Albano di lucania (potenza)

Dal dottore tamponi per tutti

Monitoraggio dei cittadini grazie alla disponibilità di professionista e Comune

di Luigia Ierace

Monitoraggio dei cittadini grazie alla disponibilità di professionista e Comune


2' di lettura

Scovare i positivi asintomatici e tracciare i contatti. Missione compiuta. Siamo ad Albano di Lucania, 1.450 abitanti, un paesino arroccato a 899 metri sel livello del mare sulle Dolomiti Lucane. Una strada interna, 7 chilometri tra tornanti e ripide discese dei 35 totali, lo separa da Potenza.

È qui che i tamponi rapidi antigenici sono diventati una realtà prima ancora dell’accordo nazionale siglato a fine ottobre con medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Il piccolo comune lucano ha fatto da apripista grazie alla sinergia tra le due “autorità” del Paese: il medico e il sindaco. Da una parte, Antonio Barone, 66 anni, da 40 anni medico di Medicina generale di Albano di Lucania, in passato anche ufficiale sanitario. Dall’altra, il sindaco Rocco Guarino (anche presidente della Provincia) che a luglio decise di investire in prevenzione, forte della disponibilità del medico. Sono stati acquistati i primi tamponi antigenici e termoscanner per attivare una sorveglianza attiva, velocizzare il tracciamento e l'isolamento.

Loading...

E i risultati sono arrivati confermando il valore aggiunto che per il ministro Speranza possono rappresentare «prossimità e vicinanza». «Ho iniziato a ottobre a fare i test con una tirocinante e una volontaria. Abbiamo individuato un primo cluster di 10 persone - racconta il medico -. Dalla richiesta di un certificato di malattia, al tampone positivo, poi l’isolamento di 15 persone, la chiusura della scuola media per i controlli e il ricovero mirato solo per chi era necessario». Da allora oltre 200 i test eseguiti, 20 positivi, poi rivalutati e confermati dal molecolare. Una casistica che entrerà nella tesi della dottoressa Cristina Riente di Belvedere Marittimo, tirocinante in Medicina generale a Potenza. «L’esperienza dimostra che non servono gli screening di massa, ma i test antigenici rapidi e mirati».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti