ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEconomia

Dalla Lombardia nuovo appello all’Ue sul credito

Le misure messe in campo dalla Regione hanno permesso di erogare liquidità alle imprese per 1 miliardo di euro. La richiesta è di ulteriori interventi da parte delle autorità sovranazionali

di Flavia Carletti

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - L’ulteriore rialzo dei tassi da parte della Banca centrale europea, deciso per frenare l’inflazione, sta portando a una crescita dei tassi anche sui prestiti e a maggiori difficoltà per le imprese a reperire liquidità. Questo si verifica in un contesto economico già difficile, alla luce delle tensioni geopolitiche internazionali e degli aumenti dei prezzi di energia e materie prime, con i timori per una recessione globale. Le imprese lombarde, come tutte, si trovano così ad affrontare nuove sfide e che la liquidità sia un problema e una preoccupazione è dimostrato anche dal fatto che una misura come “Credito Adesso Evolution” – messa in campo da Regione Lombardia con l’assessore allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, e una dotazione di 175 milioni di euro – sia esaurita in pochi giorni.

Con la misura Credito Adesso Evolution 1 mld alle imprese

Le tensioni su possibili problematiche legate al credito erano state già sollevate dal sistema lombardo lo scorso anno, con l’istituzione di un tavolo di lavoro dal quale era uscito un documento presentato agli enti sovraregionali con proposte specifiche. Tuttavia, gli appelli non hanno trovato una risposta adeguata. Di fronte alle esigenze delle imprese del territorio, motore economico del Paese, la Regione Lombardia in questo periodo ha adottato alcune misure ad hoc. In particolare, grazie allo strumento Credito Adesso e i suoi cinque sportelli è stato possibile concedere alle aziende lombarde quasi un miliardo di euro. Nel dettaglio, il territorio di Brescia ha ottenuto 517 milioni di euro, seguono Milano con 291 milioni e Bergamo a cui sono arrivati 260 milioni di euro. Con questo strumento, secondo i dati di Palazzo Lombardia, si è generato un investimento da parte delle imprese lombarde di ben 14 volte superiore l’investimento regionale.

Loading...

Guidesi: «Anche le banche devono fare la loro parte»

Secondo le autorità locali e le imprese, tuttavia, serve uno sforzo maggiore con interventi, anche strutturali, da parte del Governo e dell’Europa. «Il credito e la liquidità sono una priorità anche rispetto ai maggiori costi che derivano dal prezzo dell’energia, per questo c’è l’estrema necessità affinché anche le banche partecipino a questo sistema per sostenere, insieme a noi, le imprese e quindi l’occupazione», ha dichiarato l’assessore Guidesi, invitando Banca centrale europea e sistema bancario a fare la loro parte in questa situazione di crisi “energetica”, senza la quale l’economia della Lombardia potrebbe crescere a ritmi molto più sostenuti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti