La ricerca europea

Dall’Erc sostegno ai ricercatori ucraini in fuga

Appello ai 5.600 studiosi che hanno ottenuto una borsa del Consigliio europeo della ricerca per offrire posti di lavoro al personale che scappa dalla guerra

di Redazione Scuola

(ANSA)

2' di lettura

Il Consiglio Europeo della Ricerca (Erc) chiama a raccolta tutti i 5.600 ricercatori ai quali in questi anni ha assegnato finanziamenti perché offrano un impiego temporaneo ai ricercatori in fuga dall’Ucraina a causa della guerra. Ne dà notizia lo stesso Erc in una nota, nella quale precisa di avere contattato tutti i suoi vincitori di finanziamenti perché inviino informazioni relative alle opportunità di lavoro. I dati saranno quindi pubblicati online dallo stesso ente europeo.

La condanna della guerra

L’iniziativa segue all’appello nel quale l’Erc aveva espresso la sua «condanna della Russia per l’attacco in Ucraina» e manifestato «il massimo sostegno all’Ucraina e alla sua comunità scientifica» e «il plauso per quanti si erano espressi contro la guerra, compresi molti coraggiosi scienziati russi».

Loading...

Gli obiettivi

Per Mariya Gabriel, Commissario europeo per la Ricerca, cultura, educazione e giovani, «questa iniziativa è una dimostrazione del forte impegno dell’Unione Europea e di come i nostri programmi di ricerca siano aperti alla partecipazione di Paesi terzi. Il coinvolgimento dei vincitori dei finanziamenti Erc in questa azione nei confronti dei colleghi ucraini si aggiunge alla nostra volontà di sostenere l’alleanza fra Unione Europea e Ucraina attraverso collaborazioni di ricerca».
Entusiasta la presidente dell’Erc, Maria Leptin: «Chiediamo ai vincitori dei finanziamenti Erc e ai centri di ricerca che li ospitano: aprite i vostri laboratori e i vostri gruppi di lavoro ai ricercatori in fuga dalla guerra in Ucraina. Se avete in programma di accogliere nuovi ricercatori nei progetti finanziati dall’Erc - ha aggiunto - prendete in considerazione i ricercatori ucraini i cui requisiti sono in linea con le vostre richieste. Questo è l’unico modo per dare loro un aiuto ed è cruciale che la comunità scientifica sia unita».

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati