AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùPiazza Affari

Debutto col botto per The Italian Sea Group, titolo balza in testa al listino

La domanda in sede di collocamento è stata pari a tre volte l'offerta: il 30% da investitori istituzionali italiani e il 70% europei

di Cheo Condina

(Arcansél - stock.adobe.com)

2' di lettura

Debutto col botto per The Italian Sea Group, operatore globale della nautica di lusso, che il primo giorno di negoziazioni a Piazza Affari balza in testa al listino con un massimo a 5,45 euro dopo che le azioni erano state collocate, solo ad investitori istituzionali, a 4,9 euro. La capitalizzazione è così già lievitata da 260 milioni a oltre 280 milioni. Il riscontro del mercato è stato rilevante a dimostrazione che progressivamente sta tornando appetibile l’opzione della quotazione a Piazza Affari.

La domanda è stata pari a 3 volte l’offerta, se si comprendono gli anchor investor, mentre escludendo questi ultimi è stata pari a 4 volte circa. Ampia la dislocazione geografica: come riporta Il Sole 24 Ore, il 30% della domanda circa proviene da investitori italiani, mentre il restante 70% da altri istituzionali europei: in particolar modo dal Regno Unito (27 per cento) e poi dalla Spagna, Svizzera, Francia, Germania e infine Belgio. Per quanto riguarda invece la natura degli investitori, si tratta al 70 per cento di istituzionali di tipo «long only», con una parte di hedge fund (attorno al 20 per cento). La quota restante del 10 per cento proviene dal private wealth management. Il collocamento dell’offerta è stato curato da Intermonte e Beremberg come global coordinator.

Loading...

Azionista di controllo resta l’imprenditore Giovanni Costantino, presidente e fondatore di The Italian Sea Group. Il flottante sarà pari a circa il 22,5% del capitale e sono in evidenza i due anchor investor: cioè Alychlo Nv, società di investimento dell’imprenditore Marc Coucke, e la maison Giorgio Armani, che hanno investito, singolarmente, rispettivamente circa 26 milioni (pari a circa il 10% del capitale sociale di The Italian Sea Group), e circa 13 milioni (pari a circa il 4,99%). Ulteriori azioni pari a circa l’1,5% del capitale sono state allocate direttamente e indirettamente all’imprenditore Marc Coucke. L’offerta è stata complessivamente di 97 milioni.

I proventi lordi derivanti dall’emissione di nuove azioni sono pari a circa 47 milioni di euro. La società prevede di utilizzare i proventi netti principalmente per l’attuazione dei propri obiettivi strategici e, in particolare,per l’acquisizione di nuovi spazi produttivi anche attraverso acquisto di cantieri navali europei (ad esempio in Italia, Turchia e Grecia) e stabilimenti industriali per aumentare la capacità produttiva della divisione «shipbuilding», concentrandosi sulla realizzazione di yacht fino a 100 metri di lunghezza.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti