ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùalta velocità ferroviaria

Tav Napoli-Bari, dalla Bei finanziamento record da 2 miliardi

È l’operazione più importante mai approvata dall’istituto per un singolo progetto. Lavori ultimati entro il 2026

di Marco Morino

default onloading pic

È l’operazione più importante mai approvata dall’istituto per un singolo progetto. Lavori ultimati entro il 2026


3' di lettura

L’Europa sostiene i grandi progetti ferroviari nel segno di una mobilità sempre più sostenibile. Il Consiglio di amministrazione della Banca europea per gli investimenti (Bei) ha dato il via libera a un finanziamento di due miliardi di euro destinato ai lavori di raddoppio e realizzazione della linea ferroviaria ad Alta velocià tra Napoli e Bari. È l’operazione più importante mai approvata dalla Bei per un singolo progetto. Il finanziamento della Bei è stato concesso a fronte di un costo totale dell’opera - il cui
completamento è previsto per il 2026 e che rientra nel piano sblocca Italia - pari a 6,2 miliardi di euro.
Il finanziamento a favore del Mes e a cascata del gruppo Fs, con durata fino a 30 anni e con tassi viicino allo zero.

La nuova linea Napoli-Bari, di cui il Gruppo Fs Italiane attraverso Rete ferroviaria italiana (Rfi) è committente, è parte integrante del Corridoio ferroviario europeo Ten-T Scandinavia- Mediterraneo. Nel 2026, alla conclusione dei lavori, faciliterà gli spostamenti da Bari verso Napoli e Roma. Sarà, così, possibile andare da Bari a Napoli in 2 ore e fino a Roma in 3 ore. Prima di tale data sono comunque previste progressive riduzioni dei tempi di viaggio, grazie all'apertura per fasi dei nuovi tratti di linea, con l'avvio del nuovo collegamento diretto Napoli-Bari già nel 2023.

Loading...

Il miglioramento delle connessioni della Regione Puglia e delle province più interne della Regione Campania alla linea AV/AC Milano-Roma-Napoli è il primo passo di un ampio processo di integrazione e di sostegno allo sviluppo socio-economico del Mezzogiorno, con notevoli ricadute occupazionali per tutta la popolazione.

Al momento, infatti, sono al lavoro circa mille risorse tra dirette ed indotto, numero destinato a raddoppiare entro fine anno con l'apertura dei nuovi cantieri, arrivando così a toccare le 2mila unità lavorative.

Dopo la certificazione Envision, ottenuta con il massimo livello (Platinum) per la tratta Frasso Telesino-San Lorenzo Maggiore, il progetto della nuova linea Napoli-Bari, elaborato da Italferr (Gruppo Fs Italiane), è stato premiato come primo classificato a Singapore alla The Year in Infrastructure 2019 Conference Advancing BIM through Digital Twins (categoria “Ferrovie e Trasporti”) per il primo utilizzo in assoluto della metodologia digitale Building Information Modeling (BIM) nella progettazione di una linea ferroviaria. Si tratta di un ulteriore riconoscimento per la nuova linea affermatasi – prima in Europa – come esempio di infrastruttura altamente sostenibile.

L'impegno del Commissario della Napoli-Bari ha reso possibile l'accelerazione dei vari step necessari alla realizzazione dell'opera, con processi autorizzativi e di consegna lavori più brevi, per ridurre costi e tempi di realizzazione. Inoltre, è stata creata una apposita Task Force per monitorare lo stato di avanzamento dei progetti ed esaminare eventuali criticità, al fine di pervenire alla loro risoluzione nel rispetto dei tempi e dei costi definiti nel Planning del Commissario, lavori che non si sono mai stati interrotti durante tutta la fase di emergenza dovuta al Coronavirus.

La riqualificazione e lo sviluppo dell'itinerario Roma-Napoli-Bari prevedono interventi di raddoppio delle tratte ferroviarie oggi a singolo binario e varianti rispetto agli attuali tracciati perseguendo, con visione di sistema, la scelta delle soluzioni progettuali in grado di assicurare la velocizzazione dei collegamenti, l'aumento dell'offerta di trasporto ferroviario ed il miglioramento dell'accessibilità al servizio. Le attività di cantiere proseguono regolarmente e i bandi di gara relativi agli ultimi lotti rimanenti saranno pubblicati entro il 2020.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti