ItinerDante

Dantedì: 700 km di tour per raccontare la nostra Commedia nelle piazze italiane

La prima tappa della manifestazione fisica e multimediale che toccherà 7 località in 7 regioni è prevista il 21 giugno a Bergamo, l’ultima il 21 settembre a Ravenna

di Gianni Rusconi

Dante sfida il Covid, da aprile maximostra per il settecentenario

2' di lettura

Il nome dell'iniziativa è accattivante: “ItinerDante”. Nasce come progetto multimediale (saranno prodotti videoclip, podcast e pure un format televisivo) con il patrocinio dell'Associazione Italianisti - Gruppo Dante e dell'Enac e vivrà, restrizioni e pandemia permettendo, anche una dimensione fisica. In occasione del 700esimo anniversario della morte del Divin Poeta è stato infatti pensato un tour di 700 km per raccontare la Divina Commedia nelle piazze e nelle strade italiane attraverso le performance della compagnia “Naufraghi Inversi”. Poesia, arte e presa di coscienza della nostra contemporaneità, anche nei risvolti drammatici di questi ultimi mesi, attraverso la rilettura dei canti danteschi sono i temi convergenti dell'iniziativa, come spiegano i due fondatori della compagnia, Eugenio Di Fraia e Riccardo Sozzi.

Si parte da Bergamo il 21 giugno

Il viaggio nell'inferno dantesco inizierà virtualmente nel Dantedì, nell'ambito del progetto online “Per quel cammino ascoso” (promosso dal Centro Scaligero di Studi Danteschi e dall'Hypermedia Dante Network con il supporto di vari enti accademici e culturali) e verrà presentato anche nel programma di Radio 24 “Un libro tira l'altro”, condotto da Salvatore Carrubba. La prima tappa dell'itinerario fisico che toccherà sette località di sette diverse regioni (città, piccoli comuni, siti turistici e luoghi di rilevanza per la vita di Dante) è in calendario invece il 21 giugno a Bergamo, con epilogo del viaggio previsto per il 21 settembre a Ravenna. Le performance di strada, come si legge sul sito dell'iniziativa, avranno una durata di circa 10 minuti e si terranno in momenti e luoghi inaspettati, con l'obiettivo di indurre il pubblico a una riflessione fuori dagli schemi sugli estratti più iconici dei canti infernali. Altri possibili palcoscenici saranno classici teatri, auditorium scolastici, palestre ma anche spazi conviviali come circoli ricreativi e locali pubblici.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti