani”, ma sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di questo Ufficio, dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Torino. Il provvedimento restrittivo - aggiunge il magistrato - non prevede per tutti gli indagati la contestazione della violazione dell’art. 416 bis (associazione di stampo mafioso - ndr). Coloro nei cui confronti il provvedimento è stato eseguito non sono 15 e le ricerche di coloro che non sono stati arrestati è ancora in corso». Spataro conclude invitando il ministro a evitare in futuro «comunicazioni simili».

Dalla Nutella a Barilla, dal barolo alla Birra Moretti: le pubblicità gratuite del ministro Salvini

Dalla Nutella a Barilla, dal barolo alla Birra Moretti: le pubblicità gratuite del ministro Salvini

Photogallery10 foto

Visualizza

La replica del ministro: «Gli auguro un futuro serenissimo da pensionato»
Lui, il ministro, non arretra e attacca: «È inaccettabile dire che il ministro dell’Interno possa danneggiare indagini e compromettere arresti - attacca -. Qualcuno farebbe meglio a pensare prima di aprire bocca. Se il procuratore capo a Torino è stanco, si ritiri dal lavoro: a Spataro auguro un futuro serenissimo da pensionato».

Il tweet del vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini che definisce gli Hezbollah dei terroristi islamici (Ansa)

L’uscita sugli Hezbollah e il gelo con la Difesa
Mercoledì 12 dicembre. Sbarcato da poche ore a Tel Aviv, il responsabile del Viminale annuncia via Twitter che avrebbe visitato i tunnel scavati da Hezbollah, “il Partito di Dio” sciita libanese, per raggiungere Israele. Nel tweet definisce senza mezzi termini i componenti del movimento «terroristi». Passano pochi minuti, e fonti della Difesa, il ministero guidato dala pentastellata Elisabetta Trenta, fanno filtrare «preoccupazione e imbarazzo» per le parole del leader della Lega. Il rischio, sottolineano, è che queste dichiarazioni «mettano in evidente difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a Sud nella missione Unifil,lungo la blue line».

In aereo sfoglia un documento riservato del Viminale
A giugno, a pochi giorni dalla nascita del nuovo governo e dal giuramento nella veste di ministro dell’Interno, Salvini pubblica sui social una foto mentre in aereo sta raggiungendo il centro di accoglienza di Pozzallo. Il ministro legge un documento del Viminale classificato come “riservato”. Ma zoomando l’immagine, alcune righe diventano leggibili, così come il nome del capo della Polizia, Franco Gabrielli. Scherzi della tecnologia.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti