i dDl collegatI

Dalla riforma fiscale allo statuto delle imprese, al restyling degli ammortizzatori sociali: ddl collegati alla manovra ad ampio spettro

I disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica sono dei provvedimenti ad hoc il cui obiettivo è realizzare in concreto quanto è disposto dalla legge di Bilancio. In base alle regole di contabilità attualmente in vigore, i testi dei provvedimenti devono essere sottoposti dal Governo all’esame delle Camere entro il 15 novembre

di An.C.

default onloading pic
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (imagoeconomica)

I disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica sono dei provvedimenti ad hoc il cui obiettivo è realizzare in concreto quanto è disposto dalla legge di Bilancio. In base alle regole di contabilità attualmente in vigore, i testi dei provvedimenti devono essere sottoposti dal Governo all’esame delle Camere entro il 15 novembre


2' di lettura

Il “piatto forte” dei 22 Ddl collegati alla manovra di bilancio 2020-2022 è la riforma fiscale. Ma il nutrito pacchetto dei disegni di legge delineato dalla nota di aggiornamento al documento di economia e di finanza, propedeutica alla legge di Bilancio, intercetta una serie di altre materie. Tra le principali la riforma degli ammortizzatori sociali, lo Statuto delle imprese, l'attuazione dell'autonomia differenziata di cui all'articolo 116 della Costituzione. Nella lunga lista non è entrata la delega sulla riforma delle pensioni, riforma che in ogni caso sarà nell’agenda dell’esecutivo, considerato che il presidente del Consiglio nei giorni scorsi ha annunciato che “quota 100” al termine dei tre anni di sperimentazione non sarà rinnovata (si veda anche Il Sole 24 Ore del 7 ottobre).

Con il Conte due crescono i collegati

Ventidue Ddl così come era accaduto per la manovra dello scorso anno (erano 12 invece nella legge di Bilancio di due anni fa). Il Conte due tende dunque a individuare numerosi ambiti su cui concentrare la propria azione nei prossimi mesi. L’anno scorso i principali collegati andavano dalla riduzione del cuneo fiscale, al Green New Deal passando per il Family Act e l’autonomia differenziata.

Loading...

Previsto anche un Ddl sul salario minimo

La lista per la manovra di quest’anno comprende anche un Ddl sulle lauree abilitanti; sul riordino del settore dell'alta formazione artistica, musicale coreutica; in materia di spettacolo, industrie culturali e creative e turismo; per il riordino della normativa ambientale, la promozione della green economy e l'economia circolare (Green Generation); per l'aggiornamento e il riordino della disciplina in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; per il salario minimo e rappresentanza delle parti sociali nella contrattazione collettiva. E poi ancora la riforma della giustizia tributaria; il riordino settore dei giochi; quello della disciplina in materia di prevenzione della corruzione, obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pa; con Disposizioni in materia di lavoro agile nelle Pa; un Ddl per la semplificazione dei procedimenti amministrativi in materia di contenimento del dissesto idrogeologico; in materia di sostegno e valorizzazione dell'agricoltura e della pesca; disposizioni per l'attuazione dell'autonomia differenziata; per l'Implementazione delle forme di raccordo tra Amministrazioni centrali e regionali; su semplificazione e riordino in materia di start-up e Pmi innovative; sulla revisione organica degli incentivi alle imprese; per lo sviluppo delle filiere e per favorire l'aggregazione tra imprese. Completano la lista la riforma della legge quadro per l'artigianato.

Ddl da presentare in Parlamento entro il 15 novembre

I disegni di legge collegati alla manovra di finanza pubblica sono dei provvedimenti ad hoc il cui obiettivo è realizzare in concreto quanto è disposto dalla legge di Bilancio. In base alle regole di contabilità attualmente in vigore, i testi dei provvedimenti devono essere sottoposti dal Governo all’esame delle Camere entro il 15 novembre, e possono ottenere il via libera sia sia prima sia dopo quello della manovra. Dal 2008 al 2017, ha calcolato Openpolis, sono state approvate 19 leggi collegate alla manovra finanziaria (dati XVI e XVII legislatura), circa 2 all’anno. Nell'ultimo periodo il numero medio di provvedimenti promulgati è decisamente cresciuto. Nella XVI legislatura (2008, 2009, 2010, 2011, 2012) la media era di circa uno all'anno, con la XVII legislatura il dato è triplicato, arrivando a tre.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti