Via libera definitivo

Ddl titoli abilitanti: dai dentisti ai biologi, ecco cosa cambia

Il provvedimento punta a rendere l’esame conclusivo del corso di studi universitario di alcune professioni regolamentate coincidente con l’esame di Stato

Illustrazione di Maria Limongelli / Il Sole 24 Ore

2' di lettura

Dopo la decisione presa in “emergenza” per i medici arriva il primo vero addio alle abilitazioni professionali post laurea, in particolare per i dentisti, i farmacisti, i veterinari, ma anche psicologi e geometri. Il 28 ottobre 2021 il Senato ha approvato in via definitiva il Ddl di iniziativa governativa in materia di titoli universitari abilitanti.

La finalità dell’intervento normativo è quella di semplificare le procedure per l'abilitazione all'esercizio di alcune professioni regolamentate, rendendo l'esame conclusivo del corso di studi universitario coincidente con l'esamedi Stato, così da ridurre i tempi di inserimento nel mercato del lavoro. Ciò è reso possibile dal momento che nei percorsi di studio interessati dall’intervento normativo viene contestualmente garantita anche una preparazione qualificata sotto il profilo tecnico-pratico e la verifica della stessa.

Loading...

Collegato alla legge di Bilancio 2021

Collegato alla legge di Bilancio 2021, l'aula di Palazzo Madama ha dato il via libera al testo già votato dalla Camera. Con il disco verde al Ddl, inoltre, si dà attuazione all’impegno contenuto nel Pnrr di approvazione della riforma entro l’anno. Dopo il via libera di giugno arrivato alla Camera, ecco ora la nuova legge salutata con soddisfazione dai vari schieramenti con l’auspicio che la platea di lauree abilitanti possa essere ulteriormente ampliata. Ecco le misure principali.

Odontoiatri, farmacisti, veterinari e psicologi

L’esame finale delle lauree in odontoiatria e protesi dentaria, farmacia e farmacia industriale, medicina veterinaria, psicologia, abiliterà all’esercizio delle professioni rispettivamente di odontoiatria, farmacista, medico veterinario e psicologo.

Professioni tecniche per l’edilizia e il territorio

L'esame finale per il conseguimento delle lauree professionalizzanti in professioni tecniche per l'edilizia e il territorio (classe LP01), in professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali (classe LP-02) e in professioni tecniche industriali e dell'informazione (classe LP-03) abilita all'esercizio delle professioni di geometra laureato, di agrotecnico laureato, di
perito agrario laureato e di perito industriale laureato.

Chimici, fisici e biologi

Le lauree magistrali in chimica fisica e biologia abilitano rispettivamente all’esercizio delle professioni di chimico, fisico e biologo.

Platea potenzialmente estesa

Nel testo si disciplina l’adeguamento dei relativi corsi di studio e si prevede che con regolamenti (e quindi non più con legge) si possano rendere abilitanti all’esercizio delle professioni regolamentate ulteriori lauree per le quali non è previsto lo svolgimento di un tirocinio post laurea (ad esclusione quindi di professioni come avvocato, notaio, commercialista, revisore legale per il quale è previsto tale tirocinio).


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti