l’audizione in commissione

Decreto Rilancio, Gualtieri: taglio Irap da 4 miliardi per 2 milioni di imprese. Alcune banche lente sui prestiti

Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, sulle ulteriori misure economiche adottate dal Governo per l'emergenza COVID-19 tra cui il Dl rilancio

Biciclette, vacanze, famiglia, casa, lavoro: i bonus del decreto Rilancio

Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, sulle ulteriori misure economiche adottate dal Governo per l'emergenza COVID-19 tra cui il Dl rilancio


2' di lettura

«Apprezzo i miglioramenti apportati dal Parlamento al decreto liquidità, le erogazioni stanno aumentando, segno che la misura sta entrando a regime» tuttavia «permangono differenze di applicazione delle stesse misure da parte di alcuni istituti bancari che testimoniano come non siano le norme in sé a precludere una tempestiva ed efficiente erogazione dei prestiti garantiti alle imprese». Così il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in audizione sul decreto Rilancio a proposito dei prestiti alle imprese garantiti dallo Stato, ricordando che avrà modo di parlarne anche in commissione Banche.

Gualtieri: piani turismo e automotive con fondi Ue
Secondo Gualtieri il nuovo decreto anti-Covid contiene «l'impostazione per il rilancio dell'economia che il governo svilupperà con un grande piano ripresa fatto di riforme e investimenti» con «piani specifici» per alcuni settori, «come il turismo e l'automotive« che «auspichiamo potrà anche contare su risorse di un Fondo europeo per la ripresa». Ma ci sono alcuni primi elementi importanti «che vanno oltre i mesi dell'emergenza, come l’eliminazione delle clausole di salvaguardia».

Taglio Irap da 4 mld per 2 mln imprese
Il ministro ha ricordato che per le imprese «l'intervento più rilevante è la cancellazione del saldo 2019 e della prima rata Irap 2020, una misura importante di sostegno, risultato di un dialogo con il mondo produttivo che ha avanzato una richiesta che abbiamo ritenuto giusto sia pure in parte accogliere: riguarderà tutte le imprese fino a 250 milioni e rappresenta un taglio alle tasse da 4 miliardi per cira 2 milioni di imprese».

Pagati 600 euro aprile, decreto attuativo professionisti
Gualtieri ha detto inoltre che il 25 maggio «si è concluso il pagamento della seconda tranche del pagamento dei 600 euro». Chi è rimasto in coda, per errori o altro, «riceverà nei prossimi giorni le rate richieste». Poi il bonus sarà aumentato «a mille euro e include anche i professionisti». Anzi, con la soppressione del requisito dell'iscrizione alla cassa «la platea si allarga a diverse migliaia di persone prima escluse». Il ministero del Lavoro, insieme al Mef, «sta predisponendo il decreto attuativo per erogare alle casse i 600 euro nei prossimi giorni e la rata successiva dei mille euro».

Resta impegno a riforma fisco per calo tasse
Il governo mantiene l'impegno «a realizzare una riforma fiscale ispirata ai principi di semplicità, progressività, riduzione del carico fiscale sul lavoro e l'impresa, digitalizzazione e contrasto all'evasione fiscale»

Cig più veloce, Regioni semplifichino ancora
Sul fronte dela cassa integrazione in deroga «siamo intervenuti per snellire le procedure» ha detto il ministro che ha «invitato le regioni a semplificare il meccanismo» dell'anticipo da parte degli istituti di credito, «rendendo disponibili alle banche gli elenchi della cassa autorizzata».

Già venerdì 1 mld sarà trasferito ai Comuni
«Avvieremo da subito un tavolo di monitoraggio delle entrate degli enti locali: siamo pronti se necessario a integrare ulteriormente le risorse stanziate» ha concluso il ministro, che ha annunciato: «Il lavoro è stato ultimato, e già venerdì il primo miliardo di euro sarà trasferito a i nostri enti locali, con criteri che aiuteranno i Comuni a determinare l'intero ammontare di risorse».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti