trattamenti

Dalla bio-stimolazione all’autofagia come contrastare la caduta dei capelli

di Monica Melotti


default onloading pic

3' di lettura

I capelli che crescono più rapidamente sono quelli asiatici, i più lenti gli africani. Ogni giorno ne perdiamo fra i 50 e i 100, può sembrare un numero elevato, ma è fisiologico, bisogna preoccuparsi quando si verifica una perdita maggiore. Il fenomeno della caduta dei capelli è in aumento, vuoi una vita sempre più stressante, un inquinamento maggiore, una dieta scorretta, colpisce il 70% degli uomini e il 40% delle donne, anche giovani.

L'alopecia androgenetica è ancora una battaglia da combattere, che diventa più difficile con il passare degli anni. Le donne, con il sopraggiungere della menopausa cominciano perdere i capelli poiché manca la protezione degli estrogeni, situazione che si verifica anche nei tre mesi dopo il parto. Gli uomini , invece, dopo i 40 anni, vanno incontro alle calvizie, spesso entra in gioco anche un fattore ereditario.

Ma possono esserci anche altre cause, quali: lo stress che innalza i livelli di cortisolo provocando uno stato di infiammazione cronica, i raggi Uva, i più dannosi, che provocano foto-ossidazione delle melanine (le molecole che danno il colore) con il risultato di rendere i capelli sbiaditi e privi di luce. Altre cause? L'ipo e iper tiroidismo, la tiroide gioca un ruolo importante sulla salute dei capelli, bassi livelli di ferro, una dieta sbilanciata povera di vitamine e proteine, l'assunzione di farmaci, come i retinoidi (vitamina A), l'interferone, l'eparina e altre cure mediche.

I rimedi per contrastare la caduta dei capelli

I rimedi per contrastare la caduta dei capelli

Photogallery13 foto

Visualizza

I trattamenti in Istituto
Un approccio nuovo alla cura dell'alopecia è quello proposto dal gruppo di ricercatori coordinato dal dermatologo e tricologo Fabio Rinaldi, presidente dell'IHFR (International hair research foundation) in collaborazione con i Laboratori Giuliani. «Lo studio, durato dieci anni, ha scoperto il ruolo di una particolare molecola, il Sandalore in grado di stimolare la ricrescita dei capelli - spiega Rinaldi -. I nostri bulbi hanno recettori olfattivi sensibili a certi profumi, come l'olio di sandalo che, se applicato sulla cute come una lozione, stimola l'autofagia, ovvero quel meccanismo che le cellule adottano per smaltire materiale tossico o danneggiato. Stimolando questo processo si prolunga la fase di accrescimento del capello e si rallenta la calvizie».

Un altro trattamento, da seguire però, in un centro medico è Rigenera Hairs un protocollo di bio-stimolazione rigenerativa del cuoio capelluto. «Si tratta di una tecnica di microinnesti cutanei che rinfoltisce le aree già diradate - spiega Franco Perego, chirurgo estetico e direttore sanitario della Rigenera Clinic di Milano -. Con un punch di 3 mm si prelevano piccole particelle di pelle dalla nuca, in questa zona i tessuti sono ricchi di fattori di crescita. Poi con il metodo Rigenera si ottiene il quantitativo desiderato di micro- innesti che vengono iniettati con un sottilissimo ago nell'area da trattare. È molto importante iniettarli dove sono localizzati i bulbi piliferi che si vogliono rivitalizzare, per questo occorre rivolgersi a medici esperti in questa metodica. Il trattamento non è doloroso, dura 45 minuti e basta una sola seduta. Nella grande maggioranza dei casi si ha un arresto della caduta dei capelli e una graduale ricrescita nell'arco di alcuni mesi».

In salone e a casa propria
Il metodo Stop&Grow proposto da Hairdreams, promette una ricrescita dei capelli nelle aree diradate. Tutto questo è possibile grazie all'attivo PHT Complex che viene applicato in due fasi: all'inizio si ottiene uno shock sui follicoli piliferi dormienti che si risvegliano e riprendono la produzione di capelli nuovi. Dopo tre mesi si possono già notare dei risultati, il trattamento va eseguito presso parrucchieri specializzati.

Molto si può fare a casa propria. Le fiale anticaduta, per esempio, danno degli ottimi risultati se applicate con costanza. I trattamenti più validi contengono aminoacidi, glucosio, acido linoleico e acidi grassi essenziali, come le Fiale Anticaduta Keramine H, potenziate con Kapilarine, una sinergia di quattro piante: kigelia africana, salvia sclarea, cannella, ginkgo biloba, e le fiale Triphasic Reactional di René Furterer, un mix di attivi che già dopo un mese aumenta la massa dei capelli.

Importante è usare anche uno shampoo anticaduta che rafforza i bulbi, come quelli della linea Morphosis Densifying di Framesi, un programma intensivo, fiale incluse, per capelli fragili. Biopoint ha formulato un trattamento strong a base di uno Shampoo Anticaduta e Lozione Intensiva, le formule sono state arricchite con K-Densyl Technology una molecola dalla tripla efficacia. Una novità che farà felici gli uomini, è l'Elixir Anti-Grey, sviluppato dai Laboratori La Biosthetique, un metodo naturale che ridà ai capelli il loro colore originario e li rivitalizza bloccando ulteriori perdite di pigmento. In più il 97% degli ingredienti è di origine naturale.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...