ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFormazione

Dalla cybersecurity ai videogame, al via l’Its Academy Lazio Digital

Altri due corsi per sviluppatori software developer 4.0 e cloud developer destinati a implementare servizi innovativi e soluzioni It aziendali

di Claudio Tucci

Hi tech. L'uso di tecnologie internet, di strumenti di comunicazione visiva e multimediale, sarà una skill (di base) necessaria per circa 2,2 milioni di futuri ingressi nel mondo del lavoro

3' di lettura

La prima campanella suona lunedì. Quattro prime classi che accolgono 28 studenti ciascuna. In tutto, circa 120 ragazzi, la quasi totalità neo diplomati della scuola secondaria, che si specializzeranno nell’Ict, in un percorso biennale di 1.800 ore complessive, 1.080 di didattica innovativa e laboratoriale, le restanti 720 di formazione “on the job”, accolti in colossi del settore da Exprivia Spa a Rainbow Academy, solo per fare qualche nome.

Siamo all’Its Academy Lazio Digital, quartiere Pigneto, Roma, che il 31 ottobre inizia ufficialmente la propria attività (è il primo Its della regione che formerà giovani nell’area delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, legate a Industria 4.0). Il primo corso è in «cybersecurity», e sfornerà esperti in sicurezza informatica di dati e infrastrutture aziendali. Il secondo corso è in «game developer», cioè esperto in sviluppo di videogiochi. Gli altri due corsi riguardano «sviluppatori software developer 4.0» e «cloud developer», per implementare servizi che consentono alle imprese di innovare e supportare soluzioni It aziendali. «Tutti e quattro i percorsi, promossi da regione Lazio e ministero dell’Istruzione - ci racconta il presidente della neonata fondazione Its Academy Lazio Digital, Euclide Della Vista - sono stati co-progettati con le imprese e permetteranno ai nostri studenti di acquisire le skills più ricercate nel settore delle nuove tecnologie digitali legate a Industria 4.0, dove si registra maggiormente il problema del divario tra offerta di lavoro e reperimento di profili professionali adeguati ai reali fabbisogni delle imprese. Si tratta, infatti, di quattro profili professionali tra i più richiesti nell’attuale mercato del lavoro che in soli 15 mesi assicurano un rapido e qualificato inserimento lavorativo grazie a 11 mesi di didattica pratica e laboratoriale in aula, con la partecipazione diretta delle aziende partners da cui proviene il 70% dei docenti, e quattro mesi di stage nelle stesse imprese, di grande livello e prestigio. Tra i primi partner dei corsi di programmazione informatica ci sono Exprivia Spa, DGS Spa, Links Management and Technology Spa, LaserRomae s.r.l., Gruppo Soft strategy e Alten Italia mentre realtà del calibro di Rainbow Academy e Vigamus Academy, partecipano al percorso di game developer».

Loading...

Per comprendere quanto innovazione e digitale stanno trasformando, e rapidamente, imprese e lavoro, è sufficiente un dato su tutti: il 20% circa del Pnrr, il più ambizioso piano comunitario mai varato, è declinato a supportare la transizione digitale, che significa tecnologie, nuove formule organizzative aziendali, nuovi business. La traiettoria di dove stiamo andando la si può leggere negli ultimi dati Unioncamere-Anpal, che hanno stimano, attraverso il sistema informativo Excelsior, il fabbisogno di competenze digitali nei prossimi cinque anni, vale a dire da qui al 2026. Ebbene, l’uso di tecnologie internet, di strumenti di comunicazione visiva e multimediale, sarà una skill (di base) necessaria per circa 2,2 milioni di ingressi. Il punto è che, ancora oggi, il mismatch, cioè la difficoltà delle imprese di trovare le risorse giuste, è elevatissimo: siamo al 35%, dato medio, per le competenze digitali; e non c’è tanto da stupirsi visto il gap digitale che riguarda il Paese, con appena il 46% dei nostri connazionali che dispone di competenze digitali di base, e la modestissima percentuale di specialisti in information e communication technology nella forza lavoro italiana, appena il 3,8% contro il 4,5% della media europea.

«Le pre iscrizioni ai nostri quattro corsi sono andate oltre le attese, circa 400 giovani interessati - ha chiosato Della Vista - a testimonianza di un certo interesse per il settore. La sede che ospita l’Its Academy Lazio Digital è stata completamente ristrutturata, ci sono quattro aule-laboratori d’avanguardia, e un terrazzo di 250 mq dove i ragazzi possono socializzare e studiare. Che opportunità avranno al termine del biennio formativo? Rispondo con un dato: gli studenti degli Its dell’area Ict - in tutt’Italia una decina - hanno un tasso di occupazione medio del 95%. Sono certo che confermeremo questo risultato».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti