Via libera del Cdm al nuovo decreto Covid

Italia ancora rossa o arancione fino al 30 aprile, possibili deroghe in base a contagi e vaccini

Dopo Pasqua si torna in classe fino alla prima media nelle zone rosse. I governatori non potranno emanare ordinanze restrittive. Tra le novità contenute nel decreto legge approvato dal Cdm, il via libera dal 3 maggio 2021 allo svolgimento in presenza dei concorsi pubblici

di An. Ga.

Decreto Covid, Italia rossa o arancione fino al 30 aprile: le novità dai concorsi alla scuola

4' di lettura

L’Italia resta arancione o rossa fino al 30 aprile, con le zone gialle ancora sospese. Nel decreto legge approvato in serata dal Consiglio dei ministri vengono sostanzialmente confermate tutte le attuali restrizioni anche per dopo Pasqua e fino a fine mese. Ma viene confermata la possibilità «di deliberare in Consiglio dei ministri un allentamento delle misure, qualora lo consentano l'andamento dell'epidemia e l'attuazione del piano vaccini».

L'automatismo a cui tanto teneva il centrodestra non c'è, ma il presidente Mario Draghi ha alla fine accettato di inserire, al comma 2 dell'articolo 1, questa sorta di clausola di salvaguardia. Se un territorio avrà dati da zona gialla il governo potrà decidere di valutare un allentamento delle misure, a partire dalle riaperture a pranzo dei ristoranti, già subito dopo Pasqua.

Loading...

Stop deroghe Regioni su scuole in presenza

Come anticipato dallo stesso premier, dopo Pasqua si torna in classe fino alla prima media nelle zone rosse. E i governatori non potranno emanare ordinanze più restrittive per sospendere l'attività in presenza. Lo prevede la bozza del decreto atteso nel pomeriggio in Cdm. «Dal 7 aprile al 30 aprile è assicurato in presenza sull'intero territorio nazionale lo svolgimento dei servizi educativi» fino alla prima media, si legge nella bozza. Una disposizione che «non può essere derogata da provvedimenti dei Presidenti delle Regioni e, delle Province autonome». Nella zona rossa le attività didattiche del secondo e terzo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado nonché le attività didattiche della scuola secondaria di secondo grado si svolgono esclusivamente in modalità a distanza. In zona arancione (e gialla se sarà ripristinata) la presenza è fino alla terza media e con un minimo del 50% alle superiori.

Possibili lockdown locali

Se sul fronte scuole, è preclusa ai governatori la possibilità di adottare ordinanze restrittive in zona rossa, i presidenti di regione possono far scattare lockdown territoriali: «nelle province in cui l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi è superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti» oppure «nelle aree in cui la circolazione di varianti di SARS-CoV-2 determina alto rischio di diffusività o induce malattia grave».

Criteri confermati per zone rosse

Confermati i criteri per la zona rossa, che scatta automaticamente non solo nelle regioni con Rt sopra 1,25 ma anche in quelle «dove l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi è superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti, sulla base dei dati validati dell'ultimo monitoraggio disponibile».

Restano le zone bianche

Il nuovo decreto, in vigore dal 7 al 30 aprile, proroga tutte le misure anti-Covid dell'ultimo Dpcm, «salvo quanto diversamente disposto». In mancanza di indicazioni sulle zone bianche, queste ultime restano pertanto in vigore. Sono quelle aree dove il virus circola meno. Qui possono riaprire musei, cinema, teatri e palestre. Nonché i ristoranti sia a pranzo che a cena. Le uniche restrizioni obbligatorie, in via generale, sono il distanziamento e l'uso della mascherina. Ma i parametri per entrare in fascia bianca - 3 settimane consecutive di incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti, Rt sotto 1 e un rischio complessivo basso - sono così stringenti che nessuna regione attualmente può accedervi. La Sardegna è l’unica ad essere riuscita ad entrarci per alcune settimane.

Visite a parenti e amici solo in zona arancione

Fino al 30 aprile nelle zone rosse non sarà consentito andare a trovare parenti o amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) come invece sarà permesso nel weekend di Pasqua e a Pasquetta quando tutta Italia sarà in rosso. Le visite, sempre una sola volta al giorno e sempre in non più di due persone, saranno invece consentite in zona arancione, all'interno del comune di residenza.

Sanitari no vax demansionati o con stipendio sospeso

Infine arriva anche la stretta per medici e infermieri no-vax. Nel decreto è previsto infatti l’obbligo di vaccinarsi contro Covid-19, con possibilità, in caso di rifiuto, di essere sospesi o demansionati, fino ad arrivare alla sospensione dello stipendio se necessario. «Al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell'erogazione delle prestazioni di cura e assistenza gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, farmacie, parafarmacie e studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell'infezione da Sars-CoV-2. La vaccinazione costituisce requisito essenziale all'esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati», viene messo in chiaro nel testo. La mancata vaccinazione «determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio»

Scudo penale per vaccinatori che seguono regole

Dall'altro lato per i sanitari vaccinatori arriva anche uno scudo penale - esclusi casi di colpa grave - per tutelarli da eventuali cause legate a gravi reazioni dei vaccini. Per omicidio colposo e lesioni personali colpose «verificatisi a causa della somministrazione di un vaccino per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV -2, effettuata nel corso della campagna vaccinale straordinaria in attuazione del Piano» nazionale, «la punibilità è esclusa quando l'uso del vaccino è conforme alle indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione all'immissione in commercio emesso dalle competenti autorità e alle circolari pubblicate sul sito istituzionale del Ministero della salute relative alle attività di vaccinazione».

Concorsi pubblici in presenza dal 3 maggio

Via libera a «modalità semplificate di svolgimento delle prove» per i concorsi pubblici. Lo prevede la bozza del Dl Covid all'esame del Cdm di oggi. Nel dettaglio, si legge nel testo, tra l'altro si prevede «nei concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale, l'espletamento di una sola prova scritta e di una prova orale». Poi «l'utilizzo di strumenti informatici e digitali e, in particolare, lo svolgimento in videoconferenza della prova orale» e «una fase di valutazione dei titoli e dell'esperienza professionale ai fini dell'ammissione alle successive fasi concorsuali». Non solo. «Dal 3 maggio 2021 è consentito lo svolgimento delle procedure selettive in presenza dei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni»

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e delle azioni di contrasto è mostrato in due mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia di nuovi casi, morti, ricoverati e molte infografiche per una profondità di analisi.
La mappa dei vaccini in tempo reale mostra l’andamento della campagna di somministrazione regione per regione in Italia e anche nel resto del mondo.
Guarda le mappe in tempo reale: Coronavirus - Vaccini

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi, di saperne di più dall’andamento alle cause per proseguire con i vaccini. Su questi temi potete leggere le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Ecco tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui potete iscrivervi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti