I BINARI CHE PORTANO AL BELLO

Dalla stazione al sito Unesco: 33 destinazioni a portata di treno

di Antonello Cherchi


default onloading pic
iMAGOECONOMICA

2' di lettura

Ci sono 33 siti Unesco - dei 54 che il nostro Paese può vantare - facilmente raggiungibili con il treno. Dal Piemonte alla Sicilia, è sufficiente salire su uno dei regionali di Ferrovie dello Stato per trovarsi in prossimità dei monumenti e dei luoghi a cui l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura ha riconosciuto il titolo di “patrimonio dell’umanità”. Per questo Trenitalia e la Commissione italiana per l’Unesco hanno messo a punto un travel book dove il viaggiatore può trovare tutte le indicazioni per muoversi lungo il Belpaese in modo sostenibile.

I binari che portano al Bello
Non c’è bisogno di stressarsi nel traffico stradale. Lo spostamento in treno ha non solo il privilegio di essere più gradito all’ambiente, ma permette al viaggiatore di rilassarsi, guardare il paesaggio che scorre, leggere o riposarsi e ritrovarsi così meno affaticato e più disponibile per un percorso turistico-culturale. Il travel book - guida che nella versione digitale si può sfogliare sul sito di Trenitalia - contiene tutte le indicazioni per arrivare ai 33 siti a portata di stazione e le informazioni che hanno indotto l’Unesco ad “adottarli”.

A piedi o in bici
Una volta in stazione, per arrivare a destinazione è richiesta una passeggiata di massimo due chilometri. Un tragitto che si può anche pensare di coprire in bici: nei regionali è possibile, infatti, portare le bici pieghevoli o, in alcuni, anche quelle normali. I prossimi treni, però, avranno anche in dotazione gli stalli per le biciclette.

Lungo il Belpaese
I 33 siti Unesco descritti nel travel book sono sparsi lungo la penisola: dai Sacri monti del Piemonte alle ville palladiane del Veneto, passando per le Cinque terre in Liguria, i centri storici di Firenze, Roma e Napoli, la costiera amalfitana, le città barocche della Val di Noto. I più sono raggiungibili con i regionali di Trenitalia, ma ci sono destinazioni - per esempio, quelle di Torino, Firenze, Napoli e Roma - per le quali si possono scegliere le Frecce. Quella del treno è un’opzione che sempre più persone preferiscono anche per gli spostamenti di piacere: nel 2018, infatti, è arrivata al 29% la quota di passeggeri che si muovono con la ferrovia, con un aumento dell’8% rispetto all’anno precedente. Sono sempre di più anche i viaggiatori stranieri che scelgono il treno, per cui è prevista una versione inglese del travel book.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...