Dall’armadio alla cucina, una guida per ridurre l’uso della plastica

1/6Libri

Dall’armadio alla cucina, una guida per ridurre l’uso della plastica

Cambiare il mondo partendo da piccoli gesti quotidiani. Sì ma quali? Comprando le ricariche dei detersivi, per esempio, oppure portandosi dietro una borraccia da riempire, evitando così le bottigliette di plastica, o ancora privilegiando le fibre naturali a quelle sintetiche per i vestiti. Vivere senza plastica è una missione impossibile, ma ridurne l'uso si può. Ne è convinto Will McCallum, attivista e responsabile per la tutela degli oceani di Greenpeace Uk, che ha appena pubblicato una guida dal titolo «Vivere senza plastica», edito da HarperCollins Italia. Consigli pratici e molti dati per sensibilizzare alla riduzione della plastica che parte dalle nostre case e arriva negli oceani (e anche nel nostro cibo).

di Francesca Milano

“Cambiare il mondo, una bottiglia di plastica alla volta”: è l'obiettivo di Will McCallum, responsabile per la tutela degli oceani di Greenpeace Uk e autore del libro “Vivere senza plastica”. Dati alla mano, McCallum spiega che circa 12,7 milioni di tonnellate di plastica stanno invadendo l'oceano ogni anno, uccidendo oltre un milione di uccelli e 100.000 mammiferi marini. Entro il 2050 - è l'allarme del dirigente di Greenpeace - potrebbe esserci più plastica nell'oceano che pesci, in termini di peso. Come fare, dunque, la differenza? McCallum prova a spiegarlo in questa guida. Guarda i suoi consigli nelle prossime schede.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti