Real estate

Demetra lending apre il crowdfunding alla finanza d’impatto

L’idea è ospitare operazioni che vanno dall’instant buyer alle procedure esecutive

di Paola Dezza

(Stanislav - stock.adobe.com)

2' di lettura

Sposare la raccolta di capitali del crowdfunding alla finanza che abbia un impatto sociale e ambientale. È l’obiettivo della neonata Demetra lending, la prima piattaforma che nel panorama italiano del crowdfunding immobiliare sarà dedicata all’impact investing. L’obiettivo è ospitare solo progetti immobiliari che soddisfino appunto i requisiti sociali e ambientali di “Impact First”.

Socio unico della piattaforma è Bruno Vittorio Maino, consulente aziendale, che per dare avvio all’attività ha stretto una partnership con Win to Win real estate, società immobiliare bergamasca specializzata nella compravendita di immobili sottoposti a procedura esecutiva e fallimentare con soci Tancredi Giribaldi Laurenti, commercialista, Daniele Gambarini, avvocato, e Fabio Branchi, immobiliarista.

Loading...

Pertanto nella piattaforma si troveranno operazioni immobiliari cofinanziate dal proponente, con un ritorno annuo complessivo del 16%, di cui il 12% viene riconosciuto all’investitore e il 4% destinato a finalità benefiche.

«Accantoniamo un 4% che verrà devoluto a progetti sociali - dice Fabio Branchi -, e per questo abbiamo stipulato un protocollo di intesa con la Caritas, come l’iniziativa Homeness a sostegno delle persone senza fissa dimora. Ma ci sono anche altre intese allo studio».

Tra pochi giorni saranno presentate alcune operazioni. La piattaforma ospiterà tre tipologie di operazioni immobiliari: instant buyer (immobili sul mercato libero da riqualificare), auction (immobili in asta giudiziaria) e pre auction (immobili prossimi all’asta giudiziaria). Per questi ultimi sarà riconosciuto un 50% del ricavato all’esecutato una volta estinta la procedura esecutiva e l’immobile venduto sul mercato libero.

Tutte si concludono entro dieci mesi e prevedono un investimento minimo di mille euro. La scelta della cifra di ingresso è stata dettata dall’idea di aprire anche a giovani e universo femminile. Non solo. In ogni progetto il proponente si deve impegnare con un co-investimento di almeno il 10% dell’operazione.

L’impact investing di Demetra Lending coinvolge anche l’ambiente, con la scelta di vietare la pubblicazione di progetti immobiliari che comportino consumo di suolo, danni all’ecosistema e che sorgano in territori “vergini”.

Demetra Lending è stata sviluppata da CrowdCore, i pagamenti saranno gestiti da Lemonway, istituto autorizzato dalla Banca di Francia a operare sul territorio italiano, e la parte legale è stata affidata ad Avvocati.net, fondata da Alessandro Lerro, tra i massimi esperti in Italia di crowdeconomy e fintech.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati