finaziamenti per l’emergenza

Dalla Regione Lazio ossigeno per il settore culturale

In previsione delle riapertura dei luoghi della cultura il 18 maggio approvato stanziamento di oltre 25 milioni di euro per riaccendere la cultura

di Roberta Capozucca

default onloading pic

In previsione delle riapertura dei luoghi della cultura il 18 maggio approvato stanziamento di oltre 25 milioni di euro per riaccendere la cultura


4' di lettura

Con la ratifica del Piano Annuale 2020 degli interventi in materia di servizi culturali regionali e di valorizzazione culturale , la Regione Lazio si dichiara pronta a sostenere la ripresa del settore mediante lo stanziamento di oltre €25.000.000 € per lo spettacolo dal vivo (teatro, danza, musica) e i luoghi della cultura, che saranno erogati nel corso del 2020 attraverso una serie di avvisi pubblici. Il programma operativo, redatto prima dell'esplosione del Covid-19, è stato ricalibrato alla luce dell'emergenza sanitaria in corso e prevede da una parte di incentivare la ripresa delle filiere culturali attraverso l'immissione di nuovi investimenti, dall'altra di stimolare i luoghi della cultura a ripensare nuovi modi di interazione con il pubblico e le comunità di riferimento, garantendo la diffusione della cultura anche a distanza e in piena sicurezza.

Il Piano prevedere una serie di misure di supporto e semplificazione amministrativa destinate alle associazioni culturali e alle cooperative a cui verrà concesso, inoltre, di accedere ai fondi europei attualmente destinati solo alle piccole e medie imprese. Attenzione anche per lo spettacolo dal vivo, per cui si prevede la proroga delle attività di rendicontazione e del termine di svolgimento delle attività finanziate, l'eliminazione della revoca del contributo nel caso di attività svolte per meno del 50% del progetto presentato, il riconoscimento delle spese sostenute per la programmazione delle attività previste ma non realizzate a causa del blocco emergenziale e l'aumento del contributo regionale dal 60% all'80% per le officine culturali; a supporto del settore la Regione ha inoltre stanziato 1.000.000 € a sostegno delle locazioni dei teatri privati. Infine, il documento prevede che tutti gli eventuali risparmi che si dovessero presentare dalla riduzione delle attività previste dai bandi o dalle attività degli enti partecipati dalla Regione saranno utilizzate per sostenere la ripresa del settore.

Valorizzazione i luoghi della cultura
Sulla scia del lavoro iniziato nel 2019, l’ Avviso pubblico per la valorizzazione dei luoghi della cultura del Lazio si prefigge l'obiettivo di sostenere il recupero dei luoghi della cultura e delle sedi dei servizi culturali regionali (musei, biblioteche e archivi) attraverso il miglioramento delle condizioni di fruizione fisica e intellettuale del loro patrimonio. Per un importo totale di 5.200.000 €, il bando sosterrà interventi di recupero e manutenzione edilizia e di adeguamento degli spazi allestitivi per una maggiore accessibilità, lo sviluppo di modelli e strumenti di comunicazione ispirati alle più recenti tecnologie digitali, anche alla luce delle misure previste per il contrasto alla diffusione del coronavirus. Ogni progetto sarà finanziato per un massimo di 300.000 €, pari all'80% dei costi previsti dalle proposte presentate dai soggetti pubblici e pari al 50% per quelle dei soggetti privati. La proposta dovrà essere presentata, attraverso l'apposita modulistica presente sul sito regionale all'indirizzo, entro il 30 luglio 2020 mediante posta elettronica certificata all'indirizzo: cultura@regione.lazio.legalmail.it

Recuperi per gli istituti di cultura
Per gli istituti culturali iscritti all'Albo Regionale nel triennio 2020-2022 sono stati stanziati oltre 440.000 € per finanziare lavori di recupero e/o l'acquisizione di beni e attrezzature che assicurino una più ampia fruibilità del loro patrimonio culturale anche mediante l'utilizzo di nuovi mezzi tecnologici, che promuovano le sedi degli istituti e ne migliorino l'accessibilità anche nel rispetto delle vigenti normative. LAvviso pubblico per l'assegnazione di contributo per lavori di recupero e acquisto di attrezzature consente a ogni Istituto Culturale Regionale di presentare una sola richiesta di contributo per un massimo finanziabile di 35.000 €, pari all'80% della spesa complessiva ritenuta ammissibile (Iva inclusa). La domanda di contributo deve essere inviata entro il 2 luglio mediante Posta Elettronica Certificata a cultura@regione.lazio.legalmail.it

Risorse per i piccoli comuni
In risposta alla necessità di pensare oltre i grandi centri urbani, ma anche allineandosi alle politiche nazionali degli ultimi anni (basti pensare alla legge 158/2017 sui Piccoli comuni e all' Anno dei Borghi del MIBACT nel 2017), la Regione Lazio ha stanziato con l’ Avviso per la valorizzazione del patrimonio culturale dei piccoli comuni 2.500.000 di euro per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale di tutti i paesi del Lazio con meno di 5.000 abitanti. Ciascun comune potrà presentare non più di una proposta progettuale, eventualmente articolata in più interventi, per un contributo in conto capitale di massimo 40.000 € e pari al 100% del costo totale ammissibile. Saranno privilegiate le proposte di riqualificazione urbana volte al riutilizzo e allo sviluppo di attività collegate alle tradizioni locali e al patrimonio culturale immateriale, che coinvolgano direttamente la comunità e in particolare i giovani, ma anche le proposte per la realizzazione di percorsi pedonali di collegamento con i siti culturali e ambientali di maggior pregio oltre che a interventi di valorizzazione degli spazi urbani ed extra-urbani attraverso la realizzazione di opere e installazioni d'arte. La domanda di contributo dovrà essere trasmessa entro il 15 luglio 2020, esclusivamente mediante posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo cultura@regione.lazio.legalmail.it

Avviso distretto delle tecnologie culturali
È stato in ultimo prorogato al 17 giugno il bando dal valore di 4.500.000 € promosso dal “Distretto Tecnologico per le nuove tecnologie applicate ai beni e alle attività culturali” ( DTC ) e finanziato dalla Regione Lazio e dal MIUR con il supporto del MISE e del MIBACT, con l'intento di valorizzare l'insieme delle competenze e delle tecnologie dedicate alla tutela e alla fruizione dei beni culturali. Il bando è rivolto a quelle imprese o istituti della cultura del Lazio interessati ad innovarsi (600.000 €) o che vogliono iniziare a ragionare in ottica di attrazione dei finanziamenti europei, nazionali o privati (500.000 €); alle università o ai centri di ricerca anche stranieri che intendano collaborare con la regione su specifici progetti di Ricerca Sviluppo ed Innovazione (2.500.000 €), ma anche alla professionalizzazione dei dipendenti (900.000 €).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti