bandi

Dalla Regione Lazio nuovi finanziamenti di sostegno alla cultura

di Roberta Capozucca


default onloading pic

2' di lettura

La Regione Lazio ha pubblicato due nuovi bandi a sostegno dei “luoghi della cultura”: musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici e complessi monumentali, come definiti dall'articolo 101 del D.lgs 42/2004 del Codice dei Beni Culturali. Per uno stanziamento totale di oltre €10 milioni, l'azione vuole agire contemporaneamente sul fronte pubblico e su quello privato per promuovere la fruizione del patrimonio culturale laziale.
Attraverso il primo bando, “Valorizzazione dei Luoghi della Cultura”, la Regione ha predisposto 3.46 0.000 euro a sostegno di progetti che migliorino le condizioni di fruibilità, sicurezza e accessibilità al pubblico dei siti culturali laziali. I contributi saranno concessi in conto capitale per un importo non superiore all'80% del costo totale ammissibile per i soggetti pubblici e non superiore al 50% per i soggetti privati. Il massimo contributo concedibile per ogni progetto non potrà superare i 200.000 euro, i quali dovranno essere realizzati entro 12 mesi a partire dalla sottoscrizione dell'atto di impegno da parte del beneficiario del contributo.

Le progettualità potranno essere legate sia ai luoghi della cultura già inseriti nei sistemi riconosciuti dalla Regione, che a quei progetti che prevedono l'adesione a uno dei sistemi museali o bibliotecari territoriali neo costituiti o costituendi. Le domande di candidatura devono essere inviate esclusivamente via PEC all'indirizzo cultura@regione.lazio.legalmail.it entro il 27 marzo 2019.

Con il secondo bando, “ L'Impresa Fa Cultura ”, la Regione vuole, invece, finanziare quei progetti tesi a promuovere il patrimonio culturale attraverso l'uso di nuove tecnologie. Scommettendo sulle potenzialità dell'innovazione collegata ai territori, le candidature dovranno favorire la collaborazione tra il pubblico e il privato con il fine di sviluppare contenuti comunicativi multimediali e impiegare tecnologie di rilievo, come la modellazione, la stampa 3D o la realtà aumentata per ampliare l'accessibilità dei siti culturali prestando particolare attenzione ai pubblici con disabilità.

Le risorse stanziate, pari a 6.800.000 euro totali, sono composte per il 50% da fondi comunitari POR FESR , per il 35% da fondi nazionali e per il 15% da fondi regionali. L'agevolazione consisterà in un contributo economico a fondo perduto fino ad un massimo dell'80% delle spese ammissibili e comunque non superiore a 200.000 euro per singolo progetto. Sono beneficiari dello stanziamento le micro, piccole e medie imprese (Pmi) in forma singola o aggregata e regolarmente costituite; anche in questo caso il periodo di esecuzione dei progetti è fissato a 12 mesi a partire dalla sottoscrizione dell'atto di impegno da parte del beneficiario del contributo. Il dossier di candidatura deve essere presentato esclusivamente attraverso la procedura telematica accessibile dal sito www.regione.lazio.it/sigem entro il 30 aprile 2019.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...