ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmancano ancora 12 provvedimenti

Ponte Morandi, decreto Genova attuato a metà

Manca all’appello l’attuazione della nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture, nonché le attività di monitoraggio e prevenzione

di Andrea Marini


Ponte di Genova un anno dopo. Dal crollo del 14 agosto alla ricostruzione

2' di lettura

Decreto legge su Genova attuato solo a metà. Dei 26 provvedimenti attuativi previsti, a quasi dieci mesi dall’entrata in vigore del Dl (e a quasi otto dall’entrata in vigore della legge di conversione) ne mancano all’appello ancora 12, di cui 6 sono gia scaduti. Se molte misure importanti hanno avuto il disco verde praticamente da subito (a partire da quelle per la ricostruzione del ponte Morandi, i rimborsi, nonché le misure per il terremoto di Ischia e per quello del 2016) manca all’appello, per esempio, tutta l’attuazione della nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture, nonché le attività di monitoraggio e prevenzione.

PER SAPERNE DI PIÙ / Dossier Ponte Morandi un anno dopo

L’agenzia per la sicurezza
Con la crisi di governo, sulle norme del decreto Genova ancora da varare cade una grossa incognita. Manca l’attuazione che riguarda la nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali: dalla nomina del direttore, fino all’adozione dello statuto, nonché la data di inizio della attività della nuova organizzazione.

Monitoraggi delle criticità
In tema di sicurezza delle opere pubbliche, devono essere ancora varati due decreti ministeriali: il primo con le modalità con cui le amministrazioni che detengono dati di un’opera pubblica rendono disponibili i servizi informatici; il secondo con le modalità per i gestori delle infrastrutture stradali e autostradali con cui fornire i dati al ministero per il monitoraggio per la sicurezza delle infrastrutture in condizioni di criticità.

LEGGI ANCHE / Un anno dopo Genova autostrade con più controlli e nuove tariffe

Le nuove assunzioni al ministero
Non è stato ancora pubblicato il decreto del ministero delle Infrastrutture per rimodulare la dotazione organica in vista dell’assunzione a tempo indeterminato, nel corso dell'anno 2019, di 110 unità di personale, a seguito delle nuove attività di controllo della rete infrastrutturale.

Sicurezza nelle gallerie
Già scaduto dal 19 gennaio il decreto con i requisiti minimi di sicurezza delle gallerie sulle strade non appartenenti alla rete stradale transeuropea, con relativi obblighi dei soggetti gestori e sanzioni in caso di inosservanza. Scaduto sempre dal 19 gennaio il decreto che deve dare le disposizioni sul finanziamento di progetti per la sicurezza delle infrastrutture stradali nell'area di Genova.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...