GIUDIZIO NEGATIVO

Def, l’Ufficio di bilancio boccia la manovra «Previsioni troppo ottimistiche»

di Gianni Trovati


Ecco perché l'Upb ha bocciato la manovra «troppo ottimista»

2' di lettura

Le previsioni di crescita alla base della manovra sono «troppo ottimistiche», e ci sono «forti rischi al ribasso» per la congiuntura debole e le «turbolenze finanziarie».

GUARDA IL VIDEO / Manovra, Salvini: dico a nome governo che non torneremo indietro

È per queste ragioni che l'Ufficio parlamentare di bilancio, cioè l'Authority istituita dalla riforma dei conti attuativa del Fiscal Compact, ha negato la «validazione» del programma posto dal governo alla base della Nota di aggiornamento al Def. Arriva così, nell'audizione serale alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, la prima bocciatura ufficiale del documento governativo, criticato in commissione anche da Bankitalia e Corte dei conti.

Audizione Nadef 2018

Visualizza

Ora basta che un terzo dei componenti della commissione, con una mossa scontata per l'opposizione, chieda al governo di tornare Parlamento per attivare il meccanismo del «comply or explain».

GUARDA IL VIDEO - Ecco cosa c'é nella manovra da 36-40 miliardi

Il ministro dell'Economia, insomma, può adeguarsi alle indicazioni dei tecnici, con una revisione al ribasso delle stime di crescita che però imporrebbe di ripensare tutto l'impianto della manovra, oppure spiegare perché intende tenersi fedele ai numeri. Ma l'intoppo non è da poco.

L'agenda di Tria è fittissima. Secondo quanto risulta all’agenzia Radiocor, il ministro dell’Economia sarà costretto a un tour de force: risponderà infatti mercoledì mattina in Parlamento alle obiezioni formulate dall'Ufficio parlamentare di Bilancio. In serata, poi, partirà per Bali dove è in programma il meeting annuale del Fondo monetario fino a sabato 13. Inoltre, in Commissione Bilancio di Camera e Senato, Partito Democratico, Forza Italia, Leu e Fratelli d'Italia chiedono, hanno raccolto le firme necessarie per chiedere che Tria ritorni in audizione dopo la bocciatura dell’Upb, in base alla legge 243 del 2012
che ha introdotto il pareggio di bilancio in Costituzione. Il ministro dovrebbe tornare sempre mercoledì.

GUARDA IL VIDEO - Manovra, ecco tutte le tappe della sessione di bilancio

Altrettanto proibitivo è il calendario della manovra, perché entro lunedì sera va inviato a Bruxelles il Draft Budgetary Plan, cioè il programma dettagliato delle misure della manovra che andrà all'esame della commissione. E la data europea non ammette proroghe.

L'unico precedente in materia non aiuta a trovare la strada percorribile. L'Upb bocciò nell'autunno del 2016 anche le previsioni di crescita elaborate dal governo Renzi, e l'allora ministro dell'Economia cambiò i numeri fissando nel progetto di bilancio per la Ue un deficit al 2,3% invece che all'1,9% indicato nella NaDef. Un po' più di disavanzo rendeva verosimili le stime di crescita esaminate dall'Authority italiana. Ma Padoan poteva farlo senza sforare le regole Ue. Tria non è nella stessa condizione.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti