linee guida condivise tra governo e regioni

Dalle spiagge ai ristoranti, le regole delle regioni per riaprire

In spiaggiail distanziamento sarà assicurato garantendo una superficie di almeno 10 metri quadrati per ogni ombrellone. Nei ristorantii tavoli dovranno essere disposti in modo da consentire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti

di Andrea Gagliardi

Jesolo prepara le spiagge: "Ma servono anche i turisti stranieri"

In spiaggiail distanziamento sarà assicurato garantendo una superficie di almeno 10 metri quadrati per ogni ombrellone. Nei ristorantii tavoli dovranno essere disposti in modo da consentire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti


5' di lettura

Nei ristoranti i tavoli devono essere «disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro di separazione tra i clienti»; ma tra familiari e congiunti la distanza potrà essere minore. Nelle spiagge il distanziamento sarà assicurato garantendo una superficie di almeno 10 metri quadrati per ogni ombrellone (in pratica circa 3-3,5 metri tra ombrelloni).

Il testo del documento condiviso dalle Regioni

Mentre tra lettini o sedie a sdraio deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 metri.I parrucchieri lavoreranno solo su prenotazione e dovranno assicurare un metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti. Per operatore e cliente c’è l'obbligo di indossare la mascherina. Per gli estetisti/e si aggiunge obbligo di visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola. Ingressi contigentati nei mercati. Nei negozi i clienti «devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti».Nelle palestre va assicurato almeno 1 metro di distanza tra le persone mentre non svolgono attività fisica, almeno 2 metri durante l'attività fisica. E nelle piscine «la densità di affollamento in vasca calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona». Sono alcune delle indicazioni contenute nel documento “Linee di indirizzo per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative” sul quale i governatori delle regioni hanno trovato un accordo dopo una complessa trattativa. Documento che ha avuto il via libera del governo. E che, in attesa del Dpcm del governo, dovrebbe consentire riaperture generalizzate da lunedì 18 maggio. Sempre che gli esercenti riescano a organizzarsi in tempo.

Intesa anche tra regioni e governo
«L'accordo tra Regioni e governo è stato raggiunto». Dal 18 maggio si potrà riaprire tutto. A dare l'annuncio, poco dopo le 21 di venedì 15 maggio, il governatore del Veneto, Luca Zaia. È stato accettato quindi dall’esecutivo il documento d'intesa approvato dalle Regioni dopo una iniziale spaccatura con il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, che aveva chiesto linee guida uguali per tutti, da Nord a Sud e i presidenti leghisti del Veneto Luca Zaia e del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, ma anche i governatori dem dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, e della Puglia Michele Emiliano, che spingevano per andare ognuno per conto suo. Alla fine i presidenti hanno trovato un accordo su linee guida comuni per tutti per i settori commerciali: ristoranti, stabilimenti balneari, alberghi, parrucchieri, estetisti, negozi al dettaglio, piscine, palestre, musei. Questo non significa che non ci potranno essere aggiustamenti nei singoli territori. Le singole Regioni potranno introdurre qualche restrizione in più, ma la cornice dei comportamenti da tenere sarà la stessa ovunque.

Il quadro normativo
Del resto in base al decreto legge approvato dal Cdm, tutte le attività economiche, produttive e sociali «devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome, nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali». Restano in panchina dunque i le prescrizioni Inail che tante critiche avevano sollevato da parte delle categorie produttive e che molti governatori - con particolare riferimento alla ristorazione e alla balneazione - avevano giudicato inapplicabili. Nel mirino soprattutto i 4 metri quadrati previsti per i clienti di bar e ristoranti e i 5 metri di distanza tra gli ombrelloni.

In spiaggia un metro e mezzo tra lettini e niente giochi di gruppo
Ma vediamo per singoli settori cosa prevedono le linee guida regionali. Vale un metro di distanza tra le persone sulle spiagge, anche quelle libere dove «al fine di assicurare il rispetto della distanza di sicurezza» e «gli interventi di pulizia e disinfezione si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza». Negli stabilimenti ogni ombrellone avrà a disposizione 10 metri quadrati. In pratica circa 3-3,5 metri tra ombrelloni (prima era 4,5-5 metri). Tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 m. Sdraio e lettini vanno disinfettati a ogni cambio persona. Stop ai giochi di gruppo, per evitare assembramenti e contagi, ok a racchettoni, surf, nuoto e windsurf, nel rispetto delle misure di distanziamento. Bisogna «privilegiare l'accesso agli stabilimenti tramite prenotazione». Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l'accesso in caso di temperatura maggiore di 37,5 °C. La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, bisogna favorire modalità di pagamento elettroniche.

Nei ristoranti distanza 1 metro tra clienti e stop ai buffet
Per quanto riguarda ristoranti, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie e gelaterie «i tavoli devono essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro di separazione tra i clienti». Tale distanza può essere ridotta «solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli adeguate a prevenire il contagio tramite droplet». La distanza potrà essere ridotta tra familiari
ma «detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale». In pratica non sono preisti controlli. Stop ai buffet. Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l'accesso in caso di temperatura maggiore di 37,5 °C. Negli esercizi che non dispongono di posti a sedere bisogna consentire l'ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, «in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti». La consumazione al banco è consentita «solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti». Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina. Per i menù bisogna «favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l'uso, oppure cartacei a perdere».

In hotel mascherina e percorsi differenziati
Anche nelle strutture ricettive alberghiere potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l'accesso in caso di temperatura maggiore di 37,5 °C. Va garantito il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro in tutte le aree comuni e va favorita la differenziazione dei percorsi all'interno delle strutture, con particolare attenzione alle zone di ingresso e uscita. Da privilegiare le modalità di pagamento elettroniche e la gestione delle prenotazioni online, «con sistemi automatizzati di check-in e check-out ove possibile». Ancora, nelle linee guida si prevede che «gli ospiti devono sempre indossare la mascherina, mentre il personale dipendente è tenuto all'utilizzo della mascherina sempre quando in presenza dei clienti e comunque in ogni circostanza in cui non sia possibile garantire la distanza interpersonale di almeno un metro». Ogni oggetto fornito in uso dalla struttura all'ospite «dovrà essere disinfettato prima e dopo di ogni utilizzo». Va garantita «la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti e locali, con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre, ecc.)». In particolare per l'aria condizionata servirà frequente manutenzione e sostituzione dei filtri.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...