ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGruppo Bmw

Debutta il prototipo elettrico Aceman Mini prepara la nuova era di sostenibilità

La marca britannica svela una concept car che anticipa da vicino un modello di serie e la direzione stilistica del brand. Zero emissioni, dimensioni da citycar e innovative soluzioni tecnologiche per reinventare in chiave digitale un design senza tempo

di Giulia Paganoni

Union Jack.Mini Aceman nella sua prima apparizione in veste di concept esprime un linguaggio stilistico aderente al Dna del marchio e ripropone in

3' di lettura

Crossover ed elettrica. È un mix tra Mini Cooper tre porte e il suv Countryman. Il concept Mini Aceman mostra un nuovo linguaggio stilistico e un aggiornamento a livello tecnologico portando con sé una presenza (quasi) barocca e ripetitiva della Union Jack flag, la bandiera inglese che vuole ricordare le radici di un marchio da anni in mano ai tedeschi di Bmw.

Aceman è al momento un concept, ma è vicino alla produzione di serie: è destinato ad affiancare la Cooper SE ed èanticipazione dei modelli in arrivo a livello di design, di trazione (completamente elettrica) e di esperienza di bordo con materiali sostenibili. Ma senza dimenticare il Dna del marchio, famoso e rinomato per il go-kart feeling di guida.

Loading...

Il concept crossover ha dimensioni compatte: lungo 4.05 m, largo 1.99 m e alto 1.59 m con una capacità del bagagliaio piuttosto ampio per un’auto di questo segmento. E, la base elettrica è spunto fondamentale per i designer del brand che permette un uso più creativo dello spazio e dello stile di interni ed esterni. E il risultato è una show-car dalla forte personalità e con un largo uso dei dettami stilistici Mini, come l’ampio uso della bandiera inglese che diventa addirittura quasi ridondante (ma ci saranno altri allestimenti). L’auto è cinque porte ed è in grado di accogliere a bordo fino a cinque passeggeri.

Esteticamente è riconoscibile come 100% elettrica non solo dallo sportellino di ricarica ma anche dalla griglia anteriore chiusa (ancora una volta con la bandiera inglese), caratteristica tipica dei modelli alla spina, tra cui anche la sorella Mini Cooper SE. I fari anteriori percorrono la tipica rotondità aggiungendo qualche spigolo. Nel posteriore vengono mantenuti i fari con la Union Jack che diventano ancora più tondeggianti.

Guardano l’auto dai quattro lati, soprattutto dal posteriore, si nota che la carrozzeria è come se fosse divisa in due livelli: quello superiore molto luminoso composto da vetri e tetto e quello inferiore con la parte di carrozzeria che si allarga rispetto alla superiore, donando un effetto di presenza imponente e sportiva. Questa è enfatizzata anche dai cerchi in lega da 20 pollici con disegno “normale” e non super aerodinamico come molti altri modelli sul mercato. Sul laterale si notano le maniglie a filo della carrozzeria e, come da tradizione Mini, sul tetto viene riportata la bandiera inglese.

Creativo anche l’uso del colore: nella versione presentata, la carrozzeria è grigio/azzurro con elementi del tetto e led che circondano la calandra anteriore di colore verde.

Passando agli interni, lo stile Mini è evidente e sono caratterizzati da un design essenziale, proprio come aveva in mente il progettista della Mini classica nel 1959: Alec Issigonis progettò un interno che, oltre ai sedili, al volante e alla leva del cambio, non aveva bisogno di altro che di un strumento centrale rotondo e barra dell’interruttore a levetta per provare un piacere di guida senza rivali. Come la prima Mini, anche Aceman è dotata al centro della plancia del display tondo (all’epoca era un tachimetro analogico) e molto sottile che mostra diverse informazioni sullo stato della vettura e da cui si accede all’infotainament.

Particolare sono gli specchietti retrovisori esterni che, solitamente nei modelli elettrici sono molto sottili per diminuire l’attrito aerodinamico e, di conseguenza, l’uso dell’energia della batteria. In questo caso, invece, sono piuttosto vistosi e ovali.

A livello tecnico, non si hanno informazioni precise, ma da alcune indiscrezioni l’autonomia è superiore ai 230 km dichiarati dalla Cooper SE.

La prima apparizione pubblica del concept Aceman sarà nel mese di agosto durante il Camescom 2022 computer and video games fair a Colonia (Germania), una location che la dice lunga sul posionamento giovanile della vettura. Mentre l’arrivo sul mercato è, lo ricordiamo, previsto per il 2024.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti