impianti chiusi il 6 e 7 novembre

Sciopero benzinai: dalla e-fattura agli impianti illegali, tutte le ragioni della protesta

Per la categoria ci sono troppi «adempimenti inutili fatti per scaricare sull’ultimo anello della filiera, il più debole, oneri e costi e finanche provvedimenti penali per errori formali». Adesione oltre il 74%

di Andrea Marini


E-fattura e impianti illegali: ecco perché i benzinai scioperano

2' di lettura

Dalla fatturazione elettronica all’introduzione degli Isa (l’indice sintetico di affidabilità fiscale), fino ai registratori di cassa elettronici. Ma anche lo strapotere delle compagnie petrolifere e la proliferazione degli impianti «illegali». Sono queste le criticità che hanno portato Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio a proclamare due giorni di sciopero dei benzinai, il 6 e 7 novembre, con la chiusura degli impianti, stradali e autostradali, su tutto il territorio nazionale. Secondo i sindacati l’adesione allo sciopero è stata oltre il 74%.

Contro la politica fiscale del governo
La categoria protesta contro la fatturazione elettronica, l’introduzione degli Isa (gli indici di affidabilità fiscale), «che – scrivono le categorie rappresentanti i benzinai – risultano fortemente penalizzanti per i gestori carburanti (che, è bene ricordarlo, percepiscono un margine che non supera il 2% del prezzo pagato dagli automobilisti). Ma oggetto della protesta sono anche i Registratori di cassa Telematici per fatturati di 2 mila euro l’anno, l’introduzione di Documenti di Trasporto (Das) e modalità di Registrazione giornaliera, in formato elettronico, da digitalizzare a mano».

Troppi adempimenti
Per i benzinai, si tratta di «adempimenti inutili fatti per scaricare sull’ultimo anello della filiera, il più debole, oneri e costi e finanche provvedimenti penali per errori formali. Provvedimenti che duplicano le incombenze burocratiche senza alcuna valenza sulla lotta all’illegalità o alla infedeltà fiscale, lasciando in pace gli evasori di continuare a fare business anche nel nostro settore che appare sempre più inquinato dalla criminalità organizzata».

Contro le compagnie petrolifere e gli illegali
Lo sciopero è anche «contro le compagnie petrolifere e la miriade di titolari di impianti, piccoli, medi e grandi, cresciuti sull’illegalità contrattuale», spiegano i rappresentanti della categoria. «Verso questi soggetti la Pubblica Amministrazione e il Ministero dello Sviluppo Economico – concludono – continuano a mantenere un silenzio imbarazzante assistendo, muti, allo scempio che sta generando danni al Paese ed al sistema per alcuni miliardi l’anno».

«Siamo la classe operaia 2.0»
Per Paolo Uniti, segretario della Figisc, «i benzinai sono la classe operaia 2.0. Con un milione di litri erogati l’anno, lavorando 12 ore al giorno, un titolare di un impianto riesce a mettere in tasca al massimo 1.200 euro netti al mese. Deve esser chiaro che noi, con un peso delle accise pari al 70% , siamo le prime vittime del prezzo della benzina così alto». Martino Landi, presidente della Faib, mette in luce l’illegalità diffusa nel settore: «Da una parte ci sono gestori che operano senza applicare i contratti, dall’altra c’è un 15% del carburante immesso nella rete che, secondo la guardia di finanza, è di dubbia provenienza».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...