L’ALLARME

Dalla Puglia al Trentino tornano i focolai nelle Rsa ed è stop alle visite

L'Asl Bari ha commissariato la Rsa Giovanni XXIII di Alberobello e inviato i propri medici a supporto. Oltre 100 positivi in una sola struttura: la Rsa Don Orione di Avezzano. Torna la preoccupazione delle residenze per anziani in Emilia dopo i focolai di Covid emersi negli ultimi giorni, tanto che diverse strutture hanno optato per uno stop alle visite di parenti e amici

Quali sono i test per trovare il Covid-19

L'Asl Bari ha commissariato la Rsa Giovanni XXIII di Alberobello e inviato i propri medici a supporto. Oltre 100 positivi in una sola struttura: la Rsa Don Orione di Avezzano. Torna la preoccupazione delle residenze per anziani in Emilia dopo i focolai di Covid emersi negli ultimi giorni, tanto che diverse strutture hanno optato per uno stop alle visite di parenti e amici


3' di lettura

I DATI DEL CONTAGIO
Loading...

La corsa dei contagi Covid, che hanno superato quota 7mila, pone ancora di più in primo piano l’esigenza di preservare le Rsa. Anche perché gli anziani nelle case di riposo, persone fragili e quindi più a rischio, sono già sotto la minaccia di quella che si delinea sempre di più come una seconda ondata. A guardare i numeri, infatti, la situazione nelle Rsa è già difficile. Dalla Puglia al Trentino, sono diversi i focolai, piccoli cluster registrati nelle ultime ore, con la conseguenza che le visite dei parenti sono state congelate e si è tornato a ricorrere alle videochiamate. Ecco, allo stato attuale, i principali focolai.

Focolaio Alberobello, Usca prende gestione casa riposo

Preoccupa il focolaio esploso nella Rsa Giovanni XXIII di Alberobello, in Puglia. Questa mattina, una equipe delle Usca dell'Asl Bari, le Unità speciali di assistenza per l'emergenza coronavirus, è subentrata nella gestione della casa di riposo, dove ieri sono stati diagnosticati 71 casi positivi al coronavirus, 59 pazienti e 12 operatori. Saranno i medici e infermieri delle Usca ad assistere i tre anziani non contagiati. Le scuole resteranno chiuse anche domani, mentre negli uffici comunali di Alberobello i dipendenti sono tornati al lavoro ma gli sportelli restano chiusi al pubblico.

Loading...

Oltre 100 positivi Rsa Don Orione Avezzano

Si aggrava ancora di più la già allarmante situazione del focolaio in atto nella Rsa dell'Istituto Don Orione di Avezzano (L'Aquila) che sta facendo preoccupare non poco le autorità sanitarie. Sono complessivamente oltre 100 i casi, di cui circa 85 anziani e la restante parte operatori sanitari, un numero rilevante che potrebbe mettere in ginocchio gli ospedali provinciali già a dura prova dalla impennata di contagi che si ripete ormai da giorni. La Rsa è stata chiusa: gli ospiti negativi sono stati trasferiti in un piano isolato dal resto della struttura.

In una Rsa di Roma contagiato un terzo dei pazienti

Focolaio in una Rsa di Roma, dove più di un terzo dei pazienti è positivo al Coronavirus assieme a quattro dipendenti della struttura . Il contagio ad “Anni Azzuri” , Rsa convenzionata con il Servizio sanitario nazionale, è partito 15 giorni fa. All’origine un operatore che aveva avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid. Attualmente sono 39 i pazienti contagiati della struttura che complessivamente ne ospita oltre un centinaio. Di questi, sei sono ricoverati in ospedale. Dieci giorni fa pazienti e personale sono stati sottoposti all' ultimo tampone e sono ancora in attesa del successivo.

Focolaio in Rsa Monza: 33 positivi e sei decessi

Sei morti per coronavirus, mentre dei 37 presenti 33 sono positivi nella Rsa Villa Terruzzi di Concorezzo, alle porte di Monza, dove è stato riscontrato un nuovo focolaio. La direzione - come scrivono Il Corriere della sera e Il Giorno - aveva già disposto degli accertamenti qualche tempo fa e i risultati erano stati venti positivi su 23, quasi tutti asintomatici. Nei giorni scorsi, però, la situazione si è aggravata e, a ieri, nella struttura sono stati rilevati 33 positivi su 37 ospiti e sei decessi. Le visita dei parenti sono state sospese e i contatti con i famigliari avvengono solo con videochiamata.

Sono 21 i contagi nelle Rsa del ferrarese

Torna la preoccupazione delle residenze per anziani in Emilia dopo i focolai di Covid emersi negli ultimi giorni, tanto che diverse strutture hanno optato per uno stop alle visite di parenti e amici, e altre lo stanno valutando. Nel ferrarese sono 21 i nuovi casi nelle rsa fra operatori e ospiti e casi isolati ci sono stati anche in altre province. Anche in questo caso, molte strutture, comprese alcune dove non si sono registrati casi, hanno deciso di chiudere le visite agli ospiti. Altre, invece, lo stanno seriamente prendendo in considerazione. In provincia di Modena, dove nelle ultime ore si sono registrati 45 casi, tra ospiti e operatori che lavorano nelle strutture, le Asp per precauzione hanno deciso l'isolamento da oggi per le sei Rsa che gestiscono nel territorio.

Focolaio Rsa Sesto Fiorentino, fra 78 positivi sette suore

Sono saliti a 45 gli ospiti della Rsa “San Giuseppe” di Sesto Fiorentino risultati positivi al Coronavirus. Il dato, ha sottolineato la Asl, è in evoluzione in attesa dei risultati dei tamponi effettuati sui restanti 38 ospiti. Tra il personale si sono registrati 26 contagiati tra gli operatori laici. Sette i casi di positività tra le suore che svolgono compiti di infermiere. Per quanto riguarda la Rsa Le Magnolie a Firenze, nel quartiere dell'Isolotto, gli ospiti positivi sono 35 ma si attende ancora l'esito di due tamponi.

Tre decessi in Rsa Trentino

Tre i decessi da Covid in Trentino. Anziani, erano ospiti della Rsa di Montagnaga di Pinè: due donne ed un uomo, in un caso di oltre 80 anni, gli altri due ultranovantenni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti