fintech

Debutto sul mercato tedesco per la torinese Vivibanca in partnership con Raisin

di Filomena Greco


default onloading pic

2' di lettura

La torinese ViViBanca debuta sul mercato tedesco grazie alla partnership con Raisin GmbH, tra le principali piattaforme finanziarie europee per i prodotti di risparmio e di investimento. ViVibanca, specializzata nel credito alle famiglie e nella raccolta retail, metterà a disposizione dei risparmiatori tedeschi il proprio conto deposito ad alto rendimento con vincoli di deposito sino a 60 mesi. Per Germano Turinetto, amministratore delegato dell’istituto di credito, «si tratta di una importante opportunità che ci consente di raggiungere una nuova base di risparmiatori in Germania, con l’obiettivo di diversificare le fonti della raccolta».

Dal punto di vista finanziario la banca, con sede principale a Torino, 90 dipendenti, più di 80 agenzie e una rete indiretta di oltre 2.500 sportelli convenzionati grazie ad accordi di partnership con istituti bancari italiani, punta a un obiettivo di crescita chiaro, toccare i 230 milioni di euro di raccolta diretta entro l’anno, con una quota pari ai due terzi generati attraverso il canale on-line.

Ma la collaborazione con Raisin ha un secondo obiettivo strategico per ViVibanca, quello di migliorare la dimensione digitale della banca «grazie alla fruizione di una piattaforma FinTech – chiarisce l’amministratore delegato – in forte crescita e che vanta già collaborazioni con banche italiane per favorire gli investimenti».

L’istituto di credito nato daella fusione tra TerFinance (Torino) e il Credito Salernitano e storicamente specializzato nel credito alle famiglie attraverso l’erogazione di prestiti contro cessione del quinto, prova a cambiare pelle, a spingere sul canale online e rafforzare la presenza nel settore dei prodotti di risparmio. L’anno scorso ViViBanca ha ottenuto una crescita delle erogazioni del 25,7%, «in netto aumento rispetto a quella del mercato pari al 4,6% – fa sapere la società in una nota – principalmente per effetto del consolidamento della rete agenziale e degli accordi di distribuzione con il Gruppo Iccrea, con Banca Valsabbina, con la Banca Popolare Agricola di Ragusa e con altre banche commerciali che, con le loro reti di sportelli sul territorio nazionale, hanno permesso a ViViBanca di ampliare la propria capacità di distribuzione».

La raccolta totale l’anno scorso (raccolta diretta retail e raccolta istituzionale e interbancaria) ha registrato un incremento del 59,1%, da 176,6 a 280,8 milioni, con il canale online che ha permesso di raccogliere depositi per 75 milioni. Il bilancio sociale ha chiuso con un utile ante imposte pari a 4 milioni e un risultato netto pari a 2,5 milioni. Margine di intermediazione pari a 21,6 milioni, in crescita dell’11,3% mentre il risultato netto della gestione finanziaria al 31 dicembre scorso è stato di 21,4 milioni di Euro, in aumento del 49,7%.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti