Emergenza Covid

Dal super Green pass all’obbligo vaccinale, le tappe del piano Draghi

Se non si arriverà al 90% di vaccinati - anche grazie alla spinta della mega estensione del ricorso al green pass a cui il Governo lavora a stretto giro - allora si potrà ricorrere all'obbligo vaccinale evocato dal premier Draghi

di Andrea Gagliardi

Figliuolo: "Raggiunta quota 80% di prime dosi di vaccino"

3' di lettura

Si va chiarendo la strategia del governo Draghi sul fronte della lotta al Covid. Il primo scoglio da superare è la conversione in legge del decreto sull’obbligo del green pass in ristoranti al chiuso, musei, cinema e teatri (n.105), che giovedì ha ottenuto il via libera in Aula alla Camera con 259 voti a favore, 34 contrari, e due astenuti: il testo, che scade il prossimo 21 settembre, ora passa al Senato.

Verso l’estensione del green pass a Pa e privati

Portato a casa senza traumi il via libera al decreto, il Cdm di giovedì 9 settembre ha esteso l’obbligo della certificazione verde solo agli addetti (esterni) alle mense scolastiche e universitarie, nonché ai lavoratori delle ditte di pulizia e manutenzione negli istituti scolastici. Obbligo che varrà anche per i genitori degli studenti. Mentre ha introdotto l’obbligo di vaccino a tutto il personale delle Rsa (le Residenze sanitarie per anziani, dove già vige l’obbligo di vaccinazione per il personale sanitario): amministrativi e addetti spesso esterni che si occupano di pranzi e cene degli ospiti e delle pulizie.

Loading...

Slitta alle prossime settimane l’ulteriore allargamento dell’uso del green pass. Dopo le tensioni all’interno della maggioranza soprattutto per la frenata della Lega si dovrebbe procedere con gradualità e in modo più lento del previsto: tra le categorie alle quali sarà richiesto il pass per primi ci sono i lavoratori nei settori in cui oggi bisogna esibire il certificato (camerieri, baristi e ristoratori, autisti dei trasporti pubblici a lunga percorrenza, gestori dei locali, ecc.), ma anche quelli a contatto con il pubblico (ad esempio i supermercati). Si ragiona poi sull’estensione del pass a tutti i dipendenti della Pa. Infine gli ultimi potrebbero essere i lavoratori del settore privato.

Target di vaccinati ritoccato all’insù

La graduale estensione del green pass nasce da una consapevolezza ormai diffusa nel governo. Il target dell'80% di over 12 immunizzati (con due dosi dei vaccini che prevedono la doppia somministrazione) è ormai molto vicino e sarà raggiunto anche prima del previsto e cioè prima di fine settembre. Ma il raggiungimento dell'obiettivo indicato a inizio campagna dal commissario Figliuolo non viene giudicato sufficiente dagli scienziati del Cts. La variante Delta, più contagiosa del 50%, ha cambiato lo scenario anche perché lo scudo dei vaccini funziona, ma non ferma del tutto il contagio anche tra quelli completamente immunizzati.

Nuovo obiettivo 90%

Ecco perché l'asticella è stata spostata più in alto di quell'80% indicato a inizio pandemia. Al ministero della Salute si ragiona infatti su una soglia di almeno il 90% di immunizzati tra gli over 12, un numero giudicato sufficiente per poter gestire l'epidemia senza troppe ripercussioni sul sistema ospedaliero, mentre l'ipotesi di eliminare del tutto il virus ormai è considerata una missione improbabile.

Incognita contagi a scuola

Tanto più che a fine settembre, un paio di settimane dopo il rientro in classe in presenza in tutta Italia, andrà fatta una prima valutazione sulla eventuale recrudescenza dei contagi legata al ritorno tra i banchi di scuola, dove l’obbligo di green pass vale solo per gli insegnanti ma non per gli alunni.

Obbligo vaccinale extrema ratio

Per questo motivo il ragionamento è semplice: se non si arriverà al 90% di vaccinati entro fine ottobre - anche grazie alla spinta della mega estensione del ricorso al green pass a cui il Governo lavora a stretto giro - allora si potrà ricorrere all'obbligo vaccinale evocato dal premier Draghi. Insomma una extrema ratio nel caso l'effetto dei nuovi green pass non trascini molto in su le vaccinazioni (soprattutto tra gli over 50 dove ancora 3,6 milioni non hanno ricevuto neanche una dose). Anche perché sia la Lega che una parte del M5S non sono favorevoli all’obbligo di immunizzazione.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti