La pandemia in italia

Dalle scuole alle seconde case, cosa si può fare e cosa no nelle aree «arancione scuro»

Nella provincia di Brescia e in 14 comuni dell’Emilia Romagna misure rafforzate rispetto alle regole nazionali: divieto di spostamento dal proprio territorio e didattica a distanza per tutti gli alunni

Coronavirus, i vaccinati al 24 febbraio 2021

3' di lettura

È il passo che precede il lockdown ed è la misura adottata da molti comuni della Lombardia e dell’Emilia Romagna dove si registra una situazione di progressiva criticità a causa dell'incremento dei contagi da Covid, soprattutto per il diffondersi delle varianti di coronavirus che fanno temere l’arrivo di una terza ondata: in questi casi si è deciso di ricorrere alla zona arancione “rafforzata” che prevede ulteriori restrizioni rispetto a quelle previste dalla .

Spostamenti

In Emilia-Romagna (in area arancione da domenica 21 febbraio), da giovedì 25 febbraio e fino all’11 marzo, ci sarà un rafforzamento delle misure in 14 comuni (tutti quelli che fanno capo all’Ausl di Imola e alcuni comuni confinanti nel ravennate per un totale di 160mila abitanti). Mentre nel resto della regione è consentito spostarsi all’interno del proprio comune tra le 5 e le 22, in questi centri i movimenti vengono vietati, sia nello stesso comune che verso comuni limitrofi. Resta l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (come acquisto di beni) o motivi di salute. Il rientro presso il proprio domicilio abitazione o residenza è sempre consentito. Esclusa la possibilità di visite a parenti e amici una volta al giorno, anche all'interno del proprio Comune.

Loading...

La zona arancione rafforzata è già in vigore da martedì 23 febbraio in tutta la provincia di Brescia (che nella primavera scorsa aveva fatto registrare quasi 2.500 morti per covid), in otto comuni in provincia di Bergamo e in uno in provincia di Cremona (Soncino). Nell’ordinanza firmata da Attilio Fontana, presidente della Lombardia (regione in area gialla), viene vietato ai cittadini di questi territori di «recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale». La fascia arancione in vigore altrove, invece, consente di raggiungere le seconde case, anche in un’altra Regione (purché si dimostri di esserne proprietari o locatari prima del 14 gennaio).

Scuola

Sul fronte scolastico si passa dalla didattica a distanza solo per le superiori e gli ultimi due anni delle medie alla quasi totale sospensione dei servizi educativi in presenza. Nei comuni emiliani lo svolgimento delle lezioni tradizionali è previsto solo per i servizi educativi 0-3 anni e per le scuole dell’infanzia, mentre per le attività didattiche per le scuole di ogni ordine e grado la cosiddetta “dad” sarà al 100 per cento. Nel caso dei comuni lombardi in “arancione scuro” non vengono fatte eccezioni: chiudono tutte le aule, comprese quelle di asili nido e scuole dell’infanzia. «Questo - ha sottolineato la vicesindaca di Brescia, Laura Castelletti - vuol dire aver messo le famiglie in grave difficoltà nella gestione dei figli».

Attività economiche

Il “rafforzamento” deciso nelle aree lombarde ed emiliane, invece, non ha previsto finora variazioni rispetto alle regole per le attività economiche nelle altre zone arancioni del Paese. Quindi sarà vietato consumare cibi e bevande all'interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.

Dalle 5 alle 22 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, come segue (fino alle 18 senza restrizioni; dalle 18 alle 22 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina o commercio al dettaglio di bevande). La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario.

Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti