IL TAM TAM SU WEB E WhatsApP

Dalle piste da sci a Roma Nord ai cani da slitta in città, ironia social sulla Roma imbiancata

di Andrea Carli

default onloading pic


2' di lettura

È quell’ironia tipicamente romana, quella consapevolezza, a metà tra serio e sarcasmo, che la realtà è così, inutile incaponirsi a cambiarla, tanto vale mettersi l’anima in pace e accettarla, tanto alla fine una soluzione si trova... È proprio quella filosofia, emblematicamente espressa dal marchese del Grillo così come interpretato, e reso immortale, da Alberto Sordi che rinviene nei fotomontaggi che hanno intasato i social in questo giorno di Roma sotto la neve. Allora la Roma papalina di inizio ’800, e il popolino che si arrabatta per arrivare a fine giornata, oggi la Roma imbiancata, con i romani che si armano di coraggio per raggiungere il posto di lavoro in un orario accettabile.

Dalle piste da sci a Roma Nord ai pupazzi di neve in attesa dell’autobus
Mai porre limiti alla capacità dei romani di ridere delle proprie debolezze (o punti di forza, a seconda delle prospettive). E così è stato, con una catena di fotomontaggi che dalle prime ore della mattina hanno intasato social network e catene WhatsApp. Ecco allora la cartina con gli impianti sciistici di Roma Nord, con un’attenzione per il dettaglio che ha del maniacale: i quartieri rappresentati come stazioni di montagna (in una città che al massimo ha sette colli): Trionfale, lo Stadio, Ponte Milvio, le curve a gomito della Panoramica che da Monte Mario raggiunge Prati. E poi i tre colori (blu, rosso e nero) per indicare la difficoltà della pista.

Oppure i tre malcapitati seduti sulla panchina in corrispondenza della fermata dell’autobus che, diventati per la lunga attesa tre pupazzi di neve, con una speranza che si è oramai ridotta al lumicino confidano nel passaggio del mezzo. Oppure il lavoratore dipendente che, per giustificare la sua assenza dal lavoro, manda al capo una foto nella quale misura con un metro i 20 centimetri di neve che gli impediscono di uscire di casa. O ancora la testa di un orso bianco che si intravede dal finestrino anteriore di una macchina, perché a giornate particolari si possono accompagnare incontri particolari...

Cani da slitta per le strade di Roma
Non può mancare la funivia di “Raggiana memoria”, che oggi alla fine sarebbe servita per far fronte alle carenze dei mezzi pubblici, i cassonetti stracolmi di rifiuti che oggi possono essere scambiati per pupazzi di neve, e ancora il tizio che con perfetto equipaggiamento da sci di fondo attraversa una Piazza San Pietro imbiancata, i cani da slitta (non ci sono le renne di Babbo Natale ma non è escluso che qualcuno prima o poi ci pensi) che imperversano su una strada che potrebbe tranquillamente essere il Raccordo anulare e poi, immancabile, il calcio, che a Roma non manca mai: «Ha attaccato pià la neve in tre ore che la Roma negli ultimi due mesi», si legge in un fotomontaggio. Si presume che l’abbia messa in rete un tifoso della Lazio. Ma non è escluso che sia stato un supporter della “Maggica”. A Roma, si sa, si ride delle proprie debolezze. Tutte le debolezze, anche quelle più sensibili.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti