ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùdomande e risposte

Dal mercato Repo ai tassi overnight, cosa succede tra Fed e banche


default onloading pic
(Andrew - stock.adobe.com)

2' di lettura

Cos’è il mercato Repo?

Il mercato interbancario è quello che le banche usano per prestarsi i soldi l’una con l’altra. Un suo corretto funzionamento è fondamentale per assicurare che gli istituti abbiano la liquidità necessaria per far fronte ai bisogni quotidiani, mantenendo adeguate riserve. Il mercato Repo funziona col meccanismo dei pronti contro termine (Repo significa proprio pronti contro termine): si prestano soldi a fronte di titoli in garanzia, e il giorno dopo si riprendono i titoli e si restituisce il prestito. Solitamente negli Usa il tasso di queste operazioni si discosta poco dal tasso ufficiale della Fed.

I Repo tra banche sono diversi dai Repo tra banche e Federal Reserve?

Il meccanismo è lo stesso, quello che cambia è il tipo di titoli consegnabili in garanzia. I Repo con la Fed funzionano così: le banche danno alla banca centrale Usa titoli in garanzia (tassativamente solo titoli di Stato Usa, obbligazioni emesse da agenzie come Fannie Mae o Freddie Mac oppure obbligazioni legate ai mutui, cioè Mbs) e in cambio di queste garanzie la Fed dà alle banche liquidità. Cioè denaro per un certo lasso di tempo prestabilito. Le operazioni Repo tra banche e banche (sul mercato interbancario) funzionano allo stesso modo, quindi una banca presta liquidità ad un’altra in cambio di garanzie, ma cambiano i titoli consegnabili. In questo caso il ventaglio di titoli consegnabili è maggiore rispetto ai titoli accettati dalla Fed. Inclusi i Clo, cioè le cartolarizzazioni di leveraged loans, che sono crediti molto speculativi e rischiosi.

LEGGI ANCHE / La Fed inietta sul mercato liquidità per 120 miliardi di dollari

Perché i tassi overnight Usa sono cresciuti improvvisamente a settembre?

Quando i tassi sul mercato interbancario salgono velocemente, significa che - per qualche ragione - sul mercato scarseggia la liquidità. Le banche che hanno bisogno di liquidità faticano a trovarla, e dunque sono costrette a pagarla cara: per questo i tassi salgono ben oltre il loro normale livello.

In cosa consiste l’anomalia?

L’impasse sul mercato Repo questa volta ha motivazioni ben diverse da quelle del 2008, periodo in cui risalgono gli ultimi interventi d’emergenza della Fed. Allora la liquidità non circolava per la sfiducia che circondava le banche. Ai tempi c’era dunque un motivo sistemico. Ora c’è invece un motivo tecnico: le riserve in eccesso delle banche presso la Fed da inizio 2018 sono calate molto velocemente, riducendo la liquidità in eccesso. Nelle ultime settimane una concomitanza di fattori (scadenze fiscali e grosse emissioni di Treasury) ha ridotto ulteriormente la liquidità.

Perché le riserve calano?

Le riserve in eccesso delle banche calano per due motivi. Uno: la riduzione del bilancio Fed (e dunque la riduzione della liquidità generale). Due: la politica fiscale di Trump, finanziata con grandi emissioni di titoli di Stato. Quando lo Stato emette titoli, di fatto assorbe liquidità dal sistema finanziario.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...