ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVerso il Cdm del Primo maggio

Def, ok del Parlamento alla risoluzione sullo scostamento di bilancio. Bagarre in aula alla Camera

Domenica è atteso l’incontro a Palazzo Chigi tra il governo e i sindacati, in occasione del quale l’esecutivo illustrerà le soluzioni previste dal nuovo provvedimento

Meloni: "Governo giù per eccesso sicurezza. Brutta figura, ma no segnale politico"

3' di lettura

Con un giorno di ritardo il Parlamento ha dato il via libera al Def e allo scostamento di bilancio, ed è salvo il Consiglio dei ministri del primo maggio sul decreto lavoro. Ora, però, vanno misurate le scorie nella maggioranza dopo lo scivolone alla Camera per le troppe assenze. Sono «scorie importanti», ammettono fonti del centrodestra.

«Non c’è una crisi politica»

I primi segnali indicano tensioni al livello di guardia: scambi di accuse e sospetti, soprattutto in Forza Italia. «Non c’è una crisi politica», il messaggio univoco di FI e Lega. Una questione di «sciatteria», per dirla con un ministro: «Se il problema fosse politico, sarebbe più semplice, ci metteremmo al tavolo e lo risolveremmo. Invece...». Invece ora servirà dare una «registrata» ai parlamentari, e Giorgia Meloni sembra intenzionata ad organizzare incontri periodici con i capigruppo della coalizione.

Loading...

Le scuse agli italiani

Il tema non è nuovo. Nelle commissioni emerge un certo astensionismo, in particolare di leghisti e forzisti, notano gli alleati. Un problema che va al di là della necessità di adeguare i regolamenti della Camera sui quorum alla luce del taglio dei parlamentari, sollevata dal capogruppo di FdI Tommaso Foti, che a all’inizio della seduta della Camera ha chiesto «scusa agli italiani e al presidente del Consiglio per quanto accaduto». È l’unico passaggio condiviso da maggioranza e opposizioni, in una seduta sospesa più volte, la prima per un malore di Angelo Bonelli (dopo i controlli è stato dimesso dal Gemelli nel pomeriggio), al termine dell’accorata dichiarazione di voto di Avs.

Bagarre alla Camera

Un’altra sospensione è arrivata dopo la bagarre fra FdI e Pd, che ha lasciato l’Aula completando un triplice Aventino dopo quelli delle ore precedenti nelle commissioni Giustizia di Camera e Senato. «Una giornata di forzature», l’ha definita la segretaria dem Elly Schlein. «Adesso potranno completare questa sceneggiata di volere, il primo maggio, portare delle norme che precarizzano ancora di più il lavoro e smantellano il reddito di cittadinanza», il commento da Ivrea del leader M5S Giuseppe Conte, poco dopo la votazione della Camera.

I numeri dell’approvazione

Questa volta Def e scostamento sono approvati con 221 sì, 26 più di quelli di ieri, quando i gruppi di centrodestra avevano assicurato 211 deputati in aula ma a votare erano solo 195. «Dagli errori si impara, spero in futuro non si ripetano situazioni simili», l’auspicio di Giancarlo Giorgetti. Molti assenti si sono messi in fila da ministri e capigruppo per giustificarsi: una sosta in bagno, un impegno elettorale, un convegno... Scuse banali per chi ricorda ad esempio l’allora Ds Guido Calvi trascinarsi con la stampella a votare nonostante il femore fratturato, nel 2006. Ieri ci si è accorti all’ultimo del rischio, senza correre ai ripari.

Il dibattito sulle responsabilità

A parte le tensioni con l’opposizione, al Senato è filato tutto liscio in entrambe le giornate, «senza nessuna scivolata», rivendica «con orgoglio» Ignazio La Russa. «C’è stato un senso di irresponsabilità e superficialità - la spiegazione del ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani -. Sapendo che alla Camera lo scarto è ampio, qualcuno se ne è andato senza avvisare: non ci sono giustificazioni». Da giorni mandava messaggi di allerta in vista del voto delicato, ma qualche critica è arrivata a Ciriani, anche durante la riunione del gruppo di FI. Dove non sono mancate tensioni fra il capogruppo Paolo Barelli, assente ieri per una visita medica, e il suo predecessore Alessandro Cattaneo, con Patrizia Marrocco che sottolineava l’importanza di essere sempre presenti, non solo alle votazioni che contano di più. Antonio Tajani ha invitato all’unità, e quando ha plaudito all’ingresso della ex dem Caterina Chinnici, riferiscono che Cattaneo abbia ribattuto: «Non può diventare la regola che per essere valorizzato in FI diventa più conveniente uscire e poi rientrare con gli onori».

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti