In aula al Senato

Ddl Zan contro omofobia affossato al Senato con 154 voti contro 131. Sì alla tagliola, stop all’esame

Erano tre gli articoli contestati, su identità di genere, pluralismo delle idee e giornata contro l’omofobia da celebrare anche nelle scuole

di Nicoletta Cottone

Aggiornato il 27 ottobre alle ore 14

Ddl Zan, Letta: "Confronto in aula ma non con chi è omofobo in Ue"

10' di lettura

Salta l’esame di articoli ed emendamenti del ddl Zan e l’iter si blocca. L’aula del Senato ha votato a favore della cosiddetta “tagliola”, chiesta da Lega e FdI. A favore, 154 senatori, 131 i contrari e due astenuti. La votazione a scrutinio segreto, è stata accolta da un applauso. Il disegno di legge contro l’omotransfobia era stato approvato dalla Camera il 4 novembre 2020. La seduta dell’Assemblea è stata sospesa ed è stata convocata la Conferenza dei capigruppo.

Chi ha affossato il ddl

Immediate le accuse incrociate su chi ha affossato il ddl. Per Goffredo Bettini, membro della Direzione del Pd, il ddl è stato affossato «dalle giravolte di sovranisti e riformisti». C’è chi come il pentastellato Mario Perantoni, presidente della commissione Giustizia della Camera, attacca Italia viva, che «corresponsabile di questo esito rovinoso, addossa ad altri le responsabilità». Maria Elena Boschi di Italia viva punta l’obiettivo «sull’arroganza del Pd e del M5s che ha prodotto una sconfitta incredibile», assistita da Teresa Bellanova che accusa della disfatta 23 franchi tiratori fra Pd, M5S e Leu. C’è chi esulta come ill leghista Roberto Calderoli, vice presidente del Senato: «Evviva, vittoria! Grazie alla mia richiesta di non passaggio all’esame degli articoli e di voto segreto si è posto fine, definitivamente, al ddl Zan, affossato con ben 23 voti di scarto! Quando i professionisti scendono in campo è meglio che i dilettanti che restino in panchina». Fedez, il rapper che aveva difeso il 1° maggio il ddl Zan, su Twitter attacca Renzi: «Ma il Renzi che si proclamava paladino dei diritti civili è lo stesso che oggi pare sia volato in Arabia Saudita mentre si affossava il Ddl Zan? Per celebrare la libertà di parola organizziamo una partitella a scarabeo con Kim Jong-un? Gran tempismo. Comunque bravi tutti».

Loading...

La conta in aula

La conta in aula al Senato sul ddl Zan era arrivata nonostante le riunioni che si erano susseguite a palazzo Madama. Non era stata trovata la quadra sulle modifiche chieste da Lega e Fratelli d’Italia, caldeggiate anche da Italia viva. Tre gli articoli contestati: su identità di genere, pluralismo delle idee e giornata contro l’omofobia da celebrare anche nelle scuole. Inascoltato l’appello del segretario del Pd Enrico Letta alla Lega di dimostrare la buona fede ritirando la “tagliola” (i due voti sul non passaggio all’esame degli articoli chiesti da Lega e Fdi).

Casellati: «Ammissibile il voto segreto chiesto da Lega-FdI»

«Il presidente ritiene ammissibili queste due richieste di votazione segreta in base al regolamento e in base ai precedenti», aveva detto la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, nell’Aula di Palazzo Madama dove era in corso l’esame del ddl Zan. «La mia decisione, per quanto legittimo contestare, perché si tratta di interpretazione, ha delle solide fondamenta di carattere giuridico», aveva poi precisato la presidente del Senato sulla decisione di accogliere la richiesta di voto a scrutinio segreto sulla cosiddetta tagliola che prevede il non passaggio agli articoli al ddl Zan. Alessandro Zan ai microfoni di ’Radio anch’io’ su Radiouno Rai aveva auspicato che Casellati non ammettesse il voto segreto sui due voti sul non passaggio all’esame degli articoli chiesti da Lega e Fdi.

Salvini: «Sconfitta l’arroganza Pd-M5s, ripartire da proposta Lega»

«Sconfitta l’arroganza di Letta e dei 5Stelle: hanno detto di no a tutte le proposte di mediazione, comprese quelle formulate dal Santo Padre, dalle associazioni e da molte famiglie, e hanno affossato il Ddl Zan. Ora ripartiamo dalla proposta della Lega: combattere le discriminazioni lasciando fuori i bambini, la libertà di educazione, la teoria gender e i reati di opinione», ha commentato il leader della Lega Matteo Salvini.

Meloni: «Stop al pessimo ddl Zan, è vittoria Fdi»

«Cala il sipario sul ddl Zan, una pessima proposta di legge che Fratelli d’Italia ha contrastato con coerenza e nel merito fin dall’inizio. Non abbiamo mai cambiato idea e lo abbiamo dimostrato oggi in Senato: siamo stati l’unico gruppo interamente presente e unito nel voto», ha scritto su Fb Giorgia Meloni. «Patetiche le accuse di Letta, Conte e della sinistra: i primi - avverte Meloni - ad aver affossato la legge sono i suoi stessi firmatari, Zan in testa, che in questa proposta hanno scritto e difeso fino alla fine norme e principi surreali (dal self-id al gender nelle scuole) che nulla avevano a che fare con la lotta alle discriminazioni».

Conte: «Qualcuno non ci ha messo la faccia, questo la dice lunga»

«Purtroppo c’è anche qualcuno che non ci ha messo la faccia, questo evidentemente la dice lunga sulla sensibilità per i diritti civili», ha detto il leader M5S Giuseppe Conte, commentando con i giornalisti il voto del Senato sul ddl Zan.

Rossomando: «Fin dall’inizio obiettivo era affossare ddl Zan»

«Il Pd si è battuto compatto per mesi affinché il Senato potesse discutere e poi approvare il ddl Zan, liberando il testo dalle secche in cui veniva bloccato in commissione Giustizia. Con gli emendamenti già depositati per l’aula e all’apertura del dialogo, invece di iniziare la discussione nel merito del testo, si è concretizzata l’alleanza di chi fin dall’inizio ha avuto come unico obiettivo affossare la legge», ha detto la vicepresidente del Senato e responsabile Giustizia e diritti del Pd, Anna Rossomando.

Alfieri (Pd): «C’è chi si è nascosto dietro voto segreto»

«Grande rammarico per l’affossamento del Ddl Zan. Ci abbiamo creduto e ci siamo impegnati fino all’ultimo secondo. Era davvero l’occasione per fare un passo in avanti su temi che dovrebbero unire come rispetto, inclusione e libertà. Finisce con un voto segreto dietro il quale si sono nascosti coloro che a parole erano con noi e nei fatti hanno invece lavorato per fermare il ddl», ha scritto in un post su Facebook il senatore del Pd Alessandro Alfieri, portavoce di Base riformista.

De Petris (Leu): «La destra non voleva alcun dialogo»

«Il voto di oggi affossa una legge che mirava ad ampliare i diritti senza toglierne a nessuno. Una legge contro la discriminazione, l’intolleranza e l’odio che sin dall’inizio la destra ha voluto solo abbattere nascondendosi dietro una bugiarda disponibilità al dialogo che si è dimostrata oggi inesistente. Ma i numeri dicono chiaramente che questo risultato negativo è stato reso possibile solo dalle defezioni di alcuni che a parole hanno detto di voler discutere la legge in aula, come sarebbe stato non solo giusto ma anche doveroso fare, e nel voto hanno invece fatto la scelta opposta», ha dichiarato la capogruppo di Leu al Senato Loredana De Petris.

Carfagna: «Un braccio di ferro sui diritti non premia nessuno»

«Potevamo avere una buona legge contro la discriminazione di gay e trans, non l’abbiamo per la rigidità ideologica di due minoranze: chi voleva una legge-manifesto e chi non voleva nessuna legge. Il braccio di ferro sui diritti non premia nessuno», ha scritto su Twitter Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale.

Proteste in aula, il pentastellato Santangelo ammonito

Casellati ha dovuto richiamare più volte il senatore del M5S, Vincenzo Santangelo, reo di aver fatto alcuni gesti all’indirizzo della presidente. «Senatore Santangelo lei è un gran maleducato. Non si fanno gesti alla presidenza, lei è ammonito. È censurato, e tra un po’ la allontano dall’Aula», ha detto Casellati. «Non mi costringa a farlo, a impedirle di votare, la smetta con il suo comportamento irrispettoso. Non ammetto che si facciano gesti di questo tipo, lo può fare da altre parti, non qua dentro».

Lo scontro sul ddl

Sul testo lo scontro è andato avanti per mesi. Per il Pd andava approvato a ogni costo, per la Lega, Fratelli d’Italia e per Italia viva bisognava mettere mano almeno a tre articoli per portarlo avanti. Superata l’estate e le elezioni amministrative nelle grandi città era continuato il tira e molla sul Ddl Zan. Un testo al centro di rimpalli, resistenze, pressing e inviti a fare presto, che ha visto la maggioranza di governo spaccata fra chi parlava di mediazione e chi di decapitazione. Approvato il 4 novembre 2020 dalla Camera, il ddl Zan aveva avuto subito un atterraggio difficile al Senato, dove è rimasto in stallo per mesi ed è poi stato riesumato dai cassetti della commissione Giustizia di palazzo Madama e calendarizzato il 28 aprile 2021 - con 13 sì e 11 no - dopo cinque mesi di discussioni, rinvii e frenate. Che sono continuati anche nei mesi successivi.

Ostellari: «Uscire dal dualismo buoni-cattivi»

«Dobbiamo uscire dal dualismo buoni-cattivi. Io da presidente della commissione ho assistito al verificarsi di una maggioranza ampia che era assolutamente disponibile a trovare una sintesi sull’articolo 1, 4 e 7. Quella maggioranza non è riuscita a trovare l’accordo a causa di chi vuole polarizzare, anziché tutelare le libertà di tutti e cercare le soluzioni per migliorare un testo che qualcuno invece non vuole assolutamente toccare», ha detto il presidente della Commissione Giustizia del Senato, Andrea Ostellari (Lega), parlando in aula nel corso del dibattito sul ddl Zan.

Vito a Berlusconi: «Mi dimetto dal ruolo in Forza Italia»

«La mia lettera di dimissioni al Presidente Berlusconi da responsabile del dipartimento Difesa e sicurezza di Forza Italia, dopo che è stato annunciato al Senato il nostro voto favorevole al non passaggio agli articoli del #DDLZan», ha scritto sui social il deputato di FI, Elio Vito, allegando anche la foto del testo inviato al Cavaliere. «La cronaca di questi mesi -aveva detto Vito - è purtroppo piena di episodi di violenza ai danni di persone Lgbt, picchiate perché camminavano mano nella mano, si baciavano, portavano una borsa arcobaleno. Per questo, se FI dovesse votare il non passaggio agli articoli del Ddl Zan, una legge che contrasta proprio odio, discriminazioni e violenze, a malincuore, ma per coerenza, non potrei più mantenere l’incarico affidatomi da Berlusconi».

Testo da modificare per il Vaticano

In campo era sceso anche il Vaticano che a giugno aveva chiesto formalmente al governo di modificare il Ddl Zan che, secondo la Segreteria di Stato, violava «l'accordo di revisione del Concordato». La quadra su un nuovo testo però non era stata trovata e il ddl, sotterrato da una pioggia di emendamenti, era finito direttamente in aula. Dove il 27 ottobre è stato affossato dal voto a scrutinio segreto sui due voti chiesti da Lega e Fdi per non passare alla discussione sugli articoli.

L’apertura di Letta

Alla trasmissione “Che tempo che fa” era arrivata l’apertura del leader del Pd Enrico Letta. Sulla legge Zan, aveva detto, «abbiamo un dovere nei confronti della nostra società, dobbiamo portarla avanti e approvarla». Letta aveva chiesto ad Alessandro Zan «di fare un’esplorazione con le altre forze politiche per capire le condizioni che possano portare a un’approvazione del testo rapida». E aveva aperto a modifiche «purché non siano cose sostanziali, ma mi fido di Zan. Sulla base di quello che dirà, sono sicuro si potrà approvare il testo in tempi rapidi»

Fallito l’ultimo tentativo di mediazione

Fallito il tentativo di accordo in extremis tra i partiti di maggioranza. «É complicata, ma sono fiducioso», aveva detto Zan, ricordando che «la legislatura non dura all’infinito» e che c’è la necessità di chiudere perché nei prossimi mesi il Parlamento sarà occupato con la Legge di bilancio e con l’elezione del Capo dello Stato. I voti sul non passaggio all’esame degli articoli chiesti da Lega e FdI per Zan sono «una tagliola. Se dovesse passare la legge morirebbe visto si impedisce di continuare l’iter. Noi ci batteremo perché non accada». Parallelamente al mandato esplorativo affidato a Zan, si è riunito senza esito il tavolo politico in cui i capigruppo di maggioranza disertato dal M5S e Leu che chiedevano al presidente della commissione Andrea Ostellari di ritirare di ritirare la tagliola.

Mirabelli: «No a stravolgimenti»

Per Franco Mirabelli, vice presidente dei senatori del Pd «modifiche non sostanziali sì, stravolgimenti no. Questa è al posizione del Pd che vuole approvare una legge di civiltà. Per questo mercoledì (il 27 ottobre, ndr) è importante concludere la discussione generale e votare contro la richiesta della destra di non passare alla discussione sugli articoli. L'iter deve proseguire per arrivare in fretta all'approvazione di una legge che c'è in tutti gli altri paesi europei. Chi voterà a favore del non passaggio agli articoli vuole affossare la legge, chi la ritiene importante e vuole approvarla, magari con modifiche, voterà contro la richiesta della destra».

Renzi: «Senza un compromesso non si sarebbero fatte neppure le unioni civili»

In aula i 18 i voti di Italia viva sono stati ago della bilancia. «Ci sono punti del ddl Zan - aveva detto Matteo Renzi - in cui non c’è consenso, non solo da parte dei cattolici, ma anche di parte della Cgil e delle femministe. Se si modifica il testo in 15 minuti si porta a casa il risultato, ci si mette d’accordo sui tempi alla Camera». Per chiudere, aveva detto ancora Renzi, «bisogna accettare un principio di civiltà: sui diritti non si fa campagna elettorale. Si devono trovare gli accordi per fare le leggi, non i proclami per sventolare le bandierine». Ricordando che «senza un compromesso non si sarebbero fatte neppure le unioni civili».

Salvini: ddl Zan non ha alcuna speranza di passare

«Ius soli e ddl Zan non hanno alcuna speranza di passare in Parlamento ed Enrico Letta lo sa benissimo», è stata la risposta a distanza del segretario della Lega Matteo Salvini. «Le priorita’ per gli italiani - ha aggiunto il leader del Carroccio - sono salute, lavoro e pensioni. Ius soli e ddl Zan sono tra le ultime preoccupazioni dei cittadini italiani e stranieri regolarmente presenti nel nostro Paese».

Ostellari: «Correggere gli articoli 1-4-7 e la Lega c’è»

«Al Senato la discussione in Aula sul Ddl Zan terminerà mercoledì, poi si apre tutta la vicenda sugli eventuali emendamenti. Prima di arrivare a quello però riprendiamo il lavoro già intrapreso, che era stato apprezzato e che era stato interrotto proprio perché qualcuno voleva forzare. Andiamo avanti quindi senza forzature. La Lega c’è con quelle modifiche secondo noi necessarie per migliorare questa legge», ha detto il presidente leghista della Commissione Giustizia del Senato e relatore Andrea Ostellari. I nodi principali riguardano gli articoli 1-4-7 del testo. «Bisogna metterci mano, sono nodi giuridici che erano stati segnalati anche dalle altre forze». Per Ostellari la rapida approvazione del testo dipende da quello che emerge dal tavolo con la capigruppo. Altrimenti, come già aveva annunciato a luglio, salterà tutto.

I punti contestati del ddl Zan

Sono tre gli articoli contestati: 1, 4 e 7. Nell’articolo 1 viene definita l’identità di genere come «l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso biologico», «indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione». Si punta a stralciare queste definizioni e riportare il ddl Zan alla definizione contenuta nel testo Scalfarotto, o aggiungendo le parole «o fondati sull’omofobia o sulla transfobia», oltre al tema della disabilità. Altro articolo contestato è il numero 4 sul pluralismo delle idee: «Ai fini della presente legge, sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte, purché non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti». Si vede qui un rischio per la libertà di espressione, tutelata dalla Costituzione, che non può essere degradata a legge ordinaria. L’articolo 7, che istituisce la giornata nazionale contro l’omofobia da celebrare anche nelle scuole. Una giornata criticata dal Vaticano e avversata da Renzi, che vuole aggiungere la frase «nel rispetto della piena autonomia scolastica».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti