in settimana alla Camera

Decreto dignità, in Parlamento battaglia su voucher e somministrazione

di Claudio Tucci


Ecco le trappole per le imprese contenute nel decreto dignità

1' di lettura

Causali nel mirino. Un ragionamento, più o meno esteso, sull'aggravio contributivo a carico delle aziende che rinnovano i contratti a termine. E il ritorno dei voucher, seppur in due soli settori: agricoltura e turismo. Il decreto estivo è in attesa della firma del Capo dello Stato e della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, che, da quanto si apprende, arriverà tra domani e mercoledì.

Sul testo, oltre al lavorio di drufting (molte norme sono scritte obiettivamente in modo poco chiaro) si è alzato anche uno scontro politico.

Con Forza Italia che punta proprio a riscriverlo, intercettando i malumori del fronte imprenditoriale, che rappresenta, pure, una fetta consistente dell'elettorato della Lega, che fa parte del governo. È noto infatti che la nuova disciplina sui contratti a termine, disegnata nel provvedimento su pressing del vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, non convince del tutto il Carroccio. Nei giorni scorsi lo stesso Matteo Salvini aveva aperto a possibili modifiche in Parlamento.

Il provvedimento dovrebbe partire dalla Camera. E qui ci sarà battaglia. Il giro di vite sulla somministrazione a termine, con la prevista estensione della disciplina più stringente sui rapporti a tempo determinato al contratto che lega agenzia del lavoro e lavoratore, fa discutere. La norma, da quanto si apprende, resterà così come è scritta nel provvedimento.

Ritorno al passato: la protesta delle imprese contro il decreto dignità


Ma Lega e M5S ascolteranno parlamentari e parti sociali per apportare possibili miglioramenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...