Gemco

Dalla Libia all’Oman una rete di assistenza per impianti oil&gas

di Natascia Ronchetti

2' di lettura

In un Paese difficile e complesso come la Libia hanno impiantato un sistema di assistenza tecnica e commerciale di stampo occidentale che si è rivelato un successo. Adesso per Gemco, azienda di Piacenza specializzata nella fornitura e nella manutenzione di impiantistica industriale per il settore dell’oil&gas, per le acciaierie e per le centrali elettriche, quel sistema è diventato un modello da replicare in altri Paesi. «Lo abbiamo applicato anche in Oman e ci apprestiamo a esportarlo in Sudamerica e in Medio Oriente, dove vogliamo insediarci», dice Gualtiero Aidi, amministratore delegato. Gemco è una di quelle aziende capaci di bruciare le tappe. Nata nel 2015, un anno dopo fatturava poche centinaia di migliaia di euro ma nel 2020 era già arrivata a un volume d’affari di 4 milioni e quest’anno raggiungerà quota 7, con un portafoglio ordini di 17 milioni. Crescita ininterrotta, dopo essersi radicata in Libia, che nei prossimi anni la porterà in Colombia e in Bolivia, in Iraq, in Pakistan e in Senegal. I suoi clienti sono esclusivamente società governative alle quali fornisce anche competenze e conoscenze per lo sviluppo di progetti industriali che hanno sempre un orizzonte di tre-cinque anni.

«Le difficoltà sono tante, con molte barriere all’ingresso di tipo anche culturale nell’individuazione di agenti locali – spiega Aidi -. Ma il modello sperimentato in Libia, e basato sull’innesto di tecnici specializzati nella rete commerciale, è stato vincente. E quando riesci ad acquisire anche piccole quote di mercato puoi sviluppare un fatturato interessante». Ora nel Paese del Nord Africa, dove il settore dell’oil&gas è ancora molto ricco, manca solo un tassello per completare il piano di sviluppo: due officine da realizzare entro il 2022. «Poi, entro il 2023 – prosegue Aidi – dovremo aprire rappresentanze locali negli altri Paesi nei quali vogliamo espanderci, sulla scia di una domanda molto forte che ci arriva». Oggi Gemco conta quaranta tra dipendenti diretti e collaboratori e ha un piano di crescita che prevede anche il rafforzamento del presidio in Oman, dove è entrata come fornitore di ricambi in grado di offrire anche una assistenza tecnica qualificata.

Loading...

«L’approccio è sempre lo stesso – osserva Aidi -. Prima verifichiamo il mercato con il nostro sistema di ricambistica e quando il rapporto con i clienti si consolida a quel punto cerchiamo di radicarci. Costruiamo una rete, garantiamo assistenza. Nei Paesi meno sviluppati le competenze vengono sempre acquisite da quelli maggiormente avanzati. E noi mettiamo a disposizione il nostro know-how».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti